Chi è Ann Dowd, la super cattiva delle serie tv di culto

Ha recitato in un sacco di serie tv e film di culto. Con The Handmaid’s Tale sta vivendo una seconda giovinezza

 

Ci sono quei volti televisivi che quando appaiono sullo schermo, generano la famosa domanda “Dove l’ho già vista questa faccia?”. Negli ultimi tempi sono eccitato dalla profusione di dolore senza fine della serie tv The Handmaid’s Tale, ideata da Bruce Miller per Hulu e basata sul romanzi di tremenda distopia che è Il racconto dell’ancella di Margaret Atwood. In due parole: gli USA sono diventati un regime di persone non fertili, le poche donne che possono concepire sono schiavizzate dai Comandanti, che le tengono in prigionia come uteri in affitto con le gambe. Le ancelle sono istruite alla schiavitù da altre donne senza scrupoli, cattivissime, dette zie, aunt. Alla protagonista, interpretata da Elisabeth Moss, è toccata Aunt Lydia, interpretata da Ann Dowd.

 

The Handmaid’s Tale wiki - The Handmaid’s Tale

 

Ann Dowd è un’attrice americana di 61 anni, con la taglia forte e l’espressione glaciale di chi te la farà pagare cara. È una caratterista tra le migliori in circolazione e interpreta quasi sempre ruoli sgradevoli. Proprio in questo momento sta vivendo una seconda giovinezza grazie alle serie tv.

In The Handmaid’s Tale, l’ultima sua apparizione, si compiace nel torturare povere ragazze la cui vita è già abbastanza orribile di suo, e lo fa talmente bene che potresti fare incubi con lei come protagonista.

 

The Leftovers  The Leftovers

 

“Dove l’ho già vista?” dicevamo. Facile: in The Leftovers è Patti Levin, la capoccia locale dei Colpevoli Sopravvissuti, che terrorizza i rimasti al mondo ricordando loro che si vive per soffrire. Tutta vestita di bianco, fuma come una ciminiera ed è protagonista di un epico scontro onirico con Kevin Garvey (Justin Theroux) nella seconda stagione che solo a ripensarci mi metto a tremare.

 

The Leftovers  The Leftovers

 

Se con questi due ruoli pensate che abbia raggiunto assoluti livelli di disagio, forse non ricordate una delle sue apparizioni più brutali, che valgono il premio “Ecco chi era!” gridato davanti alla tv.

Ricordate il primo, originale e spettacolare True Detective? Se c’è un momento che fa davvero accapponare la pelle è quando Rust e Marty (McCounaghey e Harrelson) entrano a Carcosa. C’è una scena in particolare nella casa degli orrori, che crea assoluto disgusto. Guardate chi ne è la protagonista:

 

True Detective  True Detective

 

Già. Ann Dowd, oltre a essere un’attrice bravissima, sa anche scegliersi i ruoli perfetti per diventare un’icona di culto. In Louie ad esempio, la serie tv creata da Louis CK, interpreta un altro personaggio schifoso, la suora che punisce il piccolo Louie e che gl’insegna a modo suo la passione di Cristo.

 

Louie  Louie

 

Non si è fatta mancare neanche un’apparizione nella settima stagione di X Files, in un episodio in cui ci sono dei ragazzi che si muovono più veloci dell’occhio umano. In questo caso, per fortuna, Ann non fa paura, è l’episodio a essere inquietante in sé.

 

X Files  X Files

 

Altro giro altra corsa nel fantastico mondo della sgradevolezza: nella serie tv madre di tutti i teen drama disagiati, Freaks and Geeks, Ann interpreta la madre invidiosa di Busy Philipps. Ottima anche in questa veste inusuale kitsch/trash.

 

Freaks and Geeks  Freaks and Geeks

 

Grazie al cielo, non tutti i suoi ruoli sono così tremendi. Nella serie tv Girls, recentemente conclusasi, interpreta Phaedra, che   fa lavorare Hannah (Lena Dunham), nonostante quest’ultima sia in uno stato che non posso spoilerare. Un bel personaggio, finalmente.

 

Girls  Girls

 

A riabilitare del tutto la sua figura ci ha pensato Zach Braff, il JD di Scrubs, nel suo primo film La mia vita a Garden State. Lì, Ann Dowd interpreta Olivia, la madre spirito libero di Sam (Natalie Portman), che abbraccia Andrew (Braff) proprio nel momento in cui ne ha più bisogno, facendolo sciogliere, e noi con lui.

 

La mia vita a Garden State  La mia vita a Garden State

 

Questi sono solo alcuni dei personaggi che Ann ha interpretato (c’è anche un ruolo in Masters of Sex niente male), se date un’occhiata alla sua pagina IMDb c’è da perdersi. Segnatevi il suo nome, la rivedrete presto di sicuro in un’altra, magistrale interpretazione.

 

 wiki

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >