TV e Cinema
di Simone Stefanini 14 Gennaio 2016

30 anni fa andava in onda la prima puntata dei Ragazzi della Terza C

I Ragazzi della Terza C è stato il primo telefilm adolescenziale della televisione italiana

terza-c vanityfair

 

C’è stato un tempo in cui le serie tv si chiamavano telefilmpay tv era solo un modo aristocratico per chiamare le rate mensili per finire di pagare l’apparecchio. Nei catodici anni ’80, martedì 13 gennaio 1987 è stato un giorno epocale per quelli come me, desiderosi di eroi a pronta presa.

Oggi alle 20.30 può capitare di essere ancora sui mezzi per tornare a casa da lavoro. 30 anni fa invece era l’ora x in cui ci si riuniva davanti alla tv e si guardava il programma della serata e quel martedì lì su Italia 1 capitò una cosa epocale: andò in onda il primo teen drama/comedy italiano, I Ragazzi della Terza C. Sigla.

 

 

Dentro c’erano tutti i comandamenti per vivere bene negli anni ’80: i bocciati erano fighi, gli sportivi beccavano, i secchioni erano brutti, i ciccioni erano ciccioni, le bionde erano bone, i fidanzatini ripugnanti, i romani ignoranti, i milanesi c’avevano i soldi, i neri erano negri e fumare faceva bene. No, la sceneggiatura non l’ha scritta Gasparri. Funzionava così,  erano tempi semplici, che ci volete fare?

 

tumblr_myrt5uCRQJ1qz6z2wo1_400 tumblr

 

Il capo del mondo era lo Zampetti, il cummenda milanese interpretato dal mai troppo compianto Guido Nicheli (che sulla tomba si è fatto scrivere “See you later”, diventando un idolo per sempre), imprenditore nel campo dei salumi, con la moglie brutta, la figlia che vogliono tutti e  Aziz, il domestico di colore, che sovente il commendatore chiama “animale” o “mangia banane”, provocando un sacco di ilarità nel pubblico da casa.

Un ottimo esempio di come funzionava l’integrazione in quegli anni lo potete vedere qui sotto.

 

Passiamo ai ragazzi: Chicco Lazzaretti (Fabio Ferrari) era il pluribocciato. Un liceale che se lo guardavi in faccia sembrava più vecchio di te ora, e son passati 30 anni. Era il boss del gruppo di amici, quello che se la cavava sempre, che non studiava mai, che bullizzava i deboli a fin di bene e che conosceva la scuola meglio dei bidelli. In nome dei Duran Duran e con l’appoggio di Scialpi.

 

 

L’amico di Chicco era Massimo Conti, cioè Renato Cestiè, che aveva debuttato da bambino nel mega horror di Mario Bava Reazione a Catena e che nella Terza C faceva quello che pensa solo allo sport e che corre sempre accanto a una Opel Corsa, sponsor nemmeno troppo velato del telefilm (viene citata quando possibile, anche 5 volte a episodio, con frasi tipo “ti vengo a prendere con la mia OPEL CORSA FIAMMANTE”).

Eh sì, era la macchina dei fighi.

 

Opel_Corsa_A_front_20080131 wikimedia

 

Ma la vera attrice che viene dall’horror e della quale ero segretamente innamorato in quegli anni era Nicoletta Elmi (film precedenti: Morte a Venezia di Luchino Visconti, Gli orrori del castello di Norimberga di Mario Bava, Profondo Rosso di Dario Argento, giusto per citarne tre. ) che interpreta Benedetta, la darkettona coi capelli rossi. Pessimista, cinica, esistenzialista, lettrice di mattoni russi, temuta iettatrice. Amore a prima vista.

 

bendetta_esami_3 ragazziterzac

 

Menzione d’onore a Fabrizio Bracconeri, che nel film recita il ruolo della vita: Bruno Sacchi, il timido, impacciato ciccione romano che a scuola non è buono a nulla e sta simpatico a tutti. Poi niente, l’attore è dimagrito e ha iniziato a fare Forum, accomnpagnando Rita dalla Chiesa e Pasquale Africano. Nel 2014 si è candidato alle Europee con Fratelli d’Italia e è nuovamente diventato famoso per aver creduto che Miles Davis fosse un profugo che ci ruba i soldi. Insomma, pare che agli anni 80 lui ci sia rimasto un po’ sotto.

 

Schermata-2015-12-11-alle-03-35-46 noisey

 

Se studiavi eri brutto, per forza. Questa è una regola fondamentale della filmografia occidentale di quel decennio. Elias e Tisini erano le due secchione della Terza C e avevano i seguenti difetti: non erano provviste di nome proprio, erano antipatiche, infami e invidiose,  si vestivano al buio e si beccavano severe dosi di body shaming da parte di tutto il resto della classe. No, il politicamente corretto non faceva parte della programmazione di Italia 1.

 

et2 ragazziterzac

 

La figa, obbligatoria in un programma Mediaset, era Sharon Zampetti, che a memoria non ricordo abbia mai detto una frase più lunga di 5 parole, però ha mangiato tantissimo Cornetto Algida, altro spot del telefilm. Praticamente se la vogliono fare tutti. Fine del ruolo.

 

Schermata 2016-01-14 alle 11.54.12 funweek

 

Il resto è composto dai due innamoratini noiosi alla morte, dal professore partenopeo che dà sempre 3, da Totip, il barista a cui nessuno paga mai il conto (toscano, perché i toscani fanno ridere) e da Ciro, il bottegaio che rifila a Bruno Sacchi dei pacchi colossali.

 

 

Ma il personaggio a cui ero affezionato come a uno di famiglia era Spartaco Sacchi, interpretato dal grande Ennio Antonelli, un ex pugile professionista diventato caratterista di mille commedie all’italiana, da Lo sceicco bianco di Fellini fino ai classici Eccezziunale… veramente, Sapore di Mare, Pierino, Amici Miei atto secondo o Fantozzi subisce ancora. Un attore pari solo al sopracitato Guido Nicheli, ai quali non si capisce come mai il Governo non abbia dedicato una piazza, una banca o alcuni busti in marmo.

 

Ennio2 ragazziterzac

 

Non vi sto ad ammorbare col prima e dopo. Alcuni recitano ancora, altri purtroppo non ci sono più e parecchi hanno smesso. Come capita con le robe di 30 anni fa. Il punto è che quel telefilm, con le gag e le esagerazioni, rappresentava sul serio la realtà italiana degli anni 80, che ci piaccia o no. Era volgare, arrivista, menefreghista, razzista, sessista e un altro sacco di cose brutte che finiscono con -ista. Oltretutto i vestiti facevano pure pena.

Alla fine non sarà che tutta la nostalgia viene esclusivamente dal fatto che eravamo più giovani noi? Dai, facciamolo questo esame di maturità e andiamo avanti.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >