TV e Cinema
di Diego Cajelli 23 Marzo 2016

Attenzione: Batman v Superman non è un film per nerd

Più che un film di supereroi, un’opera di epica classica che spiazza lo spettatore

Bisogna essere sinceri. Altrimenti non vale la pena di scrivere niente, nemmeno una recensione. Quindi, sarò sincero al costo di rendermi antipatico. Avete invaso il Web di pregiudizi. Una pioggia di critiche preventive durata mesi su Ben Affleck nel ruolo di Batman. Avete giudicato un film basandovi su quattro foto e due trailer. Sapete che c’è? Avete perso tempo. In Batman v Superman: Dawn of Justice, Ben Affleck incarna uno dei Batman migliori di sempre, dimostrando che avere una tastiera e una connessione significa soltanto avere una tastiera e una connessione.

 

batman-superman

 

La colpa di Ben Affleck e di Zack Snyder, è quella di arrivare dopo Christopher Nolan e Christian Bale. I paladini del post moderno e della contemporaneità narrativa. Avevano fatto un buon lavoro, ci mancherebbe. Ci avevano dato un Joker eccezionale e un grillino sotto steroidi con l’asma, in uno dei film più spietati sulla politica moderna. Avete gridato al capolavoro, strappandovi le vesti.

Ci sta. Ci sta benissimo, il problema non è mai nell’interpretazione dello spettatore, il problema è in quello che porta a un’interpretazione. Lo dicevo parlando di Deadpool. Ha senso dare allo spettatore esattamente quello che vuole? Creando, quindi, un sostegno immediato?

Sapete che c’è? Zack Snyder se ne fotte della fanbase. Struttura un film radicato nella rappresentazione pura di archetipi classici, con un impianto narrativo dilatato e adulto. Un film in quattro atti non in tre come accade normalmente, spiazzando in questo modo il giovane disilluso che sclera, non riconoscendo più qual è il finale.

 

bvsquad1

 

Snyder non strizza l’occhio alla platea, non celebra e non esalta quello che lo spettatore/fan sa già. Non coccola nessuno, dandogli del figo perchè conosce Miller, Morrison o Quitely. Zack Snyder non ha paura di voi, nerd del cazzo.

Non chiedetevi se questo film rispetta il Cavaliere Oscuro di Frank Miller, chiedetevi, piuttosto, se il Cavaliere Oscuro di Miller rispetta l’archetipo di Sisifo, il personaggio mitologico che ha sfidato gli dei ed è stato condannato a spingere per l’eternità un masso sul versante di una montagna.

Perché è di questo che stiamo parlando. Di epica classica. Di fronte a narrazioni non post moderne non ci si può fermare all’interpretazione contemporanea, guardando “all’ultima cosetta vista” in ordine di tempo. Bisogna scavare, si deve vedere come si sono formati i metatesti della cultura Pop. Altrimenti, tutto si riduce in una ridicola, superficiale, priva di strumenti culturali adeguati, orgia di nozionismo metatestuale e strenua difesa di un canone affettivo di cui non frega niente a nessuno.

 

bvsquad2

 

Batman v Superman è il racconto di Batman e Superman che si dichiarano guerra, mentre un umano minaccia di sconvolgere il mondo intero. Ma Batman v Superman: Dawn of Justice è soprattutto la sfida dell’uomo verso il divino,  Una sfida resa (fin troppo) esplicita dal modo in cui Superman viene inquadrato. Un Superman biblico, sorretto da una rappresentazione visuale del divino che trova la sua forma di composizione direttamente dalla storia dell’arte. Spesso nel film ci sono mani, mani umane che si rivolgono con speranza verso Superman, in scene/quadri al rallenty, quasi fossimo in preda alla sindrome di Stendhal. A sfidarlo, la volontà di potenza di Batman, attivo nel suo nichilismo muscolare, spinto dalla sua necessità ontologica di uccidere Dio.

Un Batman a un passo dall’essere stirneriano, solo, autosufficiente e autodistruttivo, che trae il suo potere dalle sue proprietà. Il personaggio che attiva il complesso meccanismo filosofico e morale della sfida al divino non può che essere un uomo. Un essere umano, figlio consapevole del peggio che può esprimere l’umanità in quanto tale: Lex Luthor. Se c’è un uomo tanto folle da sfidare Dio, ci sarà sicuramente un altro uomo pronto a trarne vantaggio.

 

batman-v-superman-dawn-of-justice-ben-affleck

 

Alla fine, rispettando a pieno l’archetipo classico, Sisifo viene punito. C’è un masso da spingere su per una montagna negli inferi. Ovvero, ci sono altre sfide da accogliere, altri nemici da combattere in quegli inferi globali del mondo della DC Comics.

La batmobile si vede abbastanza. La CGI di Doomsday a volte è un po’ così così, Wonder Woman è gnocca, il film dura un po’ troppo. Sei e mezzo-sette, tre stelline.

È questo che volevi da me? Non te l’ho dato, pazienza. Te ne farai una ragione.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >