Beverly Hills 90210, come sarebbero i profili social di Dylan, Kelly e degli altri protagonisti?

Brenda metterebbe foto un po’ spinte con aforismi di filosofi, mentre Brandon scriverebbe per la visibilità

13646872_10209679393051110_1281405161_o

 

Dei protagonisti di Beverly Hills 90210 ormai sapete vita, morte e miracoli. Mettiamo però che il telefilm che ha appassionato milioni di teenager in tutto il mondo, invece che negli anni ’90 fosse stato girato oggi e che Brandon, Brenda, Dylan e compagnia fossero dei nativi digitali, dei millennials, dei ragazzi che, come i loro simili, stanno tutto il giorno sui social o a trafficare con le app del telefonino.

Come userebbero Facebook? Cosa condividerebbero? Ti inviterebbero a comprare i RayBan a 19 euro oppure ti consiglierebbero di fare il copia incolla del testo bufala sulla privacy di Facebook? Starebbero tutto il giorno a chiederti vite su Candy Crush oppure sarebbero persone di successo, realizzate, che fanno la bella vita tipo Bobo Vieri?

Se questa domanda vi ha legittimamente tolto il sonno, è ora di conoscere la verità.

 

Brandon Walsh: il web contributor che lavora per la visibilità

brandon tumblrnation

Brandon ha sempre voluto fare il giornalista, si è addirittura pagato gli studi da solo lavorando al Peach Pit, un kebabbaro per studenti fuorisede. Era entusiasta quando gli hanno pubblicato il primo articolo d’opinione sul sito di un quotidiano nazionale molto seguito, ma da allora usa Facebook solo per condividere i suoi articoli e taggare i suoi amici, sperando che gli mettano like. Il suo sogno è quello di essere pagato per il suo lavoro, ma per ora gli basta la visibilità, tanto il kebabbaro è sempre pieno e ha sempre bisogno di un cameriere. Purtroppo la mena un sacco con l’attualità, con la politica e si disinteressa alla figa, reputandola una cosa volgare, quindi non è granché seguito.

 

Brenda Walsh: la modella che fa foto di nudo artistico, censurate su Facebook ma  integrali su Tumblr

brenda nypdecider

Brenda si è fatta sedurre dai fotografi che con la scusa di fare foto di nudo, le guardano le tette e il culo. Si è fatta un bel po’ di tatuaggi tradizionali americani e gioca a fare la Suicide Girl, mettendo foto osè sulla sua pagina ufficiale su Facebook, seguite da aforismi di grandi filosofi, per far vedere che non è solo un corpo da urlo. Purtroppo su FB le foto di nudo sono censurate, ma sul suo Tumblr le puoi ammirare integralmente e lasciare anche un commento equivoco.  Ultimamente si sta riciclando dj, fa le comparsate nei club alla moda e prende più di uno bravo.

 

Steve Sanders: lo sbronzo che sbaglia gli hashtag su Instagram

steve thefashionisto

Steve ha i soldi, ha la macchinona, è figlio di vip, praticamente è Lapo Elkann e, come lui, spesso fa un sacco di cazzate. Posta su Instagram foto di gnocche che limona a bordo piscina  e poi le prende dai loro fidanzati, sbaglia hashtag, specialmente quando deve esprimere solidarietà nei confronti di tragedie mondiali, spesso fa errori d’ortografia e soprattutto inizia almeno una frase al giorno con: “non sono razzista, però”.

 

Andrea Zuckerman: la giornalista che voleva scrivere per Vice e invece è in redazione a L’Avvenire

andrea

Andrea, come Brandon, ha dentro il sacro fuoco del giornalismo. A differenza di Brandon, lei  era già caporedattrice a scuola e il suo sogno era quello di fare i reportage su Vice, di andare nei territori di guerra oppure di chiedere agli studenti della Bocconi che musica ascoltano. Poi, per un sacco di motivi, ha trovato lavoro in redazione a L’Avvenire e scrive principalmente di morale, di Papa Francesco e di cose da non fare quando si è giovani. Ha un profilo segreto su Tinder in cui fa la porca con la mascherina.

 

Kelly Taylor: la regina dei selfie tutti uguali con la duckface

kelly decider.com

Kelly è una ragazza del suo tempo: ogni volta che esce, anche solo per un salto al pub sotto casa, posta un album su FB di selfie in cui si diverte un mondo, abbraccia le sue amiche, le bacia sulla bocca, mostra i cocktail e le 500 sfumature di duckface. Spesso inveisce sulla sua bacheca contro anonimi (Sei una stronza, ho fatto male a fidarmi di te) senza dirne mai il nome e vive dei like dei maschi sotto le sue foto. Una volta a settimana scrive che nessuno la ama per quello che è. Facendo la duckface.

 

Donna Martin: la fashion blogger coi vestiti regalati dai brand

donna decider.com

Donna ha fatto carriera e, grazie ai contatti del padre, guadagna un sacco di soldi facendosi foto in cui indossa vestiti, gioielli e cani da borsetta regalati dai grandi marchi, come il suo idolo Paris Hilton. Alle feste di Steve cerca sempre di evitare quella sfigata di Kelly e quella zoccoletta di Brenda, perché lei ha uno status da mantenere e non può certo farsi vedere con la plebe degli sfigati, altrimenti i follower su Instagram calano.

 

Dylan McKay: il capo di Tinder

dylan thefashionisto.com

Dylan lo smartphone non lo voleva nemmeno. Lui era tutto preso con le moto, il surf e la gnocca. Poi gli hanno detto che con Tinder si faceva prima che a provarci con tutte le tipe di un locale, e da allora è diventato il re. Conosce tutti i trucchi, tutte le frasi a effetto, tutte le foto più adatte per matchare e quando si arriva al sodo non si tira mai indietro. Su Facebook non scrive mai nulla, ma guarda di nascosto tutti i post delle ragazze carine e quando una, tipo Kelly, scrive che nessuno la ama, le invia un messaggio privato farla sua senza ritegno.

 

David Silver: il dj di successo che t’invita a tutti gli eventi

david decider.com

David ha capito subito qual era la strada da prendere: fare il dj. Ora prende dai 5 ai 25mila € a serata, facendo il dj nei migliori club d’Europa. Ibiza, Berlino, Londra, Milano, Parigi, prima delle sfilate, ai vernissàge e nei privè più esclusivi. Ha partecipato per due anni a Top DJ come coach, prima di lasciare il posto a Tommy Vee e godersi la vita. La sua pagina FB ha 570.000 fan che invita ogni volta alle sue serate. Qualcuno l’ha nascosto perché dopo un po’ rompe le scatole, ma i più sono felici di mettere “Mi interessa” all’evento. Tra l’altro, sta con Megan Fox.

 

BONUS: Scott Scanlon: il nerd messo sotto da una macchina mentre cercava i Pokémon

scott Grab via Youtube

Povero Scott. Ha attraversato la strada in tutta fretta perché al di là della statale c’era un Pokémon da catturare con Pokémon Go e SBAM! è stato preso da una Mazda (un’auto bella da Dio, ha detto prima di spirare). Colmo della sfiga: alcuni delinquenti gli hanno rubato il telefono con Pokèmon Go mentre lui era ancora a terra. Tira proprio una brutta aria in città.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >