I 10 film più belli di Bud Spencer, con e senza Terence Hill

Stasera fagioli, birra e maratona di film del gigante buono: spaghetti western, commedie brillanti, polizieschi, film d’avventura e pure un horror

Con la morte di Bud Spencer, se n’è andato un altro pezzo della nostra infanzia. Oltre all’icona, se ne va anche uno degli attori italiani più famosi nel mondo, grazie alla sua fisicità, ai suoi cazzottoni e alla sua bontà.

Se pensiamo a lui, quasi non possiamo dividerlo dal compagno di tanti film, Terence Hill, eppure ne ha girati un bel po’ anche da solo, sempre al top. Spaghetti western, commedie brillanti, polizieschi, film d’avventura e pure un horror.

Stilare una classifica dei suoi migliori film è decisamente difficile, perché c’entra tanto il momento in cui li abbiamo visti e i ricordi ad essi legati. Qui sotto, vi consigliamo i nostri 10 preferiti e già sappiamo che ce ne sarebbero altri 10 pronti a entrare in classifica.

È il momento di fare la maratona celebrativa, e stasera infatti maratona: altrimenti? Altrimenti ci arrabbiamo!

 

10) Anche gli angeli mangiano fagioli

Titolo leggendario per un film del 1970 di E.B. Clucher (nome d’arte di Enzo Barboni). Ai tempi andavano i nomi inglesizzati perché i film li giravano in inglese per poi ridoppiarli in italiano. Questo spiega la fama mondiale di Bud. La coppia è piuttosto inedita, perché al posto di Terence Hill c’è Giuliano Gemma, e anche l’ambientazione è singolare, gli anni ’30 a New York. Si parla di wrestling, di mafia e di omicidi, ma tranquilli, alla fine i buoni vincono.

 

9) Uno sceriffo extraterrestre… poco extra e molto terrestre

Quanto è carino questo film, uno di quelli che se lo danno in replica stasera non esco per vederlo. È una commedia fantascientifica diretta da Michele Lupo nel 1979, che parla di dischi volanti, di un bambino che viene dallo spazio e dei cazzotti che deve dare al comandante della base militare che vuole rapirlo. Ha anche un sequel, Chissà perché capitano tutte a me.

 

8) Quattro mosche di velluto grigio

A quelli che lo conoscono solo come attore comico, potrebbe essere sfuggita la partecipazione di Bud Spencer in questo thriller di Dario Argento del 1971. Bud interpreta Diomede, soprannominato Dio, l’amico stravagante del protagonista, che vive in una baracca e alla fine gli salva la vita. Un ottimo modo per vedere tutte le sfaccettature di Bud (e per qualche brivido di terrore).

 

7) Lo chiamavano Bulldozer

Uno dei grandi film di culto della commedia all’italiana in versione americana, questo di Michele Lupo del 1978. Bud è Bulldozer, un marinaio, ex superstar del football americano che si trova ad allenare una squadra di sfigati a Livorno e di farli vincere contro i militari americani di Camp Darby. La scena qui sopra è una delle più divertenti di tutti i film di Bud.

 

6) Bomber

Un film di Michele Lupo del 1982, in cui Bud è affiancato da Jerry Calà. Bud è un ex pugile che grazie a Jerry riesce a tornare a vincere. Una sorta di Rocky all’italiana, con la mitica canzone Fantasy degli Oliver Onions come colonna sonora, la stessa utilizzata con un testo diverso per il cartone animato Galaxy Express 999.

 

5) Piedone lo sbirro

Poca commedia nel poliziesco girato da Steno (il padre dei Vanzina) nel 1973. Bud è il commissario Rizzo, detto Piedone, che combatte a suon di botte in una Napoli corrotta dalle cosche della malavita. Il primo di una saga che vedrà Piedone prima a Hong Kong, poi in Africa e in Egitto. Uno dei pezzi della colonna sonora dei fratelli De Angelis (Oliver Onions) è stato poi scopiazzato anni dopo dagli U2.

 

4) Banana Joe 

Ancora Steno, ma stavolta si ride. Uno dei film di Bud in Sud America, nell’Ecuador degli anni 70, in cui Bud, l’ingenuo Banana Joe, difende gli indios dalla malavita locale e mostra il suo cuore d’oro. Alla fine vincono i buoni sentimenti, le banane e la sigla caraibica degli immancabili Oliver Onions.

 

3) Più forte ragazzi

Arriviamo al rush finale con tre film in cui Bud fa finalmente coppia con Terence Hill. Il primo è questo film del 1972 diretto da Giuseppe Colizzi, in cui i due sono piloti d’aereo che precipitano nella giungla e che dovranno aver di tutto per non attirare le ire di Mr. Ears, il cattivo di turno. Cazzotti come se piovessero e di nuovo colonna sonora mitica degli Oliver Onions.

 

2) Altrimenti ci arrabbiamo

Esiste film più visto di questo? Non ne siamo così sicuri. Il più divertente della premiata ditta Spencer Hill, quello in cui i due sono Ben e Kid, un meccanico e un camionista che vincono una Dune Buggy fiammante a una corsa e che poi tenteranno per tutto il film di riprendersela, dopo che gli è stata rubata dal Capo, uno speculatore edilizio. Il coro dei pompieri vale da solo tutto il film, così come la canzone della sigla. Indovinate di chi? Esatto, degli Oliver Onions. A questo punto, un bel best of celebrativo lo si potrebbe anche comprare.

 

1) Lo chiamavano Trinità

Non potevamo che dare la palma a Trinità e Bambino, del classico spaghetti western in chiave comica di E.B. Clucher del 1970. Non è il primo film che i due girano in questa ambientazione, ci sono già stati i più seri Dio perdona… io no, I quattro dell’Ave Maria e La collina degli stivali (tutti strepitosi) e sarà seguito da …Continuavano a chiamarlo Trinità. Siam sicuri che conosciate ogni minuto di questo film, dalla colona sonora fischiata di Franco Micalizzi alla battaglia per salvare i Mormoni. Creò il sottogenere parodistico Fagioli Western, ma è ben più di una parodia, è un classico  del cinema italiano.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >