Caso Evangelion: è giusto che Netflix si sia piegata alle polemiche dei fan?

Netflix ha tolto Neon Genesis Evangelion dal suo catalogo per correggere l’adattamento in italiano

Qualche giorno fa avevamo parlato della rivolta popolare, soprattutto via social, dei fan di Neon Genesis Evangelion a causa del nuovo adattamento in italiano ad opera di Gualtiero Cannarsi per l’edizione HD su Netflix. Termini impropri (Apostolo per Angelo, Maghi per Magi, Unità Prima per EVA01 tra gli esempi più lampanti) ma soprattutto l’utilizzo di una sintassi che non sembra neanche appartenere alla grammatica italiana, come potete sentire qui sotto.

Il nuovo adattamento ha generato gruppi di meme, ha fomentato gruppi già esistenti contro il precedente lavoro di Gualtiero Cannarsi come adattatore dei film dello Studio Ghibli per Lucky Red, l’immancabile petizione su Change.org e ha fatto venire allo scoperto il direttore del doppiaggio Fabrizio Mazzotta, che in un articolo de La Stampa si è detto perplesso sull’adattamento e sul significato delle frasi stesse.

Ogni giorno, puntualmente, sotto i post Facebook di Netflix, i fan hanno lamentato il silenzio del network riguardo le polemiche finché, poco prima di mezzogiorno, è uscito il tanto sospirato comunicato ufficiale di Netflix:

 Facebook


Al momento, sulla piattaforma di streaming più famosa in Italia, il titolo Neon Genesis Evangelion e i due film Death & Rebirth e The End Of Evangelion (tutti riadattati da Cannarsi) sono stati tolti dal catalogo e gli utenti possono solo salvarli nella lista delle cose da vedere, quando riappariranno col nuovo doppiaggio.

Un successo della mozione popolare che negli ultimi tempi ha alzato il tiro in modo esponenziale: prima la petizione firmata da più di un milione e mezzo di persone in tutto il mondo per far rigirare la stagione finale di Game of Thrones, ritenuta insoddisfacente da molti fan (a cui HBO non ha mai concesso una risposta), poi il casino scoppiato quando sono state pubblicate le prime immagini del film in live action di Sonic, col protagonista che più brutto non si poteva. In quel caso, visto il flop annunciato, la produzione ha deciso di rifare da capo il design del personaggio. Oggi, la vittoria dei fan sulla multinazionale.

Di fronte a questa mossa plausibile ma anche inaspettata, si apre una riflessione su quanto sia giusto che un colosso come Netflix si pieghi al volere popolare e quanto questa decisione possa costituire un pericoloso precedente, che potrebbe dare il la a shitstorm ogni qual volta una serie o un film semplicemente non incontri il gusto dei fan, ma c’è da fare qualche preambolo.

In questo particolare caso, il pubblico non si è espresso sull’opera originale ma su un adattamento che presentava difetti oggettivi e snaturava sia il significato di alcuni termini chiave, sia la lingua italiana in generale. Il fatto singolare, casomai, è che Netflix non si sia posta il problema di effettuare un controllo qualità adeguato per intervenire per tempo su un prodotto diventato difficilmente fruibile sia dai vecchi fan, sia dal nuovo target formato dalle generazioni nate dopo gli anni ’90, che potrebbero aver lasciato Neon Genesis Evangelion dopo i primi episodi.

Per sua stessa natura, NGE è un enigma. L’ha definito così Hideaki Anno, il suo ideatore e la ragione è dalla sua: una serie tv da 26 episodi pieni di citazioni religiose e deliri psicologico/sessuali in un clima da Armageddon di cui, già ai tempi della sua messa in onda, i fan non amarono la fine a tal punto da mettere lo Studio Gainax nella posizione di girare un film, The End Of Evangelion, che sostituisse il finale originale, per poi tornare di nuovo sopra la storia con una quadrilogia di film (di cui deve sempre uscire l’ultimo) che ne hanno riscritto la trama.

NGE è amato dai fan proprio per questa continua evoluzione e perché, di base, è la storia di un pugno di reietti della società, pieni di problemi e insicurezze, che tentano di impedire la fine del mondo (in più, è un trip/psicodramma di rare proporzioni).

Dunque, è giusta l’ingerenza dei fan nelle decisioni dei produttori di contenuti? Diciamo: solo quando è sensata. In questo caso lo è stata al punto da aspettarci che anche Lucky Red possa riconsiderare il doppiaggio dei capolavori dello Studio Ghibli di Hayao Miyazaki, spesso impossibili da seguire a causa delle frasi create da Gualtiero Cannarsi oppure resi ridicoli da scelte davvero di dubbio gusto, una fra tutte quella di rinominare lo Spirito della Foresta de La Principessa Mononoke col nome di Dio Bestia (ci perdonino i cattolici, immaginiamo i bambini urlare questo nome all’asilo dopo aver visto il film coi genitori, prelevati forzatamente dagli assistenti sociali).

Tutt’altra questione è quella legata al finale di Game of Thrones, che siamo d’accordo possa piacere o non piacere, ma lì si entra nel gusto soggettivo del pubblico, che non dovrebbe in alcun modo interferire con la realizzazione di un prodotto d’intrattenimento, solo decretare il successo commerciale o meno della proposta (a meno che non sia interpellato durante la realizzazione).

La decisione di Netflix appariva piuttosto obbligata e non staremo troppo a preoccuparci se costituirà un precedente pericoloso o meno: in questo caso sembra piuttosto la presa coscienza di un errore e la volontà di porvi rimedio. Ora non resta che attendere Neon Genesis Evangelion in italiano di nuovo su Netflix.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >