Come capire la lobotomia con Ratched

La serie si basa sul romanzo Qualcuno volò sul nido del cuculo (1976) di Ken Kesey

Nel bene e nel male la scienza ha dato un contributo fondamentale alla società. Un esempio è la medicina: questa è in continua evoluzione ed è grazie ad essa se le malattie che ieri sembravano incurabili oggi non lo sono più. Nella storia sono state parecchie le scoperte in ambito medico, alcune utili altre meno. Tra queste troviamo la lobotomia, una delle pratiche più macabre della storia. Lo scopo di questa era quella di curare malattie mentali come depressione, schizofrenia e disturbi bipolari.

La lobotomia era utilizzata contro ogni malattia mentale

La lobotomia è una delle pagine più losche e macabre della storia della medicina. Questa pratica nasce verso la fine dell’Ottocento e consiste nel sezionare le connessioni nervose per la corteccia prefrontale ovvero la parte più anteriore dei lobi. In altre parole, questa azione consiste nel distruggere la sostanza bianca del cervello portando ad una modificazione della personalità. Sembra la trama di un film splatter, infatti alcuni registi hanno preso ispirazione da questa. Alcuni esempi sono Martin Scorsese con Shutter Island (2010) e Miloš Forman con Qualcuno volò sul nido del cuculo (1976).

L’arrivo di Ratched su Netflix, la serie che parla della lobotomia

In merito alla questione, la piattaforma Netflix ha lanciato lo scorso 18 settembre: Ratched, serie creata da Ryan Murphy, creatore di American Horror Story. La serie si basa sul romanzo Qualcuno volò sul nido del cuculo (1962) di Ken Kesey. Ambientato nel 1947, la protagonista è Mildred Ratched, una terribile infermiera che entra a far parte in un team di infermieri che lavorano all’interno di un centro psichiatrico dove vengono attuate pratiche particolari e macabre per curare le malattie psichiche dei pazienti. Lo scopo del regista è quello di indagare sul passato di uno dei personaggi più tormentati della storia del cinema, l’infermiera, appunto, di Qualcuno volò sul nido del cuculo. Si cerca di svelare i segreti dei protagonisti tra cui la nostra infermiera e il perché questa voglia entrare a tutti i costi nello staff della clinica.

Ratched entra subito nella Top 10 di Netflix

Il pubblico ha accolto positivamente la serie. A meno di due settimane la serie è nella top 10 di Netflix. Oltre alla trama, di particolare interesse è stato la scelta del cast: da Sarah Paulson, già presente in American Horror Story, a Sharon Stone fino a Cynthia Nixon.

In otto episodi si vede come dietro ogni personaggio si cela un vissuto strano, buio e allo stesso tempo affascinante. Si capisce subito che Ratched è una serie importante e che oltre ad offrire al pubblico vicissitudini intriganti, regala anche grandi riflessioni sulla violenza umana.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >