TV e Cinema
di Marco Villa 19 Aprile 2016

David di Donatello, la rivoluzione della leggerezza

Perfetti Sconosciuti, Lo chiamavano Jeeg Robot e Il Racconto dei Racconti si sono presi il cinema italiano

jeeg-robot

 

Sedici anni, è questo il tempo che è passato dall’ultima volta che una commedia ha vinto i David di Donatello. Era il 2000 e il premio andava a Pane e Tulipani di Silvio Soldini: da quel momento un’infilata di film spesso bellissimi, ma sempre drammatici e molto d’autore, come da tradizione recente del cinema italiano.

Fino a quest’anno, l’anno della svolta. Un anno di vero cambiamento, che inizia dal premio per il miglior film a Perfetti Sconosciuti di Paolo Genovese, passa per il trionfo di Lo chiamavano Jeeg Robot e si conclude con la produzione dello show affidata a Sky.

 

perfetti-sconosciuti-ritorno-commedia-italiana  Perfetti Sconosciuti

 

Tre storie diverse, tutte unite da un unico sentimento: la leggerezza. Il film di Paolo Genovese è una commedia interamente ambientata in una stanza, che riesce a raccontare il mondo che sta al di fuori, perché quello della privacy della propria vita online è tema del presente, che tutti conosciamo. Non una storia alta o altra, quindi, ma una storia semplice e quotidiana, scritta e messa in scena come dio comanda. Meglio: scritta e messa in scena come una commedia in grado di diventare un classico.

 

jeegrobot  Lo chiamavano Jeeg Robot

 

Su Lo chiamavano Jeeg Robot si è già scritto tanto e anche noi abbiamo detto che – semplicemente – tutti i film italiani dovrebbero essere così. Non come storia, ovvio, ma come taglio: un film che scava nel territorio e nell’ambientazione italiana, ma con un approccio che vuole essere universale. Lo chiamavano Jeeg Robot si è portato a casa sette David: due se li è presi Gabriele Mainetti (produttore e regista esordiente), uno il montatore Andrea Maguolo e poi hanno fatto filotto gli interpreti: miglior attore e attrice protagonisti (Claudio Santamaria e Ilenia Pastorelli) e non protagonisti (Luca Marinelli e Antonia Truppo). Praticamente tutto quello che contava, escluso il premio principale, per cui il film non era candidato.

Quella di un cinema di genere e d’azione in Italia è stata una scommessa rischiosissima, condivisa con Il Racconto dei Racconti di Matteo Garrone, che ha vinto per la miglior regia (anche qui Lo chiamavano Jeeg Robot non era candidato) e ha conquistato altre sei statuette tecniche e visive (da fotografia a effetti digitali, passando per trucco, acconciature, costumi e scenografia). Due film diversi tra loro, ma diversi anche dal cinema italiano: la loro vittoria è la prova che il cinema italiano sta affrontando un momento cruciale, quello in cui può cambiare e tornare a essere contemporaneo e attuale non solo in riferimento al nostro paese, ma anche in un orizzonte internazionale. In questo senso, diventa simbolica la sconfitta di Youth di Paolo Sorrentino, film comunque importante, ma che finisce per essere penalizzato da questa nuova onda di genere. La stessa onda che avrebbe potuto portare premi al bellissimo Non essere cattivo di Claudio Caligari, che invece ha conquistato solo il David per il miglior fonico di presa diretta.

 

cattelan-david

 

L’ondata di cambiamento e di ritrovata leggerezza è coincisa con la prima cerimonia dei David prodotta e trasmessa da Sky. Rispetto alle edizioni RAI, un abisso: impossibile non notare la differenza di ritmo e di approccio, con la volontà di guardare alle cerimonie statunitensi, senza però ridursi a plagiare minuto per minuto. La conduzione di Alessandro Cattelan è stata precisa ed essenziale, con qualche chicca non da poco, tra cui la splendida battuta al presidente dell’Accademia Gian Luigi Rondi (“Preghiamo chi ritira i premi di essere rapido, Rondi ha 94 anni e vorrebbe vedere la fine della cerimonia”) e il video iniziale dei The Jackal con un autoironico Paolo Sorrentino. Ultima annotazione a riguardo: al netto del red carpet iniziale, la cerimonia è durata due ore. Tempo perfetto, tutto filato via liscio. Leggerezza nei film, leggerezza nel racconto: le due cose non sono ovviamente collegate, ma volendo essere fatalisti, non poteva che essere così. Per i David e per il cinema italiano, è stato l’anno perfetto.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >