David Lynch ha dichiarato che non farà mai più film per il cinema

Sembra che il regista che più di tutti ha fatto diventare pop la sperimentazione, abbia deciso di lasciare il mondo del cinema per sempre

 arezzoweb.it

 

Mancano due settimane al nuovo Twin Peaks, il revival diretto da David Lynch avvolto nel mistero più fitto, il cui pilot verrà mostrato tra pochi giorni al Festival di Cannes e proprio a ridosso di questa occasione istituzionale, il regista ha spiazzato i suoi ammiratori in tutto il mondo, dichiarando che non vuole più girare film per il cinema.

Ai microfoni del Sydney Morning Herald, David Lynch ha risposto di sì (anche se dopo una piccola pausa di riflessione) alla domanda se si sentisse di avere già girato il suo ultimo film.

“Le cose sono cambiate tantissimo. Molti film non funzionano al box-office anche se sono grandi film, e le cose che vanno bene non sono quelle che voglio fare io.” ha risposto sull’argomento, mentre quando gli hanno domandato del ritorno misterioso di Twin Peaks ha così chiosato:  “Ormai la gente vuole sapere tutto… finché riesce a sapere davvero tutto su un’opera, e a quel punto non ci tiene più veramente. Io non voglio sapere nulla prima di vedere qualcosa. Voglio che la mia esperienza sia completamente pura, voglio catapultarmi in quel mondo e vedere cosa succede.”

 

 

Sembra quindi che il regista che più di tutti negli ultimi 30 anni è riuscito a rendere popolare la sperimentazione cinematografica, di cui ha rivoluzionato linguaggio e astrazioni facendole entrare persino nelle case del pubblico attraverso la tv, abbia deciso di andare in pensione, almeno per quanto riguarda il lavoro sul grande schermo.

 

David Lynch dirige Twin Peaks entertainmente - David Lynch dirige Twin Peaks

 

Il suo ultimo film rimarrà INLAND EMPIRE del 2006, uno dei suoi progetti più ambiziosi e criptici, girato in digitale, con Laura Dern in grande spolvero e una trama non lineare che ne accentua tutti gli esperimenti di linguaggio e di montaggio, e ce ne sono davvero tanti. Non uno dei suoi film più riusciti, va detto, tanto che nella nostra classifica dei suoi film più belli lo abbiamo messo al nono posto. Tre ore di non-sense visivo che non stentiamo a capire perché non abbia avuto un grande successo, come invece il precedente, bellissimo Mulholland Drive (2001), che ha vinto il Festival di Cannes per la miglior regia, per il quale ha avuto anche problemi di fondi e sovvenzioni negli Stati Uniti ed è stato co-prodotto in Francia.

 

David Lynch dirige Naomi Watts in Mulholland Drive fanpop - David Lynch dirige Naomi Watts in Mulholland Drive

 

Di sicuro, il regista 71enne, tra il ritorno di Twin Peaks, la pittura (il suo primo amore) e la Fondazione David Lynch per la meditazione trascendentale, ne avrà di progetti di cui occuparsi, senza rimpiangere il cinema, che gli ha dato tanto e a cui ha dato forse addirittura di più. Ci mancherà.

 

David Lynch dirige Isabella Rossellini in Velluto Blu fanpop - David Lynch dirige Isabella Rossellini in Velluto Blu

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >