TV e Cinema
di Dailybest 9 Marzo 2021

Due scatole dimenticate – Il lascito postumo della più grande documentarista italiana

Lo scorso 7 marzo Rai 1 ha mandato in onda in prima visione assoluta “Due scatole dimenticate. Un viaggio in Vietnam”, l’ultimo documentario realizzato da Cecilia Mangini, storica regista e cineasta scomparsa a 93 anni.

Lo scorso 7 marzo Rai 1 ha mandato in onda in prima visione assoluta Due scatole dimenticate. Un viaggio in Vietnam, l’ultimo documentario realizzato da Cecilia Mangini, a poco più di un mese dalla sua scomparsa, all’alba della Giornata internazionale dei diritti della donna, un importante omaggio a colei che è stata la prima, e probabilmente la più grande, documentarista italiana. Un film politematico, fatto di foto e parole, stratificato e importante come la persona che è stata la Mangini nella storia culturale del Novecento, e anche oltre.

Le tapparelle vengono tirate su dalla regista stessa. Ora le immagini possono iniziare a parlare. Da due scatoloni recuperati da un punto dimenticato della casa appaiono centinaia di scatti risalenti al 1965, quando Cecilia si trovava in Vietnam insieme a Lino Del Fra per un sopralluogo: avrebbero dovuto girare un film sulla resistenza del popolo vietnamita che poi non vedrà mai la luce poiché i due reporter dovettero lasciare Hanoi dopo tre soli mesi a causa delle offensive sempre più aspre condotte dai bombardieri statunitensi. Riesumare tutto questo materiale diventa il pretesto per riportare a galla ciò che era intrappolato nella voragine del passato, tutti i volti che non servono a vedere il corso generale della storia,ma che sono in grado di restituirci pezzi di vita, che nel racconto si intrecciano facendoci sentire più partecipi.

In Vietnam si poteva percepire la lontananza da casa anche per un fattore olfattivo. Le prime foto trasportano l’aria e il suo odore a tratti speziato, completamente diverso da quello dell’Italia. Tuttavia talvolta, astraendo i soggetti ritratti, sembrava di poterli ricollocare nelle strade europee. Negli amanti che si danno la mano, presi furtivamente sia di spalle che di fronte, sembra regnare una tranquillità serena. La guerra pare lontana, nonostante lui vesta la divisa, e lo schienale della panchina su cui siedono sia palesemente sfondato. Finito il loro momento d’amore, tra un’ora potrebbero dover fare i conti con un attacco aereo. Ma questo la foto non ce lo può dire.

Cecilia Mangini al IFFR 2020 – Ph Vera de Kok it.wikipedia.org Cecilia Mangini al IFFR 2020 – Ph Vera de Kok

Nella parte centrale del film arrivano i bambini. Bambini che nella loro infanzia hanno dovuto subire le follie colonialiste dei francesi, imparando a memoria frasi come “i nostri antenati sono i Galli”. Mangini li trovava sempre e comunque intenti a giocare, sui marciapiedi o in cima ai rifugi collettivi, a far la lotta in momenti quasi rituali, accompagnati da suonatori di tamburi, o nell’atto di  disegnare sui muri aerei e bombe. Le si ammassavano intorno quando la vedevano, affascinati dall’oggetto magico che teneva in mano. “Regalare a ogni bambino vietnamita una macchina fotografica potrebbe essere un’iniziativa socialista”. In questo modo avrebbero potuto raffigurare loro stessi quello che era importante, sprigionando la propria “forza multipla”. Venivano interrotti soltanto dalla sirena, segnale che bisognava correre a rifugiarsi.

Tutto il paese era in guerra. Le donne non erano escluse, e forse erano più impegnate degli uomini stessi. Uno dei loro compiti fondamentali era sparare agli aerei americani, cercando di colpire il serbatoio. Recatasi da un gruppo di operaie tessili per fare alcuni scatti, la Mangini si sentì rispondere che certo, si sarebbero lasciate fotografare, ma in abiti più eleganti. Tornate dopo essersi cambiate, le donne erano in divisa militare, fucile compreso. L’essere combattenti era il segnale d’eleganza, e la garanzia che il Vietnam sarebbe stato libero veniva direttamente da loro. “Era un popolo che non si piegava, affrontavano la durezza del combattimento con serenità”. E alla fine la guerra l’hanno vinta.

Due scatole dimenticate è l’ultima rincorsa che Cecilia Mangini ci ha offerto prima di congedarsi per sempre da noi. “Io non dico chi sono io, lo pensino gli altri”. Questa frase, pronunciata all’inizio della pellicola suona come l’ennesimo lascito della sua saggezza storica e politica.  In questi 58 minuti la vediamo sconfortarsi, lanciare invettive contro l’obbligo di ricordare, appassionarsi un’ultima volta alla storia da raccontarci. Ovviamente una storia di resistenza. È stato un piacere Cecilia, a presto.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >