TV e Cinema
di Mattia Nesto 26 Luglio 2021

Erwig e la Strega, la CGI sbarca allo Studio Ghibli

Erwig e la Strega non è certamente un film d’animazione perfetto, ma i suoi più grandi problemi non sono dovuti alla computer grafica

Lo so cosa volete sentirvi dire: Goro Miyazaki ha sbagliato tutto, la scelta di abbracciare la CGI, al posto del tradizionale e superbo disegno dello Studio Ghibli è il grande problema di questo nuovo lungometraggio. E invece, cari amanti della restaurazione, mi spiace deludervi: Erwig e la Strega non è certamente un film d’animazione perfetto, ma i suoi più grandi problemi non sono dovuti alla computer grafica, piuttosto ad una sceneggiatura che a tratti rasenta la sciatteria. Tuttavia, in modo un po’ paradossale, non me la sento di sconsigliarvi questa visione, vi spiego perché.

Come già capitato in passato per Il castello errante di Howl, la “materia sorgente” di Erwig e la Strega è l’omonimo romanzo di Diana Wynne Jones ambientato in un’Inghilterra all’apparenza di fantasia ma dai tratti molto reali. I primi venti minuti del film sono praticamente perfetti. La scena iniziale, in cui si vede una misteriosa donna dai capelli rossi lasciare sulla porta di un orfanotrofio sua figlia in fasce è magistralmente girata e lascia presagire ottimi risvolti dovuti all’animazione. Erika, il cui vero nome però è Erwig, è, letteralmente, una bambina magica, dotata di un’intelligenza superiore e capace di manovrare più o meno a piacimento le altre persone. Questa sua caratteristica viene enfatizzata dalla pettinatura, con le due codine verticali che ricordano molto da vicino l’insetto “forbicina” che, apprendiamo da Wikipedia: “L’epiteto specifico latino auricularia significa relativa all’orecchio (auricula) ed in lingua inglese il nome di questo insetto è earwig, ovvero creatura dell’orecchio. Il nome tedesco “Ohrenzwicker” ha pressappoco il medesimo significato. Entrambi derivano dalla convinzione, molto diffusa quanto priva di fondamento, che questo insetto penetri attraverso l’orecchio nel cervello umano e vi nidifichi“.

La vita di Erika non è tutta rosa e fiori, anzi.  La vita di Erika non è tutta rosa e fiori, anzi.

Erika si trova benissimo all’orfanotrofio (contrariamente a storie di questo tipo) e per tale motivo non ha alcun interesse ad essere adottata. Eppure una strana coppia, formata da un donnone e da un inquietante spilungone, la scelgono. Nonostante le resistenze, Erika alla fine deve andare a casa con loro. La bambina, che come ho ricordato prima è molto sveglia, capisce fin da subito che Bella Yaga e Mandragora, così si chiamano i due, sono rispettivamente una strega e un demone. Tuttavia, invece di spaventarsi e perdersi d’animo, decide di sfruttare la situazione a suo favore: vuole imparare la magia e quale modo migliore lavorando a fianco a fianco con una fattucchiera?

Bella Yaga non è certamente una che ti fa stare con le mani in mano  Bella Yaga non è certamente una che ti fa stare con le mani in mano

In questa sorta di casa-prigione, Erika piano piano comincia a scoprire i vari segreti delle stanze, come quella di Mandrogora, praticamente inaccessibile dall’interno ma da cui proviene una musica inquietante. Erika si dimostra una lavoratrice tenace anche se Bella Yaga la mette a dura prova con continui e pressanti compiti. Per fortuna la bambina fa presto conoscenza con Thomas, un gatto nero che le ricorda tantissimo il suo amico di infanzia Budino. Ecco: vi ho raccontato i primi venticinque minuti, mi spiace dire che da questo punto in poi il film si “pianta”. Non è tanto il ritmo a calare quanto la consequenzialità delle azioni che iniziano, per così dire, a ruotare in cerchio, non portando ad alcun sviluppo significativo.

Thomas è davvero molto carino!  Thomas è davvero molto carino!

Ci sono momenti interessanti, intendiamoci, come quando Erika e Thomas si mettono a preparare una lozione magica ma, contrariamente a un film Ghibli classico, che parte piano e che poi va avanti e termina in crescendo, qui si assiste al contrario. Anche il finale, che non vi dirò ovviamente, lascia un po’ tutto in sospeso. Eppure, come sostenevo all’inizio, il film va visto perché, anche se la storia non è perfetta, le animazioni e il comparto artistico generale sono abbastanza piacevoli. Non è un capolavoro, ma si tratta pur sempre del debutto in CGI dello Studio. Anche Mandrogora, nonostante sullo schermo appaia poche volte, è un personaggio dal buon potenziale che rimane inespresso, così come il resto della pellicola. Un’opera potenzialmente molto buona che si attesta su una soglia poco sopra la sufficienza, a mio modo di vedere, e trova nella colonna sonora il suo lato più riuscito.

Satoshi Takebe ha infatti realizzato dei pezzi suonati benissimo, con un rock anni Settanta che, senza fare urlare al miracolo, si inserisce perfettamente nell’economia del raccontato, dando per di più un sapore totalmente differente rispetto a un film di Miyazaki padre. Insomma, a conti fatti, Goro deve ancora trovare la sua anima artistica e, soprattutto, fare i conti con un modo di sceneggiare i film migliore e meno affrettato. Erwig e la Strega aveva tutte le potenzialità per diventare un grande album e invece è rimasto (solo) un ep con qualche spunto interessante.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >