TV e Cinema
di Mattia Nesto 26 Luglio 2021

Erwig e la Strega, la CGI sbarca allo Studio Ghibli

Erwig e la Strega non è certamente un film d’animazione perfetto, ma i suoi più grandi problemi non sono dovuti alla computer grafica

Lo so cosa volete sentirvi dire: Goro Miyazaki ha sbagliato tutto, la scelta di abbracciare la CGI, al posto del tradizionale e superbo disegno dello Studio Ghibli è il grande problema di questo nuovo lungometraggio. E invece, cari amanti della restaurazione, mi spiace deludervi: Erwig e la Strega non è certamente un film d’animazione perfetto, ma i suoi più grandi problemi non sono dovuti alla computer grafica, piuttosto ad una sceneggiatura che a tratti rasenta la sciatteria. Tuttavia, in modo un po’ paradossale, non me la sento di sconsigliarvi questa visione, vi spiego perché.

Come già capitato in passato per Il castello errante di Howl, la “materia sorgente” di Erwig e la Strega è l’omonimo romanzo di Diana Wynne Jones ambientato in un’Inghilterra all’apparenza di fantasia ma dai tratti molto reali. I primi venti minuti del film sono praticamente perfetti. La scena iniziale, in cui si vede una misteriosa donna dai capelli rossi lasciare sulla porta di un orfanotrofio sua figlia in fasce è magistralmente girata e lascia presagire ottimi risvolti dovuti all’animazione. Erika, il cui vero nome però è Erwig, è, letteralmente, una bambina magica, dotata di un’intelligenza superiore e capace di manovrare più o meno a piacimento le altre persone. Questa sua caratteristica viene enfatizzata dalla pettinatura, con le due codine verticali che ricordano molto da vicino l’insetto “forbicina” che, apprendiamo da Wikipedia: “L’epiteto specifico latino auricularia significa relativa all’orecchio (auricula) ed in lingua inglese il nome di questo insetto è earwig, ovvero creatura dell’orecchio. Il nome tedesco “Ohrenzwicker” ha pressappoco il medesimo significato. Entrambi derivano dalla convinzione, molto diffusa quanto priva di fondamento, che questo insetto penetri attraverso l’orecchio nel cervello umano e vi nidifichi“.

La vita di Erika non è tutta rosa e fiori, anzi.  La vita di Erika non è tutta rosa e fiori, anzi.

Erika si trova benissimo all’orfanotrofio (contrariamente a storie di questo tipo) e per tale motivo non ha alcun interesse ad essere adottata. Eppure una strana coppia, formata da un donnone e da un inquietante spilungone, la scelgono. Nonostante le resistenze, Erika alla fine deve andare a casa con loro. La bambina, che come ho ricordato prima è molto sveglia, capisce fin da subito che Bella Yaga e Mandragora, così si chiamano i due, sono rispettivamente una strega e un demone. Tuttavia, invece di spaventarsi e perdersi d’animo, decide di sfruttare la situazione a suo favore: vuole imparare la magia e quale modo migliore lavorando a fianco a fianco con una fattucchiera?

Bella Yaga non è certamente una che ti fa stare con le mani in mano  Bella Yaga non è certamente una che ti fa stare con le mani in mano

In questa sorta di casa-prigione, Erika piano piano comincia a scoprire i vari segreti delle stanze, come quella di Mandrogora, praticamente inaccessibile dall’interno ma da cui proviene una musica inquietante. Erika si dimostra una lavoratrice tenace anche se Bella Yaga la mette a dura prova con continui e pressanti compiti. Per fortuna la bambina fa presto conoscenza con Thomas, un gatto nero che le ricorda tantissimo il suo amico di infanzia Budino. Ecco: vi ho raccontato i primi venticinque minuti, mi spiace dire che da questo punto in poi il film si “pianta”. Non è tanto il ritmo a calare quanto la consequenzialità delle azioni che iniziano, per così dire, a ruotare in cerchio, non portando ad alcun sviluppo significativo.

Thomas è davvero molto carino!  Thomas è davvero molto carino!

Ci sono momenti interessanti, intendiamoci, come quando Erika e Thomas si mettono a preparare una lozione magica ma, contrariamente a un film Ghibli classico, che parte piano e che poi va avanti e termina in crescendo, qui si assiste al contrario. Anche il finale, che non vi dirò ovviamente, lascia un po’ tutto in sospeso. Eppure, come sostenevo all’inizio, il film va visto perché, anche se la storia non è perfetta, le animazioni e il comparto artistico generale sono abbastanza piacevoli. Non è un capolavoro, ma si tratta pur sempre del debutto in CGI dello Studio. Anche Mandrogora, nonostante sullo schermo appaia poche volte, è un personaggio dal buon potenziale che rimane inespresso, così come il resto della pellicola. Un’opera potenzialmente molto buona che si attesta su una soglia poco sopra la sufficienza, a mio modo di vedere, e trova nella colonna sonora il suo lato più riuscito.

Satoshi Takebe ha infatti realizzato dei pezzi suonati benissimo, con un rock anni Settanta che, senza fare urlare al miracolo, si inserisce perfettamente nell’economia del raccontato, dando per di più un sapore totalmente differente rispetto a un film di Miyazaki padre. Insomma, a conti fatti, Goro deve ancora trovare la sua anima artistica e, soprattutto, fare i conti con un modo di sceneggiare i film migliore e meno affrettato. Erwig e la Strega aveva tutte le potenzialità per diventare un grande album e invece è rimasto (solo) un ep con qualche spunto interessante.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >