10 film strappacuore che ci fanno piangere ogni volta che li guardiamo

Anche se non hai ragione di essere triste, te la diamo noi con 10 film per farti un pianto come si deve

Se-mi-lasci-ti-cancello

Dieci film di quelli che un po’ vanno cercati, non proprio d’essai ma nemmeno che trovi  su Italia Uno la sera. Di quelli che hai già visto e che oggi è il momento adatto per riguardare, insieme al pacco doppio di fazzoletti, il pigiamone di pile, la borsa dell’acqua calda e un nodo galattico in gola. Di quelli che l’abbiamo capito che sei incasinato, che sei l’ultimo dei romantici e che la vita ogni tanto fa male e questo è il giorno buono per tirare fuori quel pianto che non fai mai perché ti vergogni.

Dai.

Eternal Sunshine of the Spotless Mind
Ci rifiuteremo sempre di chiamarlo “Se mi lasci ti cancello”. Capolavoro di Michel Gondry del 2004, con Kate Winslet e Jim Carrey che si lasciano e lui allora decide di farsi rimuovere i ricordi di loro insieme, ma poi riaffiorano perché quando è merda, è merda. In almeno un paio di scene partono dei singhiozzi epici.

 

Frank
Questo è nuovo nuovo, del 2014 di Lenny Abrahamson. È la storia del un cantante di una band dal nome impronunciabile, affetto da impossibilità di interagire con la vita senza indossare una maschera di cartapesta. Non ti diciamo chi è l’attore che lo interpreta per non spoilerare, ma se non fai un piantino alla fine, sei morto dentro. Oltretutto la storia è ispirata da Frank Sidebottom, Daniel Johnston e Captain Beefheart. Non so se ci spieghiamo.

 

The Road
Mamma mia che patimento. Nel 2009, John Hillcoat ha diretto questo film tratto dal romanzo di Cormac McCarthy (il re della risata proprio), con Viggo Mortensen e un ragazzino, costretti a vagare in una terra ormai allo stremo, sia loro che la terra. Post apocalisse, amore padre figlio, sopravvivenza, lacrimoni. Oscuro e magnifico, ma è una gara di resistenza.

 

Blue Valentine
Nel 2010, Derek Cianfrance decide di fare il film più deprimente di sempre. Prende Ryan Gosling e Michelle Williams e fa vivere loro una relazione talmente vera e sofferta e straziante che quando sarà finito, sarai contento di essere single, così almeno puoi farti i cazzi tuoi. Happy ending, questo sconosciuto.

 

Lost in Translation
2004, Sofia Coppola, Bill Murray, Scarlett Johansson. Capolavoro minimale fatto di silenzi e di verità. Lui maturo, lei una ragazzina, entrambi sposati, si trovano a Tokyo e sperduti come sono, fanno amicizia che diventa poi un rapporto d’amore platonico e se penso alla scena finale ci piango seduta stante, qui, ora.

 

Once
Nel 2006, in Irlanda, John Carney ha fatto recitare ai musicisti Glen Hansard e Markéta Erglova, una storia romanzata, in realtà simile a quella che stavano vivendo: lui cantautore di strada, lei ragazza madre, polistrumentista ed immigrata. Scocca l’amore, soprattutto per le canzoni.  Musiche da brividi, ghiandole lacrimali attive.

 

Big Fish
Qui si va nel mainstream, d’accordo, ma quanti pianti… Nel 2003, Tim Burton firma il suo film più bello, con Ewan McGregor, Jessica Lange e Albert Finney (più la bellissima Marion Cotillard). La storia la sapete, inutile dilungarsi. Per l’ultima scena occorre un lenzuolo. Tutti vorrebbero una fine così.

 

Dancer in the Dark
Lars Von Trier, l’anima della festa non lo è stato mai. I suoi film di solito iniziano male e finiscono peggio. Ma questo strano, grottesco e spietato musical del 2000 con Bjork è talmente drammatico da far stare fisicamente male. Nessuna dolcezza, nessuna lacrima di quelle buone. Quando lo vidi al cinema, dopo la fine stetti 45 minuti senza parlare.

Norwegian Wood
Giappone, 2010, di Tran Ahn Hung, tratto dal romanzo di Haruki Murakami. Chi lo ha letto, sa che dentro, ci sono tristezza a palate, amore, perdita, scelta, morte. Un programma perfetto per il blue monday. In qualche scena, per raccogliere le lacrime non basta una tinozza. Il monologo nel bosco, madonna.

 

Her
Finiamo in bellezza questa carrellata del dolore con il film del 2013 di Spike Jonze, in cui Joaquin Phoenix s’innamora di un computer con la voce di Scarlett Johansson (e non con quella dell’edizione italiana di Micaela Ramazzotti, vietatissima). Tanto, tanto bello. Basta così.

E ora come stai?

I-know-that-feel-bro-blank

 

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >