TV e Cinema
di Simone Stefanini 29 Settembre 2016

Le tipiche espressioni dei film americani che nella vita reale non usiamo mai

 

Fin dai primi vagiti di Hollywood, i film americani giunti in Italia sono tradotti, adattati e doppiati, per venire incontro alla svogliatezza tutta italiana di imparare l’inglese o di leggere i sottotitoli. Questa prassi ha dato vita a una serie di espressioni, frasi e singole parole che abbiamo sentito un milione di volte nei film ma che nella vita di tutti i giorni non abbiamo mai usato.

Un esempio su tutti: se sei in un bar e ti senti chiamare figliolo da un anziano, potresti già pensare di denunciarlo per molestie, invece nei film americani è la prassi. Prova ad entrare nello stesso bar e a rivolgerti a un perfetto sconosciuto con hey amico, e vediamo un po’ se non finisce in rissa.

 

il_grande_lebowski_3

 

Tipo, sei in una compagnia di strambi e vuoi passare la notte in una villa evidentemente infestata dagli zombie, non è che al primo rumore che senti dici dividiamociinsomma, così morirete tutti prima del tempo. Potresti urlare squagliamocela, disponibile anche nella versione diamocela a gambe.

Se stai progettando una rapina (oh può succedere), il tuo obiettivo finale sarà il bottino, la grana, i verdoni. Occhio però, potresti avere i federali alle calcagna. Beh, nel caso ti inseguano, dovrai assolutamente seminarli, facendogli mangiare la tua polvere

 

fastfive2

 

Non sei stato abbastanza veloce e ti hanno beccato? Colpa del tuo stupido ammasso di ferraglia. Ti spediranno al fresco oppure in gattabuia come un brutto sacco di merda e li potresti aver bisogno di uno strizzacervelli.

Altra scena, di nuovo un poliziotto ti ha acciuffato. La stai avendo vinta, la tua pistola è puntata alla sua testa, puoi ucciderlo e scappare, nessuno ti troverà. “Fai quello che ti dico e nessuno si farà del male”. Poi vieni rapito da un moto di loquace sincerità e gli spifferi tutto il tuo piano, con ampi cenni sulla tua autobiografia criminale, persino i nomi dei tuoi complici e il luogo in cui è nascosto il malloppo. Nel frattempo piangi, picchi i pugni sul muro, accenni al rapporto finito con tua moglie e intanto passano i minuti. Chiaro che poi arrivano gli sbirri e ti riempiono il culo di piombo, sempre se ti va bene, altrimenti ti fanno saltare le cervella.

 

eastwood

 

Non sei il cattivo ma sei il complice? La polizia ti trova e ti inizia a fare domande. Tu, che non sei un infame, fingi di non sapere e intanto il piedipiatti tira fuori una banconota e te la sventola davanti, poi ti dice “forse con questi ti tornerà la memoria”. Magari però sei un tipo tutto di un pezzo e allora gli rispondi “Se vuoi incastrare Jack dovrai passare sul mio cadavere”. Allora ti mostra la foto di tua figlia e tu scoppi in lacrime, urlando “Non osare torcerle un capello, è tutto quello che ho”.

 

lethal-weapon-1987-movie-still-mel-gibson-danny-glover-04

 

Diciamoci la verità, sarebbe bello parlare così. Imprecare “maledizione” o “dannazione” invece di bestemmiare come un contadino dell’entroterra toscano, oppure dire  almeno una volta nella vita al cassiere “tenga il resto”.  Pensa alla gioia di chiamare un taxi col fischio solo per intimare al conducente “segua quella macchina!”. Ora prova a farlo sui controviali a Torino e vediamo un po’ se non ti conciano per le feste.

 

rockyzz

 

 

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >