I 10 film più belli con Harrison Ford

Basterebbero i personaggi di Han Solo, Indiana Jones e Rick Deckard per farlo entrare nel mito, ma Harrison Ford è molto di più

 parade.com

 

Partiamo dal fatto che se ti chiami Harrison Ford e vieni da Chicago, devi essere un figo per forza, e lui lo è anche oggi, che ha 75 anni tondi e si appresta a rivestire i panni di Indiana Jones. Nel tempo è tornato a tutti i suoi personaggi più iconici, che gli hanno dato la fama mondiale, come Rick Deckard per Blade Runner 2049 o Han Solo per Star Wars – Il risveglio della Forza.

 

© William O’ Neil pintrest - © William O’ Neil

 

Benché questo trittico sia talmente potente da far impallidire ogni attore di ogni epoca, sarebbe ingiusto pensare che non abbia avuto altri ruoli spettacolari. Nella sua carriera si è praticamente laureato in thriller e film d’azione, ma è sempre riuscito a conquistare le donne con lo sguardo da macho dolce e quel mezzo sorriso inimitabile.

Signori, ecco i 10 migliori film di Harrison Ford.

 

10) Air Force One (1997 – Wolfgang Petersen)

Harrison Ford è il Presidente degli Stati Uniti, e iniziamo già bene. Gary Oldman, altro mito mai troppo glorificato, è uno spietato terrorista kazako che tenta di ucciderlo proprio all’interno dell’aereo presidenziale. Un classico con il Presidente USA eroe, di quelli che non ne fanno più (di Presidenti USA eroi, intendiamo).

 

9) Presunto innocente (1990 – Alan J. Pakula)

Un bel procedural thriller in cui Harrison Ford è Rusty Sabich, un vice procuratore che deve indagare sull’omicidio di Carolyn Polhemus (Greta Scacchi) sua vecchia fiamma. Tutti gli indizi ricadono su di lui, ma sarà davvero stato Harrison? Film che vale sempre la pena guardare in tv quando lo danno in replica, spesso.

 

8) Frantic (1988 – Roman Polanski)

Thrillerone di Polanski in cui Harrison Ford è un chirurgo in viaggio a Parigi (molto oscura) con la moglie. Le valigie vengono scambiate all’aeroporto, la moglie viene rapita e inizia il batticuore che accompagnerà lo spettatore per tutto il film. Menzione d’onore alla bellissima Emmanuelle Seigner

 

7) American Graffiti (1973 – George Lucas)

Strano trovare Harrison Ford in classifica con un film di George Lucas che non è Star Wars, eppure American Graffiti è un mito generazionale e un film corale, in cui Ford non è il protagonista assoluto, ma Bob Falfa, un giovinastro che ama le corse in macchina e che per poco non ci rimane secco.

 

6) Il fuggitivo (1993 – Andrew Davis)

Harrison Ford è sinonimo di thriller e azione, e questo film ne è la perfetta riprova. Ford è Richard Kimble, un chirurgo che torna a casa e trova la moglie con la testa fracassata. Lui viene dichiarato colpevole del delitto e durante il trasporto in prigione, riesce a evadere. Da lì in poi è tutta una fuga, proprio come dice il titolo.

 

5) Mosquito Coast (1986 – Peter Weir)

Basterebbero i nomi di Harrison Ford e River Phoenix per rendere indimenticabile un film, ma questo, quando uscì, non ebbe un grande successo. Oggi è considerato un culto. Il viaggio del contestatore  e inventore) Allie Fox che parte con la famiglia per l’Honduras con tutta la famiglia e le avventure che vivranno insieme, fino all’epilogo che fa piangere solo al pensiero.

 

4) Witness – Il testimone (1985 – Peter Weir)

L’unico film, fino a oggi, per cui Harrison Ford è stato nominato agli Oscar. Qui è il detective John Book, incaricato di proteggere un bambino Amish, testimone involontario di un delitto. L’omicidio però i tinge di giallo e Harrison dovrà difendere la comunità dalla vendetta degli assassini e di chi vuole proteggerli.

 

3) Star Wars – L’impero colpisce ancora (1980 – Irvin Kershner)

Il terzo posto potrebbe essere dato alla trilogia originale di Star Wars, di cui L’impero colpisce ancora è probabilmente il film più bello. Harrison Ford è Han Solo, innamorato di Leia, pilota del Millennium Falcon e collega di Chewbacca. In questo film la principessa Leia gli dice “Ti amo” e lui risponde “Lo so”, diventando un mito talmente grande che neanche l’epilogo de Il risveglio della Forza riesce a contenere.

 

2) Blade Runner (1982 – Ridley Scott)

Poche smorfiette alla Han Solo, per il personaggio di Rick Deckard, che vive nella Los Angeles del futuro e che di lavoro fa il cacciatore di replicanti, androidi del tutto simili agli umani. Il suo personaggio più introspettivo per il film che ha rivoluzionato la fantascienza americana e l’ha resa adulta, consapevole e bellissima. Ha ripreso il personaggio in Blade Runner 2049 di Dennis Villeneuve (2017).

 

1) I predatori dell’Arca perduta (1981 – Steven Spielberg)

Il primo film della saga di Indiana Jones, scritta da George Lucas e diretta da Steven Spielberg, è un tale successo che anche oggi, se per caso lo intercettiamo in tv, difficilmente cambiamo canale. Indy è Ford, Ford è Indy. L’archeologo con gli occhialetti rotondi che negli anni ’30 diventa avventuriero per evitare che i nazisti si impossessino dell’Arca dell’Alleanza è solo l’inizio di una saga fortunata e spettacolare, in cui Harrison Ford è il fottuto maschio alpha che tutti gli uomini vorrebbero essere e tutte le donne vorrebbero amare. Bingo.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >