L’uman codino

Un personaggio dalla natura eccentrica amato incondizionatamente da tutti gli italiani, un attore dalla fattezze fisiche spaventosamente simili ed una trama così bella ed allo stesso tempo struggente da non aver nemmeno bisogno di essere romanzata. Le premesse de “Il divin codino” erano ottime, ma la storia di Baggio non si può riassumere in 90 minuti, siano essi di un film o una partita di pallone.

A pochi mesi di distanza da “Speravo de morì prima” gli italiani hanno a disposizione un nuovo prodotto, (questa volta un film non una serie) che tratta la vita di un calciatore ed un uomo altrettanto iconico. Totti è stimato (o odiato) in tutto lo Stivale proprio in virtù del suo essere la più grande bandiera mai esistita, per questo il suo destino è indissolubilmente legato alle sorti della sua città natale. “Come Maradona per gli argentini”, sostiene Sacchi in un momento cruciale del film. Quando si parla di Roberto Baggio il discorso trascende i limiti del raccordo anulare ed anche quelli dell’umano: se il capitano della “magica” rimarrà per sempre l’ottavo re di Roma, l’epiteto “divin”, accostato a “codino” – il tratto estetico che contraddistinguerà il fantasista veneto per tutta la carriera- la dice lunga sul legame quasi religioso tra Baggio e gli italiani.

Maradona aveva già trionfato con la propria nazionale, e aveva portato l’albiceleste un’altra volta in finale, nel mondiale giocato in casa nostra, in quelle notti magiche che, ancor prima di quel maledetto rigore nell’epoca pre-internet, hanno consegnato al mondo intero le immagini di un altro fuoriclasse (che ancora indossava il 15 sulle spalle) destinato a segnare gli anni a venire. La scelta di tagliare dalla trama Italia 90 risulta quantomeno rivedibile. Ma andiamo con ordine, soffermiamoci ancora per un attimo sulla retorica della sconfitta (a volte anche un po’ pesante e banale) che sta alla base di tutta la pellicola e certamente ci aiuta a comprendere al meglio la figura del personaggio che si nasconde dietro al campione. Il rigore sbagliato nel 94 non ha regalato a Baggio un mondiale, ma gli ha consegnato per sempre le chiavi del cuore di un popolo, trasformandolo nel più iconico numero 10 della storia della maglia azzurra. Roberto Baggio ha conquistato il cuore di una nazione intera, con i suoi piedi fatati ma soprattutto con la versione più umana del suo codino, quella stesa con la faccia sulla erba nel caldo afoso di un pomeriggio americano.

Le premesse per realizzare un ottimo film insomma ci sono tutte. Un personaggio dalla natura eccentrica amato incondizionatamente da tutti gli italiani (tifosi o meno), un attore dalla fattezze fisiche spaventosamente simili ed una storia così bella ed allo stesso tempo struggente da non aver nemmeno bisogno di essere (troppo) romanzata. “Il divin codino” non parla esclusivamente di campo, anzi lo evita sapientemente, relegando le scene agli spazi che lambiscono il manto verde come gli spogliatoi, i tunnel degli stadi e le palestre. Questo comporta due grandi vantaggi, il primo l’immedesimazione in un personaggio X anche da parte di chi non conosce la storia sportiva di Baggio, la seconda, il taglio delle scene, se così si può dire, “d’azione”. Il rapporto tra calcio è cinematografia è lunghissimo e complicato, recitare con i piedi, in certi casi, può essere estremamente difficile. Le pellicole che parlano di questo sport hanno sempre vissuto un eterno contrasto con l’irrealtà di riprodurre un’azione naturale. “Il divin codino” sotto quest’aspetto se la cava egregiamente, alternando immagini tratte dai mondiali del 94 con scene recitate in panchina riprese col medesimo effetto “vintage” delle telecamere dei tempi. La stessa tattica che si utilizza nei film sugli squali alternando momenti di recitazione e immagine dell’animale tratte dai documentari.

Un altro punto forte de “Il divin codino” sono sicuramente gli attori, il già citato Andrea Arcangeli, divenuto noto per la sua partecipazione in Romulus, (cui somiglianza col campione di Caldogno aumenta col passare dei minuti) ma è anche da segnalare l’ottima  prova di Thomas Trabacchi come Vittorio Petrone, storico procuratore di Baggio. A svettare su tutte sono però le interpretazioni di Andrea Pennacchi nei panni di Florido Baggio, padre di Roberto, e Martufello in quelli del più importante allenatore nella carriera dell’attaccante, Carletto Mazzone. Il primo, conosciuto principalmente nelle caricaturali vesti da imprenditore del nord est con l’alterego di “Poiana”, si trova perfettamente a suo agio nel ruolo di un rude meccanico, padre di famiglia tutto sghei e lavoro. Personaggio portatore di uno spiritualismo utilitaristico, cinico e molto veneto che fa da contraltare al buddismo del figlio, sarà presentato alla stregua di un  “villain” sin dagli inizi della trama, unico ostacolo insieme agli infortuni per la carriera del calciatore, ma si rivelerà invece il motore fondamentale della storia grazie alla promessa strappata al giovane Roberto di fronte alla finale dei mondiali del 70. Sul secondo poco possiamo dire se non che il mio ultimo ricordo era ancora legato al Bagaglino con Pippo Franco. In un sol colpo ho rivalutato l’intera carriera di Martufello. Nessun attore avrebbe potuto interpretare al meglio il ruolo del verace allenatore romane, ed è un discorso che va ben al di là della somiglianza fisica. L’unico peccato è averlo visto così poco: ora speriamo tutti in uno spin-off parallelo dedicato proprio a Carletto Mazzone. E così apriamo il capitolo sui problemi.

Comprimere la parentesi bresciana di Baggio ad un appendice per la sua esclusione dai mondiali in Giappone ( la nazione che forse, dopo l’Italia, lo idolatrava maggiormente) mi è sembrato una scelta a dir poco limitante. A questo si aggiunga la già citata esclusione dei mondiali in Italia ma anche di quelli 8 anni successivi in Francia 98, il suo periodo al Bologna come quello nelle grandi big, Juventus, Milan ed Inter che -a differenza di Totti, Del Piero, Maldini o Zanetti- lo hanno reso la bandiera non di una squadra, ma dell’intera Serie A. “Il divin codino” è diviso in tre atti, ad ogni passaggio sia ha la netta sensazione manchi qualcosa, anni e anni di carriera riassunti nel giro di una schermata nera. Certo, potremmo soffermarci sulla questione dei product placement che, specialmente in quel che resta comunque un prodotto ben fatto e godibile, risultano sempre sgradevoli, o sull’eccessivo peso dato alla conversione di Baggio, espediente retorico atto a sottolineare i passaggi più romanzati delle storia, ma sarebbero piccolezze. La realtà è che la pellicola di Letizia Lamartire ha un unico difetto imputabile, imperdonabile dal momento in cui “Il divin codino” ha debuttato su Netflix, una piattaforma che ha monopolizzato il mercato con le serie televisive. La vita non è una partita di calcio e la storia di Baggio è troppo grande per essere raccontata in 90 minuti, siano essi di un film o una partita di pallone. Avrebbe decisamente meritato un racconto a puntate.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >