TV e Cinema
di Simone Stefanini 4 Febbraio 2020

Il film di Aldo, Giovanni e Giacomo fa più piangere che ridere, ed è giusto così

Il trio comico milanese riesce sempre ad emozionare, col film “Odio l’estate” ancora di più

Che Odio l’estate, il nuovo film di Aldo, Giovanni e Giacomo non sia una commedia spensierata, lo si capisce dalla prima scena, che non vi stiamo a raccontare per non spoilerare. Come si suol dire, setta il tono del film e, soprattutto, il morale dei suoi spettatori. Complice la musica di Brunori Sas e la regia di Massimo Venier, tornato a dirigere il trio dopo aver creato insieme ai comici milanesi i film più belli: Tre uomini e una gamba (1997), Così è la vita (1998), Chiedimi se sono felice (2000) ed aver partecipato all’inizio della fine delle idee: La leggenda di Al, John e Jack (2002) e Tu la conosci Claudia (2004).

Da un po’ di tempo a questa parte la fantasia e l’estro dello storico trio sembrava appannato dall’età, dal reiterare gli sketch che li avevano resi indelebili alla fine dei ’90s, dal mascherarsi nel tentativo di creare nuovi personaggi, finendo per essere la pallida imitazione di se stessi in film come Fuga da Reuma Park (2016). Potevamo darli per bolliti, e invece tornano con un lungometraggio commovente, una riflessione sull’invecchiare e sul prendere solo ciò che di buono c’è dalla vita, senza consumarsi di stress.

© Medusa Film  © Medusa Film

La sinossi, molto brevemente, vede i tre e le rispettive famiglie che si trovano obbligati a una convivenza forzata in una casa vacanze in Puglia, durante l’estate, per un disguido tecnico. I personaggi di Aldo Baglio, Giovanni Storti e Giacomo Poretti (si chiamano così anche nel film), assomigliano ai veri caratteri dei comici: sempre stanco il primo, precisino il secondo e poco risoluto il terzo. Di gag ce ne sono, il resto del cast non è lì per fare da comparsa, anche la storyline di Lucia Mascino, Carlotta Natoli e Maria Di Biase  (tre attrici molto brave che interpretano le mogli) è amara e dolce insieme, così come quella dei figli.

Aldo, Giovanni e Giacomo sembra quasi vogliano ripercorrere i 30 anni di carriera, spesso ricorrendo all’auto citazione, ma tutto acquista un senso alla fine, tutte le ingenuità e le battute telefonate saranno perdonate, perché così è la vita. I tre ci ha già abituato ai colpi di scena e ai finali un po’ amari, ma stavolta hanno l’età giusta perché il loro narrato diventi verosimile, e non sono imprigionati in un’eterna giovinezza come fa da anni Leonardo Pieraccioni, senza accorgersi che quel tempo non c’è più. A, G e G ne sono consapevoli al 100% e, quando alla fine del film, parte La verità di Brunori Sas, chi non si commuove è già morto.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >