TV e Cinema
di Dailybest 7 Maggio 2021

IO E ANNIE: scheda tecnica di un rapporto amoroso

Ieri è uscito Rifkin’s Festival, il cinquantesimo lungometraggio della carriera di Woody Allen, in attesa di visionarlo (finalmente) in sala, un’analisi sulla pellicola che ha reso celebre lo stile di uno dei registi più geniali e controversi della storia del cinema mondiale.

Visione pessimistica della vita, autoanalisi, autoerotismo, autostima, corteggiamento da manuale, questi alcuni degli elementi vincenti che rendono la storia focalizzata sul rapporto amoroso tra Alvy Singer (Woody Allen) e Annie Hall (Diane Keaton) una pellicola unica nel suo genere. Io e Annie è il film del 1977 che vincendo quattro Oscar (miglior film, regia, sceneggiatura e attrice protagonista) ha definitivamente consacrato il linguaggio e il cinema di Woody Allen.

Allen attraverso il suo alter ego riesce a fotografare perfette cartoline della New York anni ‘70, gli appartamenti tipici, le strade larghe, le librerie, i circoli di tennis altolocati, i costosi studi degli psicanalisti, le panchine di Central Park e i cinematografi: la città è un vero e proprio personaggio sempre presente che funge da cornice ai caratteristici dialoghi della sceneggiatura Alleniana. La vicenda viene semplificata dal sarcasmo amaro delle battute sempre taglienti, una vera e propria ginnastica verbale per la coppia di protagonisti che logora una relazione a colpi di retorica. Io e Annie è stata definita “una rivoluzione comica del quotidiano”, una pellicola capace di annientare con una filosofia proustiana un romanticismo che mano a mano diventa più saturo per poi concludersi con una sorta di “c’eravamo tanto amati”. Ma, in fondo è stato bello anche solo averla incontrata.

 Diane Keaton diventa un’icona di stile con i suoi ampi pantaloni, consacrando un look androgino irripetibile, (sono realmente suoi tutti gli abiti di scena!), musa di Allen, dona ad ogni battuta il giusto contributo psicologico, pur essendo lo stesso regista il vero protagonista del film. La pellicola, infatti  entra nella psiche della coppia, in particolare nella mente di Alvy, auto sabotatore per eccellenza dei suoi sentimenti: Annie è solo l’ultimo dei suoi fallimenti e lo costringerà a riflettere sulle cause di questa sua anedonia. La psicologia del personaggio entra in gioco in un rapporto di forze ed equilibri, che dapprima vengono a mancare e in  seguito, mediante una lunga analisi, ritrovano il giusto contrappeso mentre Annie riesce definitivamente ad emanciparsi cambiando vita per poi non voltarsi mai più indietro.

Opera dichiaratamente autobiografica, preludio di un dramma mascherato che tratta la natura più intima e controversa del rapporto tra uomo e donna, contraddistinta da una narrazione apparentemente distaccata  e da un umorismo basato principalmente sulle citazioni, Io e Annie inaugura l’era della critica del cinema iper-intellettuale ed iper-testuale, quella dei recensori  in prima fila pronti a discutere di avanguardie e messaggi nascosti. Indimenticabile, in questo contesto, il cameo di Marshall MacLuhan, ridotto ad uno stereotipo culturale da chi rivendica di insegnare Tv, media e cultura alla Columbia University, un mezzo per fare satira ai danni stessi di chi pecca “d’esser troppo intellettuale”. Da Groucho Marx alla relazione con l’inconscio di Freud, si consuma una storia d’amore fatta di tenera nevrosi, introspezione e rotture frequenti della quarta parete. Un compendio sulle dipendenze affettive, sulla condizione di un innamoramento transitorio e malsano che viene attraversato dai personaggi e dagli spettatori come una vera e propria seduta terapeutica compiuta con un irresistibile comicità linguistica.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >