TV e Cinema
di Mattia Nesto 23 Marzo 2021

Justice League. Sono quattro ore, che faccio signora lascio?

Siamo sopravvissuti alla maratona del nuovo Justice League diretto da Zack Snyder, lo stesso regista dello spot della Citterio con Sylvester Stallone

La domanda posta da amici, conoscenti, colleghi e addetti ai lavori è stata, più o meno, sempre la stessa: vale la pena investire quattro ore della propria vita nello visione della Zack Snyder’s Justice League? La risposta è no. No, se siete persone che non amano i cinecomic (e fin lì ok, semplice), e no se amate il cinema d’autore, ne uscireste con le ossa troppo rotte. Se invece appartenete a un altro fenotipo o, come il sottoscritto, avete amato troppo il libro di Sacher-Masoch (e magari siete anche dei soggetti un pochino masochisti) allora sì, ne vale la pena. A vostro rischio e pericolo.

Già la versione “vanilla”, gravata dalla lentezza degli snodi narrativi (che erano lenti per il gusto di esserlo e non perché particolarmente complessi o drammatici), non è stata propriamente un trionfo, ma questo nuovo capitolo, se possibile, amplifica i difetti già riscontrati nel precedente. Vero e proprio marchio di fabbrica del cinema di Zack Snyder, in questa pellicola abbondano sequenze di slow-motion assolutamente superflue. Nel linguaggio cinematografico, di solito, una scena in slow-motion serve a sottolineare la drammaticità o l’acrobaticità di un’azione. Non è questo il caso, nella Zack Snyder’s Justice Leage lo slow-motion è usato per qualunque passaggio: Wonder-Woman fa un salto con la spada? Rallentiamo! I componenti della Justice League si muovono per la città? Rallentiamo! Il cattivo di turno distrugge un portone a caso? Rallentiamo! Ecco, questi sono alcuni degli esempi di come una particolare tecnica (che già di per sé si usa il meno possibile) sia stata non solo utilizzata ma letteralmente abusata.

In quella che dovrebbe essere un’epica, per quanto scontatissima, lotta tra le forze della luce e quell’ombra, la ZSJL porta avanti una e un’idea sola: per combattere le tenebre non devi diventare più luminoso ma farti ancora più oscuro. E infatti su questo che batte, e ribatte, la costruzione dei diversi protagonisti della vicenda -chi più, Cyborg, chi meno, Wonder Woman (ma lei ha già due film dedicati)- nelle settimane immediatamente precedenti al grande scontro con Steppenwolf, uno dei villain classici dell’universo DC, una specie di enorme carpa in armatura con due cornoni sulla testa che lo rendono immediatamente espressivo come un sottosegretario della Democrazia Cristiana del 1972.

Nonostante gli attori, dal punto di vista della performance puramente personale, non lavorino neppure male, ciò che davvero ci avvilisce in ZSJL è la  sceneggiatura, costantemente volta a iper-diluire il corso degli eventi rendendo tutto fumoso. Facciamo un esempio così è tutto più chiaro. Quando la compagine di supereroi si trova in una grande torre d’acciaio alla ricerca del covo dei nemici, come di consueto, si avvale del supporto di Alfred (un discreto Jeremy Irons) che tenta di guidarli. Peccato che la Justice League possa avvalersi di Cyborg. Quindi la domanda è scontata: perché diamine farsi guidare da un maggiordomo distante chilometri dal luogo dello scontro quando, sul campo di battaglia, hai l’entità più tecnologica di tutte? Ma il senso dov’è?

Un altro vero e proprio punto dolente sono i combattimenti, che in un action-cinecomic, insomma, non è che sia roba da poco. Per tutto il film, assisteremo a estenuanti e poco stimolanti battaglie contro i grunt del nemico principale che, senza una vera e propria motivazione, quando decide di attaccare è talmente superiore da non essere scalfito neppure da mezzo colpo, in altre circostanze, risulta completamente inferiore ai supereroi. Eppure le forze in campo, almeno per tre quarti del film, sono sempre le stesse, semplicemente i livelli di potenza sono sballati e la pellicola adatta le forze soltanto per portare avanti la trama.

E la fotografia, ne vogliamo forse parlare? Se avete visto Watchmen, dello stesso, ehm, “regista” sapete già di cosa sto parlando. Non c’è una e una scena che abbia un’illuminazione che non faccia apparire i vari protagonisti come abitanti di Saturno. Ogni frame è iper-saturo e virato con colori talmente bizzarri da non sembrare neppure possibili. Ne consegue che le azioni e i momenti, per quanto drammatici perdano ogni peso emotivo: bene che vada sembrano dei videoclip musicali degli anni Novanta, male che vada degli spot pubblicitari tipo quello della Citterio. Ah, chi era il regista? Giusto…

Infine: i riferimenti cristologici e cristiani in generale. Sappiamo benissimo quanto  Snyder  ami inserire delle citazioni, più o meno esplicite, di dipinti ed iconografie legate alla passione di Cristo, ma in questo caso, Zack ci va giù ancora più pesante con una vera e propria operazione di “resurrezione” che in periodo pasquale è proprio “il cacio sui maccheroni”. Anche qui però l’ex regista dello spot di Citterio inciampa su una buccia di banana, perché questa trovata narrativa, viene così ribadita da perdere potenza nel corso del film e, fatto ancor più grave, il momento nel quale si compie non viene mostrato. Tenetevi forte sulla sedia: senza sapere chi, senza sapere come, vi basti un movimento di macchina talmente breve e impercettibile da non farci vivere il dannato momento centrale di tutto un film di quattro ore.

Anche le tanto decantate scene extra, in particolare la seconda, sono di portata talmente nulla nell’economia generale del film da chiedersi perché abbiano fatto tutto questo rumore. Forse la spiegazione è un’altra e risiede nel motivo per cui ZSJL va comunque visto. Infatti, esattamente come gli zombie di Romero, gli Spartitati di Erodoto o i Vigilanti di Alan Moore, i supereroi della DC sono personaggi immortali che neppure Zack Snyder  riuscirà a uccidere. E questo, amiche e amici, è forse uno dei poteri più super di tutti. Sipario. Applausi. Tutti ridono.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >