Amy Adams
TV e Cinema
di Eva Cabras 27 Settembre 2018

La doppia vita di Sharp Objects, dal romanzo alla miniserie di Jean-Marc Vallée

Sharp Objects è un libro e una serie tv incredibile

ATTENZIONE, POTREBBE CONTENERE SPOILER

Ho atteso l’uscita di Sharp Objects come da bambina aspettavo il Natale. Volevo che fosse tutto perfetto, volevo guardarmi tutte le puntate in un unico slancio affamato e volevo arrivarci preparata, da brava scolaretta che ha fatto i compiti. Di Gillian Flynn avevo letto soltanto Gone Girl (immenso), quindi avevo fatto i miei compiti in maniera decisamente approssimativa. Ho scelto di leggere Sharp Objects romanzo subito prima di vedere Sharp Objects la serie, perché uno spoiler su carta è lacerante, non l’avrei sopportato. Sono felice della scelta fatta: il libro è incredibile, la serie è incredibile.

Sharp Objects romanzo esce nel 2006 ed è il primo dei libri di Gillian Flynn, a cui hanno fatto seguito Dark Places nel 2009, Gone Girl nel 2012 e The Grownup nel 2014. Tre quarti della bibliografia di Flynn sono diventati film o serie tv di altissimo livello, quindi le premesse erano già ottime. Nel romanzo, la voce narrante è quella di Camille Preaker, reporter per un mediocre giornale di Chicago, inviata in prima linea a indagare sull’omicidio di una ragazzina e la scomparsa di una seconda nella sua cittadina natale. Camille torna quindi, a malincuore, per un breve periodo a Wind Gap, dove ritrova le dinamiche familiari malate e l’immobilismo sociale che l’avevano fatta fuggire anni prima.

La protagonista di Sharp Objects è l’estensione perfetta del lettore. Indaga, brancola nel dubbio, scopre, viene ingannata. La scopriamo piano piano, attraverso l’immagine che Camille costruisce di se stessa e che ci arriva tramite il filtro della narrazione in prima persona. Tutti i dettagli del suo passato, i fantasmi che lo popolano e che tornano a manifestarsi con il suo rientro, vengono rivelati con parsimonia, lasciati sul sentiero come le briciole di pane di Hansel e Gretel. I riferimenti al mondo delle fiabe sono infatti uno dei punti di forza di Sharp Objects, che però le fa proprie e le ribalta, accostandole alla mitologia greca e alla cultura letteraria americana, primo su tutti allo Stephen King di It.

Sharps Objects miniserie

Camille e le molte donne del romanzo, affiancate da figure maschili con funzione pressoché accessoria, corrodono cliché e tabù centenari associati all’idea di famiglia, di maternità, di pazzia, conservando una cornice thriller che funziona a livello emotivo, narrativo e psicologico fino all’ultima pagina. Nel misto tra noia, folklore e glorificazione del passato della provincia americana, Camille e i suoi demoni si infuocano, popolando una storia di prevaricazione della donna sulla donna di un’attualità disarmante. Con le possibilità del thriller intimista, una storia dai risvolti inattesi e una protagonista tormenta tanto dal passato quanto dal presente, il passaggio di Sharp Objects dalla carta al racconto per immagini era scritto nelle stelle.

Fortunatamente per l’umanità, Sharp Objects è finito tra le mani di un dream team praticamente perfetto. Alla regia di tutti gli episodi c’è Jean-Marc Vallée, che di crime socio-psicologico è diventato un maestro grazie a Big Little Lies. L’ideatrice della miniserie è Marti Noxon, altra figura nata per maneggiare questo materiale, dopo l’esperienza come sceneggiatrice e produttrice per Buffy l’ammazzavampiri, Mad Man e Glee, passando dalla regia per il film Fino all’osso di Netflix. Tra i produttori esecutivi c’è la stessa Gillian Flynn e addirittura Jason Blum di Blumhouse, uno che sente odore di successo clamoroso anche in mezzo a un uragano. Metteteci anche un casting pressoché impeccabile, con Amy Adams a mangiarsi ogni scena, Patricia Clarkson da brividi ed Eliza Scanlen come piacevolissima scoperta, e avrete uno dei migliori prodotti seriali dell’anno, senza dubbio.

Miniserie Sharp Objects

Sharp Objects ci immerge immediatamente in un’America provinciale da cartolina, rarefatta, indolente, fatta di ricchezza antica e nuovo degrado. La storia ricalca fedelmente la struttura narrativa del romanzo e ci porta con Camille a fronteggiare delle radici ingombranti, che scatenano subito nella protagonista una ragnatela di flash subliminali dall’aspetto doloroso. Tra i colori e i suoni acuminati che riaprono in Camille vecchie ferite, frammenti di immagine e parole riaffiorano nella durata di un battito di ciglia, lasciandoci per diverse puntate nel dubbio. Sono ricordi? Sensazioni? Allucinazioni?

Già nel pilot Sharp Object ci presenta la famiglia disfunzionale di Camille: il patrigno inconsistente, la madre rancorosa, la sorellastra indecifrabile. La vena thriller funziona alla grande, concedendosi un arco narrativo di grande respiro. I personaggi prendono corpo man mano che il puzzle dei ricordi si completa, perché è la memoria che sblocca Camille, nel bene e nel male. Il lavoro di montaggio in questo senso ha un ruolo cruciale: la sovrapposizione tra passato e presente, tra realtà e immaginazione, magari delirio, non è sottolineata in alcun modo. Lo stacco tra livelli di coscienza e piani temporali è netto, ma privo di transizioni. Ci troviamo buttati nella mente di Camille. È l’equivalente della narrazione in prima persona. A dare un aspetto altrettanto intimo interviene l’uso della camera a mano, utilizzata con particolare insistenza per i dialoghi. Non c’è niente di stabile e granitico in Sharp Objects, nemmeno la regia. Ciò che invece è persistente è lo stile della regia. L’onnipresente mano di Jean-Marc Vallé si nota e rende la miniserie coerente e visivamente fluida, perfetta anche per il binge watching.

Serie Jean-Marc Vallée

Adesso parliamo del finale. Ci arriverete seguendo le briciole nel bosco, o il filo di Arianna, e troverete un colpo di scena molto soddisfacente. Nella miniserie il twist è brutale, quasi irrisolto, e vi lascerà travolti a pensare al perché sui titoli di coda, quando ormai Vallée se n’è lavato le mani. Ci penserete per ore e vi rimarrà comunque il sapore del dubbio in gola, perché, a differenza del romanzo che si dilunga leggermente di più sui moventi, Sharp Objects la serie si diverte a farvi fare il lavoro del detective, o dello psichiatra. A caso ripensato, sarebbe stato meglio vedere prima la miniserie e poi leggere il libro, per gustare a pieno lo schiaffo in faccia di quella chiusura maligna.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >