Amy Adams
TV e Cinema
di Eva Cabras 27 Settembre 2018

La doppia vita di Sharp Objects, dal romanzo alla miniserie di Jean-Marc Vallée

Sharp Objects è un libro e una serie tv incredibile

ATTENZIONE, POTREBBE CONTENERE SPOILER

Ho atteso l’uscita di Sharp Objects come da bambina aspettavo il Natale. Volevo che fosse tutto perfetto, volevo guardarmi tutte le puntate in un unico slancio affamato e volevo arrivarci preparata, da brava scolaretta che ha fatto i compiti. Di Gillian Flynn avevo letto soltanto Gone Girl (immenso), quindi avevo fatto i miei compiti in maniera decisamente approssimativa. Ho scelto di leggere Sharp Objects romanzo subito prima di vedere Sharp Objects la serie, perché uno spoiler su carta è lacerante, non l’avrei sopportato. Sono felice della scelta fatta: il libro è incredibile, la serie è incredibile.

Sharp Objects romanzo esce nel 2006 ed è il primo dei libri di Gillian Flynn, a cui hanno fatto seguito Dark Places nel 2009, Gone Girl nel 2012 e The Grownup nel 2014. Tre quarti della bibliografia di Flynn sono diventati film o serie tv di altissimo livello, quindi le premesse erano già ottime. Nel romanzo, la voce narrante è quella di Camille Preaker, reporter per un mediocre giornale di Chicago, inviata in prima linea a indagare sull’omicidio di una ragazzina e la scomparsa di una seconda nella sua cittadina natale. Camille torna quindi, a malincuore, per un breve periodo a Wind Gap, dove ritrova le dinamiche familiari malate e l’immobilismo sociale che l’avevano fatta fuggire anni prima.

La protagonista di Sharp Objects è l’estensione perfetta del lettore. Indaga, brancola nel dubbio, scopre, viene ingannata. La scopriamo piano piano, attraverso l’immagine che Camille costruisce di se stessa e che ci arriva tramite il filtro della narrazione in prima persona. Tutti i dettagli del suo passato, i fantasmi che lo popolano e che tornano a manifestarsi con il suo rientro, vengono rivelati con parsimonia, lasciati sul sentiero come le briciole di pane di Hansel e Gretel. I riferimenti al mondo delle fiabe sono infatti uno dei punti di forza di Sharp Objects, che però le fa proprie e le ribalta, accostandole alla mitologia greca e alla cultura letteraria americana, primo su tutti allo Stephen King di It.

Sharps Objects miniserie

Camille e le molte donne del romanzo, affiancate da figure maschili con funzione pressoché accessoria, corrodono cliché e tabù centenari associati all’idea di famiglia, di maternità, di pazzia, conservando una cornice thriller che funziona a livello emotivo, narrativo e psicologico fino all’ultima pagina. Nel misto tra noia, folklore e glorificazione del passato della provincia americana, Camille e i suoi demoni si infuocano, popolando una storia di prevaricazione della donna sulla donna di un’attualità disarmante. Con le possibilità del thriller intimista, una storia dai risvolti inattesi e una protagonista tormenta tanto dal passato quanto dal presente, il passaggio di Sharp Objects dalla carta al racconto per immagini era scritto nelle stelle.

Fortunatamente per l’umanità, Sharp Objects è finito tra le mani di un dream team praticamente perfetto. Alla regia di tutti gli episodi c’è Jean-Marc Vallée, che di crime socio-psicologico è diventato un maestro grazie a Big Little Lies. L’ideatrice della miniserie è Marti Noxon, altra figura nata per maneggiare questo materiale, dopo l’esperienza come sceneggiatrice e produttrice per Buffy l’ammazzavampiri, Mad Man e Glee, passando dalla regia per il film Fino all’osso di Netflix. Tra i produttori esecutivi c’è la stessa Gillian Flynn e addirittura Jason Blum di Blumhouse, uno che sente odore di successo clamoroso anche in mezzo a un uragano. Metteteci anche un casting pressoché impeccabile, con Amy Adams a mangiarsi ogni scena, Patricia Clarkson da brividi ed Eliza Scanlen come piacevolissima scoperta, e avrete uno dei migliori prodotti seriali dell’anno, senza dubbio.

Miniserie Sharp Objects

Sharp Objects ci immerge immediatamente in un’America provinciale da cartolina, rarefatta, indolente, fatta di ricchezza antica e nuovo degrado. La storia ricalca fedelmente la struttura narrativa del romanzo e ci porta con Camille a fronteggiare delle radici ingombranti, che scatenano subito nella protagonista una ragnatela di flash subliminali dall’aspetto doloroso. Tra i colori e i suoni acuminati che riaprono in Camille vecchie ferite, frammenti di immagine e parole riaffiorano nella durata di un battito di ciglia, lasciandoci per diverse puntate nel dubbio. Sono ricordi? Sensazioni? Allucinazioni?

Già nel pilot Sharp Object ci presenta la famiglia disfunzionale di Camille: il patrigno inconsistente, la madre rancorosa, la sorellastra indecifrabile. La vena thriller funziona alla grande, concedendosi un arco narrativo di grande respiro. I personaggi prendono corpo man mano che il puzzle dei ricordi si completa, perché è la memoria che sblocca Camille, nel bene e nel male. Il lavoro di montaggio in questo senso ha un ruolo cruciale: la sovrapposizione tra passato e presente, tra realtà e immaginazione, magari delirio, non è sottolineata in alcun modo. Lo stacco tra livelli di coscienza e piani temporali è netto, ma privo di transizioni. Ci troviamo buttati nella mente di Camille. È l’equivalente della narrazione in prima persona. A dare un aspetto altrettanto intimo interviene l’uso della camera a mano, utilizzata con particolare insistenza per i dialoghi. Non c’è niente di stabile e granitico in Sharp Objects, nemmeno la regia. Ciò che invece è persistente è lo stile della regia. L’onnipresente mano di Jean-Marc Vallé si nota e rende la miniserie coerente e visivamente fluida, perfetta anche per il binge watching.

Serie Jean-Marc Vallée

Adesso parliamo del finale. Ci arriverete seguendo le briciole nel bosco, o il filo di Arianna, e troverete un colpo di scena molto soddisfacente. Nella miniserie il twist è brutale, quasi irrisolto, e vi lascerà travolti a pensare al perché sui titoli di coda, quando ormai Vallée se n’è lavato le mani. Ci penserete per ore e vi rimarrà comunque il sapore del dubbio in gola, perché, a differenza del romanzo che si dilunga leggermente di più sui moventi, Sharp Objects la serie si diverte a farvi fare il lavoro del detective, o dello psichiatra. A caso ripensato, sarebbe stato meglio vedere prima la miniserie e poi leggere il libro, per gustare a pieno lo schiaffo in faccia di quella chiusura maligna.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >