TV e Cinema
di Eva Cabras 28 Febbraio 2018

Locandine fatte bene: “Lady Bird” di Greta Gerwig

Da una locandina fatta bene si può capire molto del film che andremo a vedere. Il poster di Lady Bird è il ritratto perfetto della sua protagonista.

Locandina Lady Bird

 

La locandina di un film serve a farci venir voglia di andare al cinema. In una singola immagine, deve essere concentrato tutto ciò che il film ha da offrire, le sue più peculiari caratteristiche e i suoi punti di forza. Quando una locandina è fatta bene, quell’immagine riesce davvero a convincerci della validità del suo soggetto e magari riesce anche a conquistarsi un posto sulle pareti di casa.

Il 1° marzo 2018 esce in Italia Lady Bird, diretto da Greta Gerwig, reduce da uno straordinario bagno di consensi negli States e attualmente in corsa per i Premi Oscar con cinque candidature, compreso Miglior Film e Miglior Regia. Il poster ufficiale di Lady Bird è estremamente semplice, un perfetto riassunto visivo di cosa ci aspetta.

 

Lady Bird è il ritratto di una ragazza alla ricerca della propria identità e del proprio futuro, lontano dal liceo cattolico dove ha studiato, lontano dalla periferia di Sacramento e lontano dalla propria famiglia, che non le riconosce l’unicità che lei è convinta di possedere. La fame di gloria e riconoscimenti fa di Lady Bird, il cui vero nome è Christine, un personaggio egocentrico, per cui raramente facciamo il tifo e che sguazza nella solitudine tipica di chi si crede migliore degli altri. Il suo sogno è quello di fuggire verso le infinite possibilità di New York, verso l’arte e la libertà di espressione che viene vista con sospetto dalla madre e dal suo ambiente scolastico. Non tanto per bigottismo o per deliberata cattiveria, quanto perché in realtà del talento di Lady Bird ancora non c’è conferma, se non nella testa della stessa Christine.

 

 

La locandina di Lady Bird riflette fedelmente la centralità della sua protagonista, che campeggia infatti indisturbata sulla quasi totalità dell’immagine. La ragazza è al centro del proprio universo, è l’unica messa a fuoco, ma è anche terribilmente sola. Dietro di lei lo spazio negativo è interrotto solo dalla macchia indistinta di un crocifisso e da una platea di volti irriconoscibili.

In questo modo la religione e gli essere umani sono ugualmente sacrificati in nome dell’auto-affermazione di Christine, che fa a meno di genitori, di amici e di Dio, al quale sbatte anche in faccia un nome che si è scelta da sola per dominare su ogni aspetto della propria vita. Nonostante la volontà di essere artefice unica del proprio destino, Lady Bird vive comunque all’interno di una cornice, colorata e vivace, ma pur sempre una cornice, sintomo degli odiati limiti che rifiuta con tanto slancio. A tarpare le sue ali ci sono le preoccupazioni della madre, la mancanza di indipendenza economica, la tendenza all’omologazione del Cattolicesimo, che traspare anche dal font utilizzato per il titolo, un gotico dal sapore vintage da romanzo cavalleresco.

 

Piero della Francesca e Botticelli

Il modo in cui Lady Bird è presentata nella locandina del film ci parla della sua vocazione alla grandezza. Il suo profilo invade la scena con la magnificenza dei ritratti rinascimentali di Piero della Francesca, che nel corso del XV secolo catturava con la linea del profilo tutto il potere e la rilevanza culturale dei grandi nobili italiani. Dietro alla fierezza di Lady Bird si cela però anche una malinconia che si trova spesso nei ritratti di Botticelli, più incline a una ritrattistica che combina superiorità estetica e analisi psicologica, come quasi cinque secoli dopo faceva Edward Hopper con le sue protagoniste solitarie. Lady Bird guarda lontano e ci nega la possibilità di seguire i suoi desideri, magari perché neanche lei ha ancora messo bene a fuoco il futuro verso cui sta volando con tanta fretta.

 

Ritratti Edward Hopper

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >