TV e Cinema
di Eva Cabras 28 Febbraio 2018

Locandine fatte bene: “Lady Bird” di Greta Gerwig

Da una locandina fatta bene si può capire molto del film che andremo a vedere. Il poster di Lady Bird è il ritratto perfetto della sua protagonista.

Locandina Lady Bird

 

La locandina di un film serve a farci venir voglia di andare al cinema. In una singola immagine, deve essere concentrato tutto ciò che il film ha da offrire, le sue più peculiari caratteristiche e i suoi punti di forza. Quando una locandina è fatta bene, quell’immagine riesce davvero a convincerci della validità del suo soggetto e magari riesce anche a conquistarsi un posto sulle pareti di casa.

Il 1° marzo 2018 esce in Italia Lady Bird, diretto da Greta Gerwig, reduce da uno straordinario bagno di consensi negli States e attualmente in corsa per i Premi Oscar con cinque candidature, compreso Miglior Film e Miglior Regia. Il poster ufficiale di Lady Bird è estremamente semplice, un perfetto riassunto visivo di cosa ci aspetta.

 

Lady Bird è il ritratto di una ragazza alla ricerca della propria identità e del proprio futuro, lontano dal liceo cattolico dove ha studiato, lontano dalla periferia di Sacramento e lontano dalla propria famiglia, che non le riconosce l’unicità che lei è convinta di possedere. La fame di gloria e riconoscimenti fa di Lady Bird, il cui vero nome è Christine, un personaggio egocentrico, per cui raramente facciamo il tifo e che sguazza nella solitudine tipica di chi si crede migliore degli altri. Il suo sogno è quello di fuggire verso le infinite possibilità di New York, verso l’arte e la libertà di espressione che viene vista con sospetto dalla madre e dal suo ambiente scolastico. Non tanto per bigottismo o per deliberata cattiveria, quanto perché in realtà del talento di Lady Bird ancora non c’è conferma, se non nella testa della stessa Christine.

 

 

La locandina di Lady Bird riflette fedelmente la centralità della sua protagonista, che campeggia infatti indisturbata sulla quasi totalità dell’immagine. La ragazza è al centro del proprio universo, è l’unica messa a fuoco, ma è anche terribilmente sola. Dietro di lei lo spazio negativo è interrotto solo dalla macchia indistinta di un crocifisso e da una platea di volti irriconoscibili.

In questo modo la religione e gli essere umani sono ugualmente sacrificati in nome dell’auto-affermazione di Christine, che fa a meno di genitori, di amici e di Dio, al quale sbatte anche in faccia un nome che si è scelta da sola per dominare su ogni aspetto della propria vita. Nonostante la volontà di essere artefice unica del proprio destino, Lady Bird vive comunque all’interno di una cornice, colorata e vivace, ma pur sempre una cornice, sintomo degli odiati limiti che rifiuta con tanto slancio. A tarpare le sue ali ci sono le preoccupazioni della madre, la mancanza di indipendenza economica, la tendenza all’omologazione del Cattolicesimo, che traspare anche dal font utilizzato per il titolo, un gotico dal sapore vintage da romanzo cavalleresco.

 

Piero della Francesca e Botticelli

Il modo in cui Lady Bird è presentata nella locandina del film ci parla della sua vocazione alla grandezza. Il suo profilo invade la scena con la magnificenza dei ritratti rinascimentali di Piero della Francesca, che nel corso del XV secolo catturava con la linea del profilo tutto il potere e la rilevanza culturale dei grandi nobili italiani. Dietro alla fierezza di Lady Bird si cela però anche una malinconia che si trova spesso nei ritratti di Botticelli, più incline a una ritrattistica che combina superiorità estetica e analisi psicologica, come quasi cinque secoli dopo faceva Edward Hopper con le sue protagoniste solitarie. Lady Bird guarda lontano e ci nega la possibilità di seguire i suoi desideri, magari perché neanche lei ha ancora messo bene a fuoco il futuro verso cui sta volando con tanta fretta.

 

Ritratti Edward Hopper

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >