Ma Rainey’s Black Bottom – Il teatro di August Wilson ancora una volta sul grande schermo

La trasposizione cinematografica dell’omonima pièce di Wilson è un piccolo gioco al massacro, messo in scena da un regista poco esperto ma da grandissimi attori.

Ma Rainey’s Black Bottom, diretto da George C. Wolfe, è quello che potremmo definire il testamento cinematografico di Chadwick Boseman. E non perché contenga particolari riferimenti alla morte, pur trattandosi dell’ultimo film interpretato dall’attore americano prima della sua prematura dipartita. La pellicola è tratta dall’omonima pièce teatrale di August Wilson, autore già portato sul grande schermo da Denzel Washington nel 2016 con Barriere.

Il film è ambientato a Chicago nel 1927. In uno studio di registrazione si sta aspettando l’arrivo di Ma Rainey (Viola Davis), storica voce del blues americano delle origini, per incidere una serie di brani. I primi ad arrivare sono i membri della sua band: il pianista Toledo, il trombonista Cutler, il bassista Slow Drag e il giovane trombettista Levee, interpretato proprio da Boseman. La lunga attesa, a cui sono chiaramente abituati, diventa pretesto per intavolare discussioni. Si parla soprattutto del razzismo che ognuno di loro ha subito nel corso della vita, in dosi variabili a seconda dell’età. Al centro del discorso risalta sempre l’energia, in parte veemente, in parte disperata di Levee. Non accetta di essere giudicato superficialmente dai colleghi solo per la sua giovane età. Ma soprattutto non vuole accettare di tarpare il suo spirito da jazzista agli standard blues che i suoi compagni seguono in modo pedissequo.

Questo accenno al gioco al massacro viene apparentemente placato dall’arrivo in scena di Ma. Visibilmente ubriaca, tutt’altro che in condizioni adatte per reggere una giornata di lavoro, è accompagnata dall’amante Dussie Mae e dal nipote Sylvester. La sua presenza in studio è la goccia che fa traboccare il vaso. Rifiuta di eseguire il suo brano nella versione riarrangiata dal trombettista – che pure piaceva al suo manager Irvin – e pretende che a recitare la parte introduttiva sia proprio suo nipote, che però ha un difetto di balbuzie non indifferente. Dopo parecchi dischi buttati al vento e un’interruzione delle registrazioni per mancanza di Coca Cola, la bevanda preferita di Ma, la situazione precipita definitivamente quando Levee viene licenziato. Questo porterà a un tragico epilogo.

Quello di George C. Wolfe e dello sceneggiatore Ruben Santiago-Hudson è un tentativo – quasi riuscito – di restituire allo spettatore del cinema la forza del teatro di Wilson. A zoppicare più volte è la regia, che trova le maggiori difficoltà nell’escogitare i raccordi tra una scena e l’altra. Dove sul palcoscenico si avrebbe una chiusura di sipario o un buio con spostamento di scenografia Wolfe trova espedienti visivi da videoclip che c’entrano davvero poco con la natura del film e con la sua principale ambientazione, ferma in modo statico e claustrofobico nelle stanze dello studio di registrazione. A far volare in alto questi novanta minuti di visione sono senza dubbio gli attori. Viola Davis, ancora una volta in stato di grazia, restituisce al personaggio di Ma Rainey una forza nichilista incredibile, dandole una connotazione politica inquietante. Negli anni venti l’unico modo con cui una donna nera apertamente bisessuale poteva farsi ascoltare negli Stati Uniti era diventando una diva, talvolta dispotica nei confronti dei suoi sottoposti. Ma nonostante faccia pendere tutti dalla sua bocca con capricci al limite dell’insopportabile, Ma sta in una posizione precaria che può godere in primis del beneplacito dei discografici bianchi. A questo lei non pensa, perché l’effetto salvifico del blues è troppo importante per essere oscurato.

Un frame del film tratto dall’autore  Un frame del film tratto dall’autore

L’altro fuoco dell’azione è nelle mani di Chadwick Boseman che, per ironia della sorte, ci ha regalato la sua più grande interpretazione prima di lasciarci per sempre. E non c’è nessun tipo di retorica in queste parole. Il suo Levee è incontenibile e scandisce la sceneggiatura perfettamente cesellata da Santiago-Hudson con un recitato che è in prosa solo formalmente. In pratica quello che sentono le nostre orecchie è un canto continuo, un flow sempre a fuoco che non scade mai nella cantilena, e che conferisce vita alle assi umide delle stanze, anima sempre la discussione con gli altri musicisti che in qualche modo tengono testa ai suoi sproloqui, e seduce in un attimo l’amante di Ma. Il grande errore di Levee è quello di non capire di essere nel luogo sbagliato in cui dar libero sfoggio del suo jazz verbale e melodico.

Nonostante le vistose imperfezioni che intercorrono dall’inizio alla fine Ma Rainey’s Black Bottom è un grande omaggio postumo a tre artisti attivi nell’ultimo secolo di storia. Aspettando la notte degli Oscar ci aspettiamo di vedere il premio conferito a Boseman. Apprezzerà, dovunque egli sia.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
40,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >