TV e Cinema
di Eva Cabras 5 Ottobre 2017

“Madre!” di Darren Aronofsky è un film nato per dividere

Fallimento o capolavoro sono gli aggettivi usati per descrivere il nuovo film di Aronofsky. L’abbiamo visto e ci è piaciuto molto

Alla fine della proiezione al Festival di Venezia, su “Madre!” di Darren Aronofsky sono piombati una marea di fischi e timidi applausi. Già per questo potremmo trovarci un attimo confusi, con la critica nazionale che si è poi divisa in due come un Mar Rosso di giudizi tra boiata pretenziosa e perla visionaria. All’uscita negli Stati Uniti il gioco si è fatto ancora più interessante, dato che la compagnia di exit poll cinematografici CinemaScore di Las Vegas ha collocato il film nella categoria F, fallimento totale, in base alle reazioni del pubblico.

Dopo aver visto “Madre!” è piuttosto semplice comprendere il perché di questa valutazione, proveniente da spettatori che probabilmente erano andati in sala per vedere un horror/thriller, privi di familiarità con la filmografia di Aronofsky. Ma i critici a Venezia, che film hanno visto?

 

Visivamente, “Madre!” è un film curato, intenso, claustrofobico, che sembra iniziare come un dramma di coppia ed esplode in un’orda. È un film circolare, un loop di senso che regala una potentissima allegoria religiosa, ma anche sociale e artistica. I due protagonisti non hanno nome, sono il Poeta creatore (Javier Bardem) e la Madre (Jennifer Lawrence), che vivono in una casa in via di ristrutturazione.

La prima metà del film è un lento accumulo di disagio e di presagi mortiferi, irritante nella sua lentezza e bruscamente rovesciato a metà strada, quando il ritmo si fa frenetico, violento, straziante. Arrivare a fine film è praticamente un atto di fede, perché quello che vediamo è estremo. É l’epilogo inevitabile di una creazione imperfetta, di un ego tronfio, della sopraffazione arrogante della vanità sull’amore, incarnato dalla stoica Madre, elemento da sempre edulcorato in qualsiasi testo sacro mai scritto. Senza alcuni fondamentali strumenti di decodifica, la visione di “Madre!” può risultare difficile. Non ci troviamo di fronte un thriller, ma la versione agnostica del Crepuscolo degli Dei. Non esattamente Scooby-Doo, in sintesi.

 

 

Difficile non vuol dire pretenzioso, sia chiaro. Chi sostiene il contrario ha probabilmente qualche complesso di inferiorità latente e poca propensione a imparare cose nuove, ma questa è un’altra storia. “Madre!” è un film splendido, con l’ennesima grande prova di versatilità per Jennifer Lawrence, che passa con disinvoltura dalle saghe blockbuster a produzioni autoriali e film di genere. La prova con Aronofsky ha confermato quanto Lawrence si presti bene al ruolo rivisitato della scream queen, come già avevamo intuito dal buon thriller “House at the End of the Street” del 2012.

Facendo un passo indietro nella filmografia di Darren Aronofsky, troviamo alcune delle chiavi per recepire “Madre!” con cognizione di causa. Molti degli elementi presenti nel film sono infatti costanti tematiche e stilistiche ben evidenti nel passato del regista, già dal suo esordio con “π – Il teorema del delirio” del 1996. Problematicità della mente geniale, disagio sociale, volontà di rivalsa, scontro con la religione, ma anche uso del montaggio e della regia non convenzionale, c’era già tutto.

 

Nel 2000 Aronofsky ci bastona con quel macigno di dolore che è “Requiem for a dream”, per poi rincorrere per sei anni la psichedelia di “The Fountain – L’albero della vita”. Nel 2008 arriva “The Wrestler”, che vede il ritorno in pista di Mickey Rourke e conferma l’abitudine di Aronofsky ad alternare nella propria produzione realismo razionale e surreale mistico, elementi che si fondono al meglio nell’acclamatissimo “Il cigno nero” del 2009. Il culmine dell’eterna fascinazione per la Bibbia si concretizza con “Noah”, ispirato all’omonimo personaggio della Genesi, che, nonostante le divergenze narrative, racconta in maniera piuttosto letterale le vicende dell’Antico Testamento. La versione concettuale e straniante di “Madre!” è la trasposizione biblica che amiamo certamente di più.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >