TV e Cinema
di Marco Villa 11 Settembre 2015

Sette tipi di persone che si incontrano al Festival di Venezia

Dallo snob all’eroe: tutti i personaggi di Venezia 72

leone

 

Un festival cinematografico è un posto strano, frequentato soprattutto da cinefili appassionatissimi, la cui idea di felicità è rinchiudersi per giorni e giorni in una sala, passando senza sosta da film a film, dalle 9 di mattina a tarda notte.

Certo, ovviamente c’è anche il pubblico classico, che paga un biglietto, guarda un film e torna a casa, ma il cuore dei festival di cinema sono gli accreditati, quelli che sognano di non vedere mai la luce del sole per giorni e giorni.

Prima di iniziare è necessaria una piccola premessa. Al Festival di Venezia, il mondo degli accreditati è diviso in caste rigidissime, tutte basate sul colore dell’accredito: rosso, blu, giallo, verde. I primi tre sono riservati a giornalisti e addetti ai lavori: rosso e blu sono quelli del potere, quello giallo è un po’ più sfigato (ehi, è il mio!), ma comunque garantisce l’accesso a tutte le proiezioni. Quello verde è per i semplici appassionati: studenti, fanatici, membri di associazioni, di tutto di più.

Giornalisti e addetti ai lavori fanno file piuttosto brevi ed entrano sempre, chi ha l’accredito verde di solito fa file lunghissime e spesso resta fuori. E su questa differenza si basa un gioco di tensione degno del miglior De Palma. E Venezia72, ovvero l’edizione 2015 del Festival non ha fatto eccezione.

Con l’aiuto delle foto di Silvia Rossi, ecco allora i sette personaggi tipici di Venezia, quelli che troverete ogni anno in fila fuori da una sala o con un tramezzino in mano.

 

accrediti

 

L’estremista nerd
Accredito rigorosamente verde, di solito studente universitario. È quello che si mette in fila per proiezioni a cui non riuscirà a partecipare. Per tutta la durata dell’attesa parla con i suoi simili distruggendo tutto quello che ha visto al festival, rimpiangendo tempi lontani che lui non ha vissuto perché arriva a fatica ai 25 anni. Quando non riesce a entrare in sala, ripiega sulle proiezioni dei grandi classici restaurati, così il giorno dopo potrà dire ricominciare a lamentarsi del cinema contemporaneo. Frase topica: “Vabbè, ma vuoi mettere con Eisenstein?”

 

giornalista-sfatto

 

Il giornalista sfatto
Accredito rosso o blu, tra i 30 e 45 anni. È sfatto, completamente. Sveglia presto per la proiezione delle 8:30, subito recensione scritta al volo, poi in conferenza stampa, pezzo da scrivere o video da montare, poi di corsa a fare qualche intervista, ma occhio che è il momento del red carpet e poi dai, che c’è da vedere l’anteprima notturna. Il festival dura due settimane, ma per lui sono due lustri. Frase topica: “Scusa ma devo scappare, ho un’intervista con il regista vietnamita. Non c’è l’interprete, ma parla un dialetto che è simile al bulgaro: dovrei capirlo, no?”

 

arrivato

 

Il giornalista arrivato
Accredito rigorosamene rosso, over 50 anni. Viene a Venezia dagli anni ‘70, quando ha firmato il contratto d’oro con il quotidiano/settimanale/periodico per cui lavora senza interruzioni da decenni. Guarda due film al giorno, viene invitato ogni sera a cena da qualche produzione o associazione. Scrive poco e solo su cose grosse. Per il resto c’è il giornalista sfatto. Frase topica: “No, il prossimo non lo vedo, non ce la faccio. Ma stasera c’è la cena del sindacato sceneggiatori albini ambidestri? Imperdibile!”

 

eroe

 

L’eroe
È il vero mito del Festival. Non ha accredito, non ha biglietto, probabilmente non vedrà nemmeno un film. Ma è un eroe: è uno di quelli che si piazzano di primo mattino accanto al red carpet e non staccano più per le dieci ore successive. Se i festival continueranno a esistere e non diventeranno delle grandi occasioni di streaming e poco più. buona parte del merito sarà loro. Fotografano tutti, si fanno fare l’autografo da tutti, strillano per tutti. Se non è democrazia questa. Frase topica: “Boh, non so chi è, ma mi ha fatto l’autografo” (di solito è un mostro sacro del cinema e questo provoca la rabbia dello snob, vedi sotto).

 

snob

 

Lo snob
I festival sono tra i rari momenti in cui registi e attori cinematografici incontrano il pubblico. Logico che, durante le presentazioni in sala o i red carpet, ci sia una ressa di gente che fotografa, applaude urla. Logico e sacrosanto. Lo snob, però, non ce la fa ad accettare queste manifestazione di entusiasmo nazionalpopolare: se è in sala quando entra il cast non applaude; se passa accanto al red carpet mentre qualcuno sta sfilando, si gira dall’altra parte sbuffando. Frase topica: “No, non so chi sta sfilando, Perché? Ti interessa?”.

 

IMG_4696

 

L’appassionato agée
Mi sbilancio: insieme all’eroe è la mia categoria preferita. Si tratta di persone in pensione che si prendono l’accredito verde e si fanno una indigestione di film. Sono tra i migliori perché hanno raggiunto il Nirvana: non devono dimostrare niente a nessuno, non hanno aspirazioni particolari, sono al festival solo per divertirsi. Super. Frase topica: “Dici che non riusciamo a entrare? Pazienza, andremo in spiaggia”.

 

sofferente

 

Il sofferente
Ho parlato nella premessa del rigido sistema di caste del festival, una divisione che viene sottolineata da ogni fila e da ogni transenna pre-proiezione. Il sofferente è quello che odia tutti quelli che appartengono a una casta superiore. Ovviamente si tratta di persone che soffrono nel vedere che gente più giovane o della loro età è in una corsia più privilegiata. Di solito manifestano la loro sofferenza attraverso sguardi di disprezzo, mentre si girano dall’altra parte e nascondono il colore del loro accredito (giuro!). Sì, la vivono davvero molto male. Frase topica: “Un giorno tutto questo sarà mio!”

 

Bonus: il romano
In qualsiasi punto del Lido, mettiti in piedi, allarga le braccia e inizia a roteare su te stesso: è matematico che in quell’area troverai qualcuno di Roma. Delegazioni, addetti ai lavori, uffici stampa, marketing. Chiunque. L’esperienza del festival e della privazione della luce del sole è straniante, ma sapere di essere a Venezia e sentire solo l’accento romano accentua la sensazione di essere fuori dal mondo in modo irreversibile.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >