TV e Cinema
di Marco Villa 11 Settembre 2015

Sette tipi di persone che si incontrano al Festival di Venezia

Dallo snob all’eroe: tutti i personaggi di Venezia 72

leone

 

Un festival cinematografico è un posto strano, frequentato soprattutto da cinefili appassionatissimi, la cui idea di felicità è rinchiudersi per giorni e giorni in una sala, passando senza sosta da film a film, dalle 9 di mattina a tarda notte.

Certo, ovviamente c’è anche il pubblico classico, che paga un biglietto, guarda un film e torna a casa, ma il cuore dei festival di cinema sono gli accreditati, quelli che sognano di non vedere mai la luce del sole per giorni e giorni.

Prima di iniziare è necessaria una piccola premessa. Al Festival di Venezia, il mondo degli accreditati è diviso in caste rigidissime, tutte basate sul colore dell’accredito: rosso, blu, giallo, verde. I primi tre sono riservati a giornalisti e addetti ai lavori: rosso e blu sono quelli del potere, quello giallo è un po’ più sfigato (ehi, è il mio!), ma comunque garantisce l’accesso a tutte le proiezioni. Quello verde è per i semplici appassionati: studenti, fanatici, membri di associazioni, di tutto di più.

Giornalisti e addetti ai lavori fanno file piuttosto brevi ed entrano sempre, chi ha l’accredito verde di solito fa file lunghissime e spesso resta fuori. E su questa differenza si basa un gioco di tensione degno del miglior De Palma. E Venezia72, ovvero l’edizione 2015 del Festival non ha fatto eccezione.

Con l’aiuto delle foto di Silvia Rossi, ecco allora i sette personaggi tipici di Venezia, quelli che troverete ogni anno in fila fuori da una sala o con un tramezzino in mano.

 

accrediti

 

L’estremista nerd
Accredito rigorosamente verde, di solito studente universitario. È quello che si mette in fila per proiezioni a cui non riuscirà a partecipare. Per tutta la durata dell’attesa parla con i suoi simili distruggendo tutto quello che ha visto al festival, rimpiangendo tempi lontani che lui non ha vissuto perché arriva a fatica ai 25 anni. Quando non riesce a entrare in sala, ripiega sulle proiezioni dei grandi classici restaurati, così il giorno dopo potrà dire ricominciare a lamentarsi del cinema contemporaneo. Frase topica: “Vabbè, ma vuoi mettere con Eisenstein?”

 

giornalista-sfatto

 

Il giornalista sfatto
Accredito rosso o blu, tra i 30 e 45 anni. È sfatto, completamente. Sveglia presto per la proiezione delle 8:30, subito recensione scritta al volo, poi in conferenza stampa, pezzo da scrivere o video da montare, poi di corsa a fare qualche intervista, ma occhio che è il momento del red carpet e poi dai, che c’è da vedere l’anteprima notturna. Il festival dura due settimane, ma per lui sono due lustri. Frase topica: “Scusa ma devo scappare, ho un’intervista con il regista vietnamita. Non c’è l’interprete, ma parla un dialetto che è simile al bulgaro: dovrei capirlo, no?”

 

arrivato

 

Il giornalista arrivato
Accredito rigorosamene rosso, over 50 anni. Viene a Venezia dagli anni ‘70, quando ha firmato il contratto d’oro con il quotidiano/settimanale/periodico per cui lavora senza interruzioni da decenni. Guarda due film al giorno, viene invitato ogni sera a cena da qualche produzione o associazione. Scrive poco e solo su cose grosse. Per il resto c’è il giornalista sfatto. Frase topica: “No, il prossimo non lo vedo, non ce la faccio. Ma stasera c’è la cena del sindacato sceneggiatori albini ambidestri? Imperdibile!”

 

eroe

 

L’eroe
È il vero mito del Festival. Non ha accredito, non ha biglietto, probabilmente non vedrà nemmeno un film. Ma è un eroe: è uno di quelli che si piazzano di primo mattino accanto al red carpet e non staccano più per le dieci ore successive. Se i festival continueranno a esistere e non diventeranno delle grandi occasioni di streaming e poco più. buona parte del merito sarà loro. Fotografano tutti, si fanno fare l’autografo da tutti, strillano per tutti. Se non è democrazia questa. Frase topica: “Boh, non so chi è, ma mi ha fatto l’autografo” (di solito è un mostro sacro del cinema e questo provoca la rabbia dello snob, vedi sotto).

 

snob

 

Lo snob
I festival sono tra i rari momenti in cui registi e attori cinematografici incontrano il pubblico. Logico che, durante le presentazioni in sala o i red carpet, ci sia una ressa di gente che fotografa, applaude urla. Logico e sacrosanto. Lo snob, però, non ce la fa ad accettare queste manifestazione di entusiasmo nazionalpopolare: se è in sala quando entra il cast non applaude; se passa accanto al red carpet mentre qualcuno sta sfilando, si gira dall’altra parte sbuffando. Frase topica: “No, non so chi sta sfilando, Perché? Ti interessa?”.

 

IMG_4696

 

L’appassionato agée
Mi sbilancio: insieme all’eroe è la mia categoria preferita. Si tratta di persone in pensione che si prendono l’accredito verde e si fanno una indigestione di film. Sono tra i migliori perché hanno raggiunto il Nirvana: non devono dimostrare niente a nessuno, non hanno aspirazioni particolari, sono al festival solo per divertirsi. Super. Frase topica: “Dici che non riusciamo a entrare? Pazienza, andremo in spiaggia”.

 

sofferente

 

Il sofferente
Ho parlato nella premessa del rigido sistema di caste del festival, una divisione che viene sottolineata da ogni fila e da ogni transenna pre-proiezione. Il sofferente è quello che odia tutti quelli che appartengono a una casta superiore. Ovviamente si tratta di persone che soffrono nel vedere che gente più giovane o della loro età è in una corsia più privilegiata. Di solito manifestano la loro sofferenza attraverso sguardi di disprezzo, mentre si girano dall’altra parte e nascondono il colore del loro accredito (giuro!). Sì, la vivono davvero molto male. Frase topica: “Un giorno tutto questo sarà mio!”

 

Bonus: il romano
In qualsiasi punto del Lido, mettiti in piedi, allarga le braccia e inizia a roteare su te stesso: è matematico che in quell’area troverai qualcuno di Roma. Delegazioni, addetti ai lavori, uffici stampa, marketing. Chiunque. L’esperienza del festival e della privazione della luce del sole è straniante, ma sapere di essere a Venezia e sentire solo l’accento romano accentua la sensazione di essere fuori dal mondo in modo irreversibile.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >