TV e Cinema
di Marco Villa 5 Luglio 2018

Pierfrancesco Favino: “Il mio D’Artagnan è come Maradona”

A Ciné – Giornate di Cinema di Riccione, Pierfrancesco Favino parla per la prima volta di Moschettieri del Re, la commedia di Giovanni Veronesi che uscirà a Natale

Se si guarda alla filmografia di Pierfrancesco Favino, è difficile trovare due ruoli che si assomiglino: dalle commedie ai drammi, passando per personaggi di produzioni internazionali, per forza di cose differenti dai tipici personaggi del nostro cinema. A questa galleria di caratteri, in questi giorni Favino sta aggiungendo un ritratto che mancava e che promette di lasciare il segno, non fosse altro che per il nome e il carico di ricordi che si porta dietro. Favino è infatti impegnato sul set di Moschettieri del Re, nuovo film di Giovanni Veronesi, che arriverà in sala il 27 dicembre per Vision Distribution. Proprio Vision ha portato l’attore a Riccione per Ciné – Giornate di Cinema, settimana di presentazione dei listini della prossima stagione. Il suo ruolo? Ovviamente D’Artagnan: Il mio D’Artagnan è un bambinone – racconta – Di lui mi piace l’animo puro, che convive con un grande talento: D’Artagnan è un grande soldato e, anche se nel film non è più in servizio, il talento ce l’ha ancora. È come se Maradona giocasse a calcetto, anche se si è ritirato è comunque più bravo di tutti”.

 

Pierfrancesco Favino presenta Moschettieri del Re  Pierfrancesco Favino a Ciné – Giornate di Cinema (Foto di Fabio De Mitri)

In un panorama natalizio da sempre dominato da commedie più o meno classiche, un titolo come Moschettieri del Re salta all’occhio, eppure si tratta semplicemente del recupero di una storia comune a tanti: “Quando mi hanno offerto il ruolo – continua Favino – ho pensato subito: perché non ci avevamo pensato prima? Ci sono racconti che restano dentro le persone senza che lo sappiano, fino a quando qualcuno non ha l’intuizione di andare a ripescarli. È un vecchio desiderio di Giovanni Veronesi, che finalmente è riuscito a trovare il cast che voleva: per me è come se fosse sempre stato naturale fare D’Artagnan, ma semplicemente nessuno me l’avesse ancora proposto”.

Del resto, poche cose sono così sedimentate nella memoria collettiva come i nomi dei moschettieri e il loro motto, ma la sfida del film sarà cercare di legare i volti di Valerio Mastandrea, Rocco Papaleo e Sergio Rubini a figure semi-mitologiche come Porthos, Athos e Aramis. Insieme a Margherita Buy, Matilde Gioli, Valeria Solarino e Giulia Bevilacqua, sono loro i protagonisti di una pellicola ambiziosa per trama e cast, ma anche faticosa da girare: dopo la Basilicata e il Lazio, in questi giorni è Genova la location scelta per scene che hanno richiesto una lunga preparazione da parte degli attori. A cominciare dallo stesso Favino: “Ho dovuto lavorare molto di spada e di cavallo e ne porto ancora i segni, visto che sono riuscito a cadere da un’asina ferma. Intorno a me sto vedendo grande professionalità, ma anche grande divertimento. In questi giorni ho visto per la prima volta delle immagini ed è stato sorprendente anche per me cogliere la qualità visiva di quello che stavamo facendo. È un film particolare, una bella favola d’avventura, ha aspetti realistici, ma anche da fiaba: mentre lo faccio, penso alle mie figlie, penso ai bambini”.

 

Pierfrancesco Favino presenta Moschettieri del Re  Pierfrancesco Favino a Ciné – Giornate di Cinema (Foto di Fabio De Mitri)

Moschettieri del Re arriverà in sala a fine 2018, a chiudere un anno che per Favino ha rappresentato un ulteriore scatto in avanti in termini di popolarità e visibilità: “Credo che Sanremo mi sia servito a mostrare un lato privato di me: spesso nel nostro mestiere si fa l’equazione tra quello che fai sullo schermo e quello che sei. Con Sanremo non solo ho mostrato al pubblico qualcosa di nuovo, ma è stato come se mi fossi scrollato qualcosa di dosso e per questo non smetterò mai di ringraziare Claudio Baglioni e la RAI”.

Perché se D’Artagnan è un Maradona con cappa e fioretto, Favino non ha dubbi su quale sia il suo talento: “Non penso di essere un intellettuale – conclude – io voglio rivolgermi al maggior numero di persone possibile: sono un talento popolare”

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >