Abbiamo guardato la parodia porno dei Pokemon e ci ha fatto tanta paura

Un mediometraggio che lascia misto di delusione ed inquietudine.

Niente dai, prima o poi doveva succedere. La settimana scorsa un po’ di webzine straniere parlavano di questo film, con foto per nulla incoraggianti. Che fare dunque? Ci siamo informati e abbiamo notato che lo si poteva visionare nella sua interezza a buffo, dunque ci siamo prestati alla visione.

Strokemon Pokemon Parody 3

Si chiama Strokemon ed è un mediometraggio di quasi mezz’ora in cui un manipolo di disadattati vestiti da scemi fa giochi di parole di quelli che v’immaginate, seguiti da alcune sporcizie. L’inizio è di quelli epici: c’è un Pokemon che sembra un verme coi denti, il cui potere è quello di “suck you dry” e capite da voi il male che può fare. Allora il tipo col cappellino gli lancia il Dickachu (che sarebbe una sapida crasi tra Pickachu e la parola cazzo) ed ingaggia la battaglia.

Strokemon Pokemon Parody 5

Dickachu fa paura. È una donna sommariamente truccata con una maschera che ricorda i video d’arte di Matthew Barney, parla con voce gutturale post tracheotomia e dice solo “Dicka”o “Dickachu”, inquietando assai. Si scopre che l’ibrida ha anche un pene segreto, che usa per irrorare i nemici, tra cui una donna gatto con le tette più finte di quando i tuoi amici ti dicono che sei dimagrito. Al minuto 6.22 avviene la prima 3some tra la rossa, lo scemo e il mostro giallo. Una copula ad uso e consumo degli otaku, durante la quale scopriamo nostro malgrado che la rossa è rossa ovunque e che il mostro è in realtà donna a tutti gli effetti. Proferisce anche nuove parole tra cui “Ah ahhhh ah aaaaaaaah”. Un amplesso infinito, piuttosto noioso, in cui i tre provano tutti gli incastri umanamente possibili e che niente aggiunge né toglie a tutti i porno che siamo sicuri avrete visionato nell’intimità della vostra solitudine. Il ragazzone ci dà talmente dentro che viene da chiedersi se gli abbiano incollato quella stupida parrucca che sembra una scopa al cranio.

Strokemon Pokemon Parody 1

Alla fine ce la fa. L’esito è di quelli che ci si aspettano ma imprevedibilmente, dopo aver fatto i suoi comodi, egli non le porta neanche a cena fuori. Un gran cafone.

Strokemon Pokemon Parody 4

Non siamo ancora entrati nel vivo ed è già sigla finale. La prima orgia era in realtà l’unica, lasciandoci molto delusi e un po’ col fiato sospeso su cos’avrebbero potuto combinare l’asiatico ciccione e la donna gatto, purtroppo non coinvolti nella situazione. Oltre ad essere infastiditi dalla rapidità del film, siamo anche colmi d’inquietudine poiché gli occhi di Dickachu sono in realtà gli occhi della morte. Evinciamo dai titoli di coda che la ragazza celata dalle informi vesta gialle è in realtà Rizzo Ford, una pornostar piuttosto seguita tra le persone che non hanno mai avuto l’incomodo di doversi relazionare con l’altrui sesso nella vita vera.

Strokemon Pokemon Parody 6

Dunque, questo è quanto. Purtroppo, non appena chiudiamo gli occhi, sentiamo quella voce e vediamo di nuovo quello sguardo, quindi faticheremo a prendere sonno stanotte. Giusto per questo motivo non vi diamo il link nel quale potreste guardare nell’interezza il filmato, poiché vi vogliamo bene. Sapendovi però curiosi, potete visionare il gustoso trailer qui sotto, che vi promettiamo, a conti fatti, essere più bello del film, che siamo sicuri non mancherà d’eccitare quelli che si salvano sull’hard disk le foto delle cosplayer al Lucca Comics. Che è, al netto della visione, la cosa che inquieta di più.

E questo è il trailer della porno-parodia

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >