TV e Cinema
di Mattia Nesto 6 Settembre 2016

Robot Wars, l’assurda epopea dei gladiatori d’acciaio

Nascita e morte di Robot Wars, il programma televisivo più nerd di sempre

robot-wars-cover

Quello tedesco è il popolo degli ingegneri meccanici e dei visionari. Infatti solo e soltanto loro avrebbero potuto pensare di, letteralmente, prendere un intero edificio, l’altare di Zeus a Pergamo (antica città dell’Asia Minore, oggi in Turchia) e, nel 1886, trasportarlo, sezionandolo in tanti blocchetti numerati (i Lego sarebbero nati in Danimarca non troppi anni dopo, nel 1916) a Berlino, nell’apposito Pergamonmuseum.

Il cuore dell’Altare è la Gigantomachia, la terribile lotta tra dei e giganti per la conquista dell’Olimpo. A distanza di circa 1800 anni un programma televisivo ha combinato la visionarietà degli ingegneri meccanici tedeschi con la possanza delle gigantomachie greche, soltanto un poco aggiornate ai tempi correnti: quel programma era Robot Wars e su Italia 1 è arrivato nel 2000.

robot-wars

 

Robot Wars è il classico show di intrattenimento per ragazzi dei tardi anni Novanta. Ovvero costruito su preesistenti modelli anglosassoni (che almeno dagli Ottanta avevano iniziato a proporre, specialmente nelle reti via cavo, questo genere di show), il programma nato in Inghilterra nel 1998, poi acquistato nel 2000 da Mediaset e trasmesso su Italia 1 aveva un andamento piuttosto semplice: fondamentalmente si trattava di una serie di sfide, alle volte “uno contro uno” alle volte “tutti contro tutti” (o, come forse i fan di “Super Smash Bros.” della Nintendo apprezzerebbero chiamare, una “rumble-arena”) in cui robot costruiti in casa si sfidavano in combattimenti “all’ultimo sangue”.

Questi robot da combattimento erano per lo più coraggiosi quanto incauti tentativi di mettere in piedi “macchine della morte”, rivitalizzando quella cultura e quell’immaginario, un po’ pop e tanto kitsch, dei film di fantascienza degli anni Settanta e, soprattutto, Ottanta. Eppure non tutti i tentativi erano tentativi amatoriali di basso livello. Alcuni robot, almeno agli occhi dei bambini e dei ragazzi di quegli anni, erano veri e propri capolavori di ingegneria meccanica tanto che su Internet si sprecano i siti che elencano, con grande precisione i dati tecnici, l’elenco delle armi e delle tecniche di combattimento (neppure fossimo di fronte a qualche maestro della Scuola della’ Croce del Sud) dei vari robot.

Alcuni di questi ce li ricordiamo ancora oggi. Come scordare infatti il temibile Hypno-Disc, una sorta di macchinina a quattro ruote a cui era collegata una enorme girella, che presentava delle, giustappunto, ipnotiche spire, che roteando a grande velocità, sezionando letteralmente in due i malcapitati avversari di turno. Oppure c’era Razer, un robot molto corazzato e veloce che aveva la caratteristica di possedere un enorme artiglio, molto simile a quello dei raptor di Jurassic Park con cui dilaniava le “vittime” di turno.

In realtà, andando a controllare bene nei siti e nei forum degli appassionati del programma, si può scoprire che i diversi combattimenti erano divisi per categoria, sulla scia del pugilato: c’erano i pesi piuma (robot dai 20 ai 40 kg), quelli medi (40-60 kg) e i pesi massimi (dai 60 agli, addirittura, 110 kg di peso) ma da ragazzi non si prestava troppa attenzione a queste divisioni. La versione italiana del programma, almeno per l’anno in cui venne trasmessa su Italia 1, era affidata a Marco Bellavia (lo “Steve” della serie tv “Kiss Me Licia”) e a Guido Bagatta.

Il momento centrale dello show era quando il robot o i robot di turno dovevano sfidare i cosiddetti “boss della casa”, ovvero macchine da guerra costruite appositamente da una serie di tecnici dello show e per questo particolarmente temibili. Ovviamente i robot casalinghi finivano regolarmente stritolati tra le grinfie di queste “spaventose” macchine. C’era, ad esempio, Matilda, una specie di “robot-triceratopo” (i dinosauri all’epoca erano molto, ma molto di moda) che aveva una pala sollevatrice anteriore ed una motosega, poi sostituita da un disco inerziale che scagliava gli avversari in aria per poi farli fracassare al suolo.

Ma non si può non citare anche Sergeant Bash un robot armato, addirittura, di lanciafiamme (sì, avete capito bene!) oppure Shunt, una specie di “bulldozer meccanico” ed infine il celebratissimo Dead Metal. Quando entrava nell’arena Dead Metal anche il bambino più pacifista ed animato dai più candidi sentimenti sul globo si sentiva ribollire il sangue. Si trattava infatti di un robot di 110 kg armato di due enormi chele con le quali bloccava l’avversario che poi veniva sollevato da terra per essere quindi finito da una possente sega circolare da 3000 giri al minuto posta sulla testa di Dead Metal. Insomma uno spettacolo fatto di scintille, fiammate improvvise e carcasse di robot lasciate senza alcuna pietà in mezzo ad un’arena.

robot-wars-dead-metal

Il programma se nel breve non ebbe un grande successo (dopo sole due stagioni, nel 2002, venne spostato su La7, per la conduzione di Andrea Lucchetta e commento da Ugo Francica Nava per poi venire definitivamente cancellato) è rimasto nel cuore di tanti appassionati. Molti dei futuri ingegneri meccanici si sono innamorati della robotica, dell’idraulica e di tutte quelle branche molto “fisiche” delle scienze applicate anche per show come questi (ed anche per lo smontaggio/rimontaggio delle “mini 4WD”, modellini di macchine da corsa giapponesi diffusissime tra gli anni Novanta e Duemila). La visionarietà degli ingegneri meccanici berlinesi insomma e le mitiche lotte tra creature titaniche si possono fare anche con robot un po’ caserecci: l’importante, come si premuravano sempre di dire in coro Bagatta e Bellavia è“Don’t try this at home”, almeno che non siate capo-architetto al Pergamonmuseum.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >