serena grandi biografia

Cadute e rinascite di Serena Grandi, il sogno proibito di una generazione

I film scollacciati, l’eros, il declino, il ritorno, l’Oscar vinto da “La grande bellezza”: breve storia della donna che volle farsi regina

serena grandi biografia  Da Miranda, di Tinto Brass, 1985 

 

Una storia che comincia così: “Dopo il mio primo film mi trovai sotto casa ai Parioli un Ferrari bianco, con un nastro enorme rosa“, ecco, è un problema se non avete voglia di starla a sentire. Perché “il Ferrari bianco” era il regalo di un innamorato respinto, l’anno di cui stiamo parlando probabilmente il 1980, del modello non sappiamo niente, ma io dico che poteva essere un 308 GTS, e infine chi riceveva quel mazzolin di chiavi partito da Maranello era Serena Grandi.

Al tempo Serena era poco più che ventenne e, anche se non abbiamo prove per dirlo – ma solo supposizioni – mai più così bella. Partita da Bologna, classe 1958 – forse: della sua data di nascita si dibatte in questa intervista di Claudio Sabelli Fioretti del 1998 – e nata Serena Faggioli, per il nome d’arte prese il cognome della madre. Nel corso degli anni ’80 arrivò al successo, merito delle sue indubbie, prosperose grazie, e dell’incontro con Tinto Brass.

Con film come Miranda, proprio per la regia di Brass, Serena Grandi diventò il sogno erotico di un Paese che stava mutando, ben più che in senso pasoliniano; erano gli anni della nascita della tv commerciale, di un’erezione perenne, di un’eccitazione senza fine. In quel periodo Serena Grandi disse a L’Europeo: “Sarò fedele solo quando incontrerò un campione, uno che abbia il potere economico e quello fisico, uno come Berlusconi, ma che sia superdotato“.

Enunciato quest’ultimo che ben riassume gli anni ’80 tutti.

 

serena grandi biografia

 

Non sono mancati gli uomini, nella vita di Serena Grandi, che a proposito rispondeva così alle interviste. Sempre su L’Europeo alla domanda: “Quale storia non dimenticherà?” ribatteva “La notte che ho passato con due pugili – risponde Serena dall’alto dei suoi 25 anni e di un décolleté intimidatorio – È stata una gara di resistenza, ma alla fine li ho sfiancati“. Se aveva 25 anni era il 1984.

Oggi si è chiaramente data una calmata e dice cose rassicuranti, un po’ amare, cose che potremmo dire tutti alla sua età, oggi 59 anni: “Dopo la morte del mio ex marito Beppe Ercole e del mio ex compagno – il notaio napoletano Giustino Rossi – non avevo nessuna intenzione di innamorarmi e rifarmi una vita” si leggeva sul Messaggero nel 2016.

Ha quasi 60 anni questo giunonico sex symbol casereccio, caldo ma rassicurante, che non arrivò mai all’hard, rimase in quella via di mezzo alla Brass fatta di pelo al vento, di risatine, di voyeurismi, roba che oggi sembra arrivare da altre galassie dell’immaginario erotico se la confrontiamo con la home page di PornHub.

 

serena grandi biografia

 

Roba frutto in molti casi delle fantasie di quel Fellini sotto Viagra che alla fine è Tinto Brass. Passata attraverso problemi giudiziari – risolti positivamente, con un risarcimento a suo favore – Serena Grandi dopo l’epoca d’oro del softcore ha recitato in due film che tutti ricordano, Radiofreccia, dove intepreta la madre di Freccia/Stefano Accorsi, e anche ne La grande bellezza di Sorrentino, per cui sì, Serena Grandi ha anche recitato in un film che ha vinto un Oscar.

Per i curiosi: c’è un film in cui Serena Grandi ha recitato con Moana Pozzi, anche se non furono mai insieme sul set, La compagna di viaggio, del 1980, come ricorda Nocturno.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >