serena grandi biografia

Cadute e rinascite di Serena Grandi, il sogno proibito di una generazione

I film scollacciati, l’eros, il declino, il ritorno, l’Oscar vinto da “La grande bellezza”: breve storia della donna che volle farsi regina

serena grandi biografia  Da Miranda, di Tinto Brass, 1985 

 

Una storia che comincia così: “Dopo il mio primo film mi trovai sotto casa ai Parioli un Ferrari bianco, con un nastro enorme rosa“, ecco, è un problema se non avete voglia di starla a sentire. Perché “il Ferrari bianco” era il regalo di un innamorato respinto, l’anno di cui stiamo parlando probabilmente il 1980, del modello non sappiamo niente, ma io dico che poteva essere un 308 GTS, e infine chi riceveva quel mazzolin di chiavi partito da Maranello era Serena Grandi.

Al tempo Serena era poco più che ventenne e, anche se non abbiamo prove per dirlo – ma solo supposizioni – mai più così bella. Partita da Bologna, classe 1958 – forse: della sua data di nascita si dibatte in questa intervista di Claudio Sabelli Fioretti del 1998 – e nata Serena Faggioli, per il nome d’arte prese il cognome della madre. Nel corso degli anni ’80 arrivò al successo, merito delle sue indubbie, prosperose grazie, e dell’incontro con Tinto Brass.

Con film come Miranda, proprio per la regia di Brass, Serena Grandi diventò il sogno erotico di un Paese che stava mutando, ben più che in senso pasoliniano; erano gli anni della nascita della tv commerciale, di un’erezione perenne, di un’eccitazione senza fine. In quel periodo Serena Grandi disse a L’Europeo: “Sarò fedele solo quando incontrerò un campione, uno che abbia il potere economico e quello fisico, uno come Berlusconi, ma che sia superdotato“.

Enunciato quest’ultimo che ben riassume gli anni ’80 tutti.

 

serena grandi biografia

 

Non sono mancati gli uomini, nella vita di Serena Grandi, che a proposito rispondeva così alle interviste. Sempre su L’Europeo alla domanda: “Quale storia non dimenticherà?” ribatteva “La notte che ho passato con due pugili – risponde Serena dall’alto dei suoi 25 anni e di un décolleté intimidatorio – È stata una gara di resistenza, ma alla fine li ho sfiancati“. Se aveva 25 anni era il 1984.

Oggi si è chiaramente data una calmata e dice cose rassicuranti, un po’ amare, cose che potremmo dire tutti alla sua età, oggi 59 anni: “Dopo la morte del mio ex marito Beppe Ercole e del mio ex compagno – il notaio napoletano Giustino Rossi – non avevo nessuna intenzione di innamorarmi e rifarmi una vita” si leggeva sul Messaggero nel 2016.

Ha quasi 60 anni questo giunonico sex symbol casereccio, caldo ma rassicurante, che non arrivò mai all’hard, rimase in quella via di mezzo alla Brass fatta di pelo al vento, di risatine, di voyeurismi, roba che oggi sembra arrivare da altre galassie dell’immaginario erotico se la confrontiamo con la home page di PornHub.

 

serena grandi biografia

 

Roba frutto in molti casi delle fantasie di quel Fellini sotto Viagra che alla fine è Tinto Brass. Passata attraverso problemi giudiziari – risolti positivamente, con un risarcimento a suo favore – Serena Grandi dopo l’epoca d’oro del softcore ha recitato in due film che tutti ricordano, Radiofreccia, dove intepreta la madre di Freccia/Stefano Accorsi, e anche ne La grande bellezza di Sorrentino, per cui sì, Serena Grandi ha anche recitato in un film che ha vinto un Oscar.

Per i curiosi: c’è un film in cui Serena Grandi ha recitato con Moana Pozzi, anche se non furono mai insieme sul set, La compagna di viaggio, del 1980, come ricorda Nocturno.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >