TV e Cinema
di Mattia Nesto 26 Gennaio 2017

Skins dieci anni dopo: cosa è rimasto della serie tv inglese più iconica degli anni 2000

Nel 2007 andava in onda il primo episodio di Skins, la migliore serie tv di sempre sull’adolescenza

 

“Studi universitari fatti male, trasalimenti sessuali confusi, droghine fatte in casa… Fanciulline scatenate o svampite, ragazzini pensierosi e giovani scemini che incontrano il primo amore insieme al primo dolore…”, così  Alberto Arbasino scriveva in Piccole Vacanze e l’autore di Voghera pare quasi avesse realizzato, con cinquant’anni esatti di anticipo, un perfetto mega-mini riassunto di Skins, la serie culto la cui prima puntata è andata in onda il 25 gennaio 2007 sul canale E4 in Inghilterra. In Italia è arrivata l’anno successivo, il 20 gennaio del 2008 e oggi può essere vista interamente su Netflix.

 

 

Ma di cosa parla Skins? Parla (almeno per quanto riguarda la prima delle sette stagioni) di un gruppo di adolescenti di Bristol, città da sempre cardine nella cultura alternativa inglese, seguendoli passo passo nel loro percorso di crescita. Gli ideatori,  Jamie Brittain e Bryan Elsley, tra l’altro padre e figlio, hanno dato alla serie uno sguardo molto disincantato, riuscendo nel difficile esercizio di bilanciare temi talvolta anche molto pesanti e difficili da trattare, dalla droga all’anoressia, dal bullismo al contrastato rapporto con la religione, dagli ovvi scontri genitori-figli sino alla maternità/paternità, malattia mentale e anche morte, con un tocco lieve ma non banale (soprattutto nelle prime due stagioni), coniugando quindi l’impegno del tema con la leggerezza del racconto.

 

 

Chi ha avuto tra i quindici e trent’anni nella prima decade del nuovo millennio, senza dubbio deve avere incontrato, almeno una volta, Skins, che in Italia andava in onda su Mtv in seconda serata. Alcuni dei personaggi sono diventati ben presto molto iconici, proprio perché se, parallelamente alle vicende degli adolescenti inglesi, si assistevano alle cose prodotte in casa nostra, la distanza era palpabile: laddove in Italia tutto era un po’ zuccheroso, molto melodrammatico e sempre e comunque da operetta, in Inghilterra il racconto era duro, senza troppi fronzoli e con un livello di realtà altissimo.

 

 

A proposito di personaggi iconici, Tony Stonem,  interpretato da Nicholas Hoult (che poi sarà Hank McCoy/Bestia nel nuovo franchise degli X-Men) ha incarnato perfettamente il ragazzo attraente e popolare, quello che andava di moda in quegli anni: pantaloni skinny dai colori sgargianti, magari verdi più spesso rossi, cardigan d’ordinanza, il più delle volte a righe o quadretti, occhi azzurri e glaciali e il classico ciuffo emo che faceva sospirare più di un’adolescente.

 

 

Anche le protagoniste femminili di Skins sono state prese grandemente a modello. Non si può non citare Effy, sorella minore di Tony, che avrà un ruolo sempre maggiore a partire dalla terza stagione. Effy (l’attrice Kaya Scodelario) è una ragazza di una bellezza rara, animata da uno spirito ribelle e apparentemente duro, che però rivela una grande fragilità interna emotiva. Effy con i suoi grandi occhi grigioverdi è un vero e proprio sogno erotico degli anni 00.

 

 

Ma oltre alla più o meno classica “bad girl”, in Skins c’era spazio anche per protagoniste più lievi e delicate, come Cassandra “Cassie” Ainsworth. Cassie, senza dubbio, una delle figure più amate della serie, per la sua aria trasognata e sempre in bilico tra l’allegria senza fine di una bambina e il baratro della disperazione di una persona senza speranza e tormentata dall’anoressia. Interpretata ottimamente da Hannah Murray (che forse alcuni di voi hanno anche visto in Games of Thrones nel ruolo di Gilly), Cassie è diventata protagonista di decine di centinaia di tumblr e gif, che riportavano le espressioni più buffe e iconiche di questo personaggio.

 

 

La musica poi ha sempre rivestito una grande importanza. Non soltanto dal punto di vista delle scene, come commento alle varie vicende dei protagonisti, ma anche dal punto di vista filosofico-storico, per così dire: Chemical Brothers, The Fall, Mogwai, Gossip, Bloc Party e Dj Shadow, questi solo alcuni dei nomi delle band che sono apparse in questa serie. Una specie di vangelo laico e ragionato di quanto di figo, giusto ed alla moda c’era da ascoltare in quel tempo.

Rispetto ad altre serie teen-oriented, come la mitica Dawson’s Creek, per dire – Skins ha avuto il merito di saper diventare grande senza invecchiare. Il motivo è il continuo riciclo del cast, azzerato in modo sistematico ogni due anni. Nel corso delle sue sette stagioni, abbiamo seguito le vicende di tre generazioni di ragazzi e ragazze, evitando di esasperare poche storie trascinandole nel corso degli anni.

 

 

Bonus track: menzione d’onore per  Anwar Kharral, il ragazzo di origine pakistana che ha un tormentato rapporto con la propria religione. L’attore che ha interpretato questo personaggio è infatti il londinese Dev Patel, sì proprio lui, il protagonista del pluripremiato film The Millionaire. Come a dire che anche se da giovani non si era propriamente la ragazza o il ragazzo più popolare della scuola non succede niente: magari arriva  Danny Boyle e ti fa diventare iper-famoso.

C’è speranza per tutti!

 

 

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >