TV e Cinema
di Mattia Nesto 7 Maggio 2019

Stanlio e Ollio potrebbe essere il miglior biopic di quest’anno

Il biopic dedicato alla più iconica coppia di comici del cinema emoziona, commuove e fa riflettere.

Il film si apre con un piano sequenza, lungo quasi venti minuti, che ci introduce nei dorati studios di Hollywood sul finire degli anni Trenta. Tutto è perfetto: ci sono le comparse vestite da antichi romani, i tecnici delle luci che portano a spalla enormi fari e decine e decine di ballerine vestite di piume e paillette che riempiono i capannoni con le loro risate. E poi ci sono loro. Stan Laurel e Oliver Hardy, ovvero Stanlio & Ollio, il duo comico più famoso, ammirato e amato della storia del cinema, i dominatori della Hollywood di quegli anni. I due, coppia di amici ancor prima che di attori, percorrono le vie con sicurezza: sono gesti studiati, conosciuti a menadito. Quella è la strada non solo che li porta nel loro teatro di posa ma anche, letteralmente, “la strada del successo”.

Poi però qualcosa si rompe. Stanlio e Ollio arrivano sul set e si mettono a discutere con il produttore: Stan Laurel, più pragmatico e perfezionista, pretende un adeguamento di contratto al livello di quelli di Charlie Chaplin, mentre Oliver Hardy, più accomodante e meno attento ai dettagli, non prende posizione e cerca di stemperare gli animi. Quello che ne verrà fuori non poteva essere previsto da nessuno: l’inestricabile coppia di comici si spezza. Nei successivi sedici anni, con una Guerra Mondiale di mezzo, i due non si vedranno più fino a quando, ormai in un’altra era e del mondo e della cinematografia comica, per una serie di circostanze, si ritroveranno ancora una volta insieme, per un’ultima tournée in giro per il Regno Unito prima di girare, forse, un nuovo film. Il film che sancirà il loro rilancio.

Ecco, da qui si muove lo splendido Stanlio & Ollio di John S. Bard, film che ha ricevuto tre candidature agli ultimi BAFTA. L’opera di Bard si segnala, innanzi tutto, per l’incredibile prova mimetica di Steve Coogan e John C. Reilly che hanno interpretato Stanlio e Ollio in maniera praticamente perfetta. Impressionante infatti è stato vederli rifare, praticamente in scala 1:1, i movimenti, i balletti e le espressioni dei due comici britannici. Eppure, contrariamente a molti biopic del genere, dove si premia la capacità dell’attore di diventare il protagonista e poi, quasi sempre, si segue in maniera piuttosto lineare e didascalica le varie vicende biografiche, qui c’è un’idea, un’idea forte che dà lo scarto necessario al film per elevarsi dal genere.Infatti come avevamo detto prima, il film racconta l’ultimo “giro di valzer” di una coppia ritenuta da tutti come indissolubile (o, per dirla alla Thanos di Endgame, “ineluttabile”) ma che, per sedici lunghi anni, non si è neppure rivolta la parola.

Ecco quindi che assistiamo, in un gioco di grande, grandissima eleganza, al lento percorso di riavvicinamento tra due uomini che all’apice del loro successo avevano tutto ma che, adesso, oltre a non avere quasi più nulla sono considerati due monumenti del passato, ormai obsoleti. Eppure, e qui Bard è “aiutato” dalla scrupolosa ricostruzione degli ambienti e dei colori, Stanlio e Ollio si mettono a lavorare sodo e battere palmo a palmo i “peggiori teatri d’Inghilterra”. Prima si inizia in sudici locali di provincia mezzi vuoti ma poi, piano piano, lo spettacolo e le vecchie gag vengono affinate- Si aggiunge sempre qualche nuovo sketch (grazie all’inventiva mai doma di Stan Laurel) e Oliver Hardy pare tornato quello dei vecchi tempi. Il successo e l’affetto del pubblico ritorna come se non fosse passato tutto quel tempo e l’Europa, anzi il mondo stesso, non fosse stato distrutto dalla Seconda Guerra Mondiale. 

Eppure sono passati sedici anni, sedici anni fatti di silenzi, “non detti” e di tradimenti: Hardy infatti ha fatto un film “da solo” e questo non è stato mai davvero “perdonato” da Stan. Solo attraverso una catarsi dei sentimenti il grande ritorno del duo comico sulla ribalta potrà davvero compiersi. Ed è proprio qui che il film di Bard si concentra: ovvero non soltanto il classico “Luci delle Ribalta” in cui si racconta di due star ormai decadute, ma il concreto esempio di come due artisti, al di là del passare del tempo, siano prima di tutto due uomini. E se il talento lo si ha non lo si perde: quello a cui bisogna stare attenti è la propria dimensione umana e, ancor di più, i propri affetti. Stanlio & Ollio così di declina come un magnifico trattato sotto forma di commedia dolce-amara (il finale vi farà uscire dal cinema con un groppo in gola grande così) su cosa sia l’amicizia tra due uomini adulti.

E se anche voi, come tutti, avete riso nelle scenette di quelli che i nostri nonni, ancora oggi, chiamano “Cric & Croc” questo film va visto e rivisto: perché parla di un sentimento che coinvolge chiunque, ovvero l’amicizia e la paura fottuta che si ha nel perderla e nella fatica boia che si fa nel riconquistarla. Fosse anche l’ultima cosa che si fa.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >