© Netflix
TV e Cinema
di Simone Stefanini 15 Settembre 2020

Sto pensando di finirla qui, il film più angosciante che troverete su Netflix

Se volete fare un percorso emotivo/esistenzialista più duro di una seduta dallo psichiatra e volete perdervi nell’assurdo per trovare indizi che concorrano a risolvere l’enigma, buttatevi coi panni e tutto dentro questo film

“Sto pensando di finirla qui”: la protagonista del film di Charlie Kaufman che trovate su Netflix, ripete spesso questa frase mentre viaggia in macchina col fidanzato Jake per andare a conoscere i genitori di lui. Fuori nevica incessantemente, ma sembra un road trip come tanti, finché lei non ci guarda, sfondando la quarta parete e mettendoci in allerta. Questo non è un film normale, non lo sarà per le sue due ore e passa di durata. Metterà i brividi, più di un horror e più di una volta sentirete il cervello scoppiare nella cassa cranica.

Andiamo con ordine: I’m thinking of ending things, questo il titolo originale, è l’adattamento del romanzo omonimo di Iain Reid fatto da Charlie Kaufman, uno che di film assurdi se ne intende: sceneggiatore di Essere John Malkovich, Il ladro di orchidee e Se mi lasci ti cancello (Eternal Sunshine of the Spotless Mind), regista di Synecdoche, New York e Anomalisa. Se avete visto uno dei suoi film, sapete già che non c’è da stare tranquilli sul divano a seguire una narrazione lineare, e quest’ultimo film non fa eccezione.

Jake e Lucy (o Louisa? o qualche altro nome?) sono fidanzati, legati da una forte attrazione intellettuale oltre che fisica. Quando raggiungono casa dei genitori di lui, però, succedono cose grottesche, che fatichiamo a capire. E che ci fanno quelle sequenze apparentemente sconnesse con la trama, di un anziano bidello di un liceo? 

© Netflix  © Netflix

In giro per i siti di critica cinematografica troverete la spiegazione per il mistero (per niente) buffo di questo film affascinante, dal canto nostro possiamo dire che è una visione delicata e grottesca, per una storia in cui nessuno è chi sembra (in pieno stile David Lynch). Gli attori sono tutti fenomenali, a partire da Jessie Buckley (Chernobyl) e Jesse Plemons (Breaking Bad, Fargo), una coppia piuttosto inusuale e spesso raggelante, ma del tutto normale se paragonata a quella dei genitori di lui, composta da David Thewils (Fargo, Harry Potter) e, soprattutto, Toni Collette, l’attrice più inquietante di questa generazione, già ammirata (e temuta) in Hereditary.

© Netflix  © Netflix

Il cinema di Kaufman non è per tutti, e non lo diciamo con intenzione snob, tipo “ah, solo gli eletti lo capiscono”. No, letteralmente non fa per quelli che non amano i thriller psicologici portati all’estremo, i film destrutturati, stramboidi e intellettuali, perché potrebbero addormentarsi durante il primo tempo, o piegarsi in due dalle risate involontarie. La struttura volutamente paradossale, o ti prende dal primo minuto, o la rigetti in toto e torni al menu principale. 

© Netflix  © Netflix

Che sia un film stravagante lo si capisce anche dal formato con cui è girato, il vecchio 4:3 dei film degli anni ’80 e ’90, quello quasi quadrato per riempire le tv al catodo. Una scelta per niente casuale, ma abbiamo deciso di non spoilerare e lasciamo tutto sospeso. Dunque, per quelli di voi che ancora sono indecisi: se volete fare un percorso emotivo/esistenzialista più duro di una seduta dallo psichiatra e volete perdervi nell’assurdo per trovare indizi che concorrano a risolvere l’enigma, buttatevi coi panni e tutto dentro questo film, tra l’altro uscito in streaming invece che nelle sale (purtroppo da un lato, per fortuna dall’altro). Se invece cercate un altro tipo di emozioni, una trama non troppo intricata e non avete voglia di ansie, lasciate proprio perdere. Noi l’abbiamo amato e ora vogliamo leggere anche il libro.

Sto pensando di finirla qui – Iain Reid

Compra | su Amazon

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >