TV e Cinema
di Mattia Nesto 24 Luglio 2017

Un po’ fero e un po’ piuma: ma quanto ci manca Mario Brega?

Mari Brega eroe del popolo, dai film di Sergio Leone a quelli di Carlo Verdone, un caratterista come ce ne sono stati pochi in Italia

“A me fascio? Io fascio? A zoccolè, io mica so’ comunista così, sa’! So’ comunista così!”

 

Raramente nella storia del cinema un personaggio è stato tanto rappresentativo per una specifica classe sociale, provenienza geografica e, per così dire, ideologia politico-sentimentale. Stiamo parlando di Mario Brega, scomparso 23 anni fa, e uno, senza ombra di dubbio, dei più famosi caratteristi del cinema nostrano.

 

Mario Brega è un ragazzone alto e grosso quando fa il suo esordio nel mondo del cinema e lo fa dalla porta di servizio. Siamo negli anni Sessanta e le parti che interpreta sono quelle di nerboruti ufficiali fascisti oppure di galeotti e ergastolani vari. Proprio il suo fisico imponente e la sua espressione truce finiscono per impressionare Sergio Leone che lo scrittura in Per un pugno di dollari, Qualche dollaro in più e, in qualità di caporale dell’Esercito Nordista in Il buono, il brutto e il cattivo senza scordare un breve cameo in C’era una volta in America.

 

 (blogspot)

 

Ora già solo la partecipazione a questi veri e propri capisaldi del cinema mondiale potrebbe bastare per un attore ma la celebrità, la celebrità vera e l’affetto del pubblico per Mario Brega arriverà quasi quindici anni dopo quando inizia il sodalizio con Carlo Verdone. Un giorno  Verdone, solito frequentare la casa di Sergio Leone,  incontra per caso Mario Brega intento a salire le scale con alcune cassette di frutta da consegnare al regista. Verdone squadra Brega e gli propone un ritorno sulle scene (dalle quali si era allontanato dopo una serie di dimenticabili e alquanto sfortunati film di serie b): lui accetta e il resto è storia.

 

 

 

Inizia così la seconda parte della carriera attoriale di Mario Brega che prenderà parte a Un sacco bello nel 1980, Bianco, rosso e Verdone nel 1981 e Borotalco nel 1982, ovvero alla trilogia di film più amata di Verdone. Se si fa una breve giro sull’internet letteralmente si sprecano le quote e i meme su Mario Brega. Come non citare ad esempio la celeberrima frase di presentazione di Don Alfio in Un sacco bello: “Don Alfio è qui perché te voleva conosce mejo, perché è un grosso studioso di morale, un grosso filosofo… Aho, è un omo de Chiesa co’ du cosi così!” oppure il racconto mezzo pulp di Borotalco: “J’ho dato un destro ‘n bocca, m’è cascato a terra come Gesù Cristo. J’ho rotto er setto nasale, j’ho frantumato le mucose, e je dicevo Arzete, a cornuto arzete…!” (per altro frutto di un episodio realmente accaduto allo stesso Brega).

 

 

Già perché la forza di questo personaggio, la sua pervicacia e resistenza nell’immaginario collettivo è l’essere tutt’uno con la società da cui proveniva: quando in Vacanze di Natale (l’originale del 1983) interpreta un macellaio romano di viale Marconi che ha fatto i soldi  uno davvero ci crede, si figura perfettamente Mario Brega intento a disossare una costina di maiale delle dimensioni di un brontosauro. Stesso discorso per la leggendario scena delle olive di Borotalco: Mario Brega non recita, lui è il padre gestore di un negozio di alimentari preoccupato per le sorti della figlia.

 

Tutti noi conosciamo un amico o qualche conoscente neppure nato quando uscivano quei film che però oggi utilizza le sue foto o le sue frasi sui vari social network.

 

 (wikipedia)

 

Ma forse la battuta che meglio rappresenta Mario Brega, un omone grande e grosso ma dal cuore in fondo tenero è questa, proveniente da Bianco, rosso e Verdone: “Sta mano po esse fero o po esse piuma: oggi è stata ‘na piuma”. Quanto ci manca questo eroe del popolo!

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >