TV e Cinema
di Mattia Nesto 24 Luglio 2017

Un po’ fero e un po’ piuma: ma quanto ci manca Mario Brega?

Mari Brega eroe del popolo, dai film di Sergio Leone a quelli di Carlo Verdone, un caratterista come ce ne sono stati pochi in Italia

“A me fascio? Io fascio? A zoccolè, io mica so’ comunista così, sa’! So’ comunista così!”

 

Raramente nella storia del cinema un personaggio è stato tanto rappresentativo per una specifica classe sociale, provenienza geografica e, per così dire, ideologia politico-sentimentale. Stiamo parlando di Mario Brega, scomparso 23 anni fa, e uno, senza ombra di dubbio, dei più famosi caratteristi del cinema nostrano.

 

Mario Brega è un ragazzone alto e grosso quando fa il suo esordio nel mondo del cinema e lo fa dalla porta di servizio. Siamo negli anni Sessanta e le parti che interpreta sono quelle di nerboruti ufficiali fascisti oppure di galeotti e ergastolani vari. Proprio il suo fisico imponente e la sua espressione truce finiscono per impressionare Sergio Leone che lo scrittura in Per un pugno di dollari, Qualche dollaro in più e, in qualità di caporale dell’Esercito Nordista in Il buono, il brutto e il cattivo senza scordare un breve cameo in C’era una volta in America.

 

 (blogspot)

 

Ora già solo la partecipazione a questi veri e propri capisaldi del cinema mondiale potrebbe bastare per un attore ma la celebrità, la celebrità vera e l’affetto del pubblico per Mario Brega arriverà quasi quindici anni dopo quando inizia il sodalizio con Carlo Verdone. Un giorno  Verdone, solito frequentare la casa di Sergio Leone,  incontra per caso Mario Brega intento a salire le scale con alcune cassette di frutta da consegnare al regista. Verdone squadra Brega e gli propone un ritorno sulle scene (dalle quali si era allontanato dopo una serie di dimenticabili e alquanto sfortunati film di serie b): lui accetta e il resto è storia.

 

 

 

Inizia così la seconda parte della carriera attoriale di Mario Brega che prenderà parte a Un sacco bello nel 1980, Bianco, rosso e Verdone nel 1981 e Borotalco nel 1982, ovvero alla trilogia di film più amata di Verdone. Se si fa una breve giro sull’internet letteralmente si sprecano le quote e i meme su Mario Brega. Come non citare ad esempio la celeberrima frase di presentazione di Don Alfio in Un sacco bello: “Don Alfio è qui perché te voleva conosce mejo, perché è un grosso studioso di morale, un grosso filosofo… Aho, è un omo de Chiesa co’ du cosi così!” oppure il racconto mezzo pulp di Borotalco: “J’ho dato un destro ‘n bocca, m’è cascato a terra come Gesù Cristo. J’ho rotto er setto nasale, j’ho frantumato le mucose, e je dicevo Arzete, a cornuto arzete…!” (per altro frutto di un episodio realmente accaduto allo stesso Brega).

 

 

Già perché la forza di questo personaggio, la sua pervicacia e resistenza nell’immaginario collettivo è l’essere tutt’uno con la società da cui proveniva: quando in Vacanze di Natale (l’originale del 1983) interpreta un macellaio romano di viale Marconi che ha fatto i soldi  uno davvero ci crede, si figura perfettamente Mario Brega intento a disossare una costina di maiale delle dimensioni di un brontosauro. Stesso discorso per la leggendario scena delle olive di Borotalco: Mario Brega non recita, lui è il padre gestore di un negozio di alimentari preoccupato per le sorti della figlia.

 

Tutti noi conosciamo un amico o qualche conoscente neppure nato quando uscivano quei film che però oggi utilizza le sue foto o le sue frasi sui vari social network.

 

 (wikipedia)

 

Ma forse la battuta che meglio rappresenta Mario Brega, un omone grande e grosso ma dal cuore in fondo tenero è questa, proveniente da Bianco, rosso e Verdone: “Sta mano po esse fero o po esse piuma: oggi è stata ‘na piuma”. Quanto ci manca questo eroe del popolo!

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >