Unorthodox: la miniserie che ci apre gli occhi su un mondo che non conosciamo e che raramente viene rappresentato

In una parola: bella, la miniserie Netflix in yiddish che ritrae la comunità chassidica ed esplora i problemi delle donne e le rigide regole cui devono sottostare. Una storia sulla libertà, sulla diversità e sul diritto di poter vivere come si vuole.

Una miniserie ambientata a Williamsburg, quartiere di Brooklyn caratterizzato dalla forte presenza di ebrei hasidici, ma girata a Berlino. La lingua parlata nella maggior parte delle scene è lo yiddish: “una lingua che nessuno capisce, che riguarda tradizioni e rituali che nessuno capisce. Ma l’essenza degli eventi raccontati ha un valore universale“, spiega Deborah Feldman, autrice del suo libro di memorie del 2012, un’autobiografia cui la miniserie Netflix si è ispirata.

Si tratta di una delle prime serie che ritrae la comunità chassidica in modo autentico ed esplora i problemi affrontati dalle donne nella comunità, costrette a seguire rigide regole. Le donne, ad esempio, non possono cantare o studiare musica e non possono leggere la Torah; i matrimoni sono combinati e le donne hanno il preciso scopo di procreare. Ma la storia di Esty è una storia sulla libertà, sul coraggio, sulla diversità, sul diritto di essere ascoltati. “È la storia di una donna che va in cerca di sé stessa e della sua comunità nel mondo“, che fugge verso Berlino da un matrimonio combinato infelice, viene inseguita dal suo passato ma riesce a scegliere di vivere una nuova vita.

Una storia commovente e che trattiene un fascino incredibile, rilasciato di scena in scena, di particolare in particolare, svelando un mondo che non conosciamo e che raramente viene rappresentato: il mondo ultra-ortodosso degli ebrei Satmar, perlopiù discendenti di sopravvissuti dell’Olocausto e trasferitisi a NY dopo la guerra. Il trauma dell’Olocausto per le prime generazioni di ebrei Satmar, “costituì l’essenza delle strutture ideologiche della comunità“. Ideologie tradizionalissime che si incontrano e si scontrano con un mondo moderno, diverso, rappresentato dalla Berlino contemporanea e dalle sue architetture squadrate, la sua musica, i cafè, i club. Una città aperta, post-bellica, nuova e sconosciuta cui Esty può mostrare fiera i suoi capelli e la sua carne, anche attraverso il suo primo paio di jeans e il suo primo rossetto rosso.

Berlino è paradossalmente diventata una nuova diaspora, perchè ci sono tanti ebrei israeliani ed ebrei americani che tornano in questa città… è un movimento, non è una storia individuale”, sottolinea Deborah Feldman in Making Unorthodox, documentario girato da Netflix sul processo creativo della serie. Attraverso la storia di Esty, quindi, non si vuole rappresentare un mondo giusto che vince su un mondo sbagliato, ma si vuole raccontare la libertà e il diritto di poter essere, amare, credere, vivere come si vuole.

Una miniserie da guardare davvero tutta d’un fiato, interessante e affascinante per il mondo in cui ci fa entrare e, in una parola, bella. Per non parlare della splendida Shira Haas, attrice israeliana dal volto magnifico: “le basta muovere una parte del viso per farti ridere o piangere“. “Un’attrice piena di talento, dotata, instancabile. È stata una vera gioia poter lavorare con lei tutti i giorni“, racconta la regista Maria Schrader.

Unorthodox sarà il debutto di successo dell’attrice classe ’95, ne sono sicurissima. Come sono sicurissima che uscirà una seconda parte della miniserie Netflix. Speriamo, intanto voi guardatelo.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >