untraditional fabio volo recensione

Abbiamo visto Untraditional: Fabio Volo è il Christian De Sica degli anni ’10

Comicità a metà strada tra una scuola media e un bar, ma ogni tanto si ride: tra un esame alla prostata, un “salame nel corridoio” e una vasectomia

untraditional fabio volo recensione  Controllino alla prostata

 

Untraditional, la serie di Fabio Volo per Discovery Italia è già online da qualche giorno, ma andrà in onda domani, il 9 novembre alle 21.15 su Nove.

Ma che succede in Untraditional?

Succede che Fabio Volo interpreta se stesso: nella prima puntata lo vediamo mentre cerca di vendere ad alcuni network una sua improbabile e melensa serie girata a New York, e mentre cerca di piazzarla tramite il suo agente succedono cose. Succede la vita, il lavoro, l’amore, eccetera, succede il fabiovolismo.

Le cose che succedono vogliono dire anche ospiti e amici vari che fanno da comprimari nella fabiovoleide in formato seriale: nella prima puntata come guest appare praticamente chiunque: a memoria ricordo Selvaggia Lucarelli, Stefania Rocca, Paola Iezzi, Silvio Orlando, Giuliano Sangiorgi dei Negramaro, Tony Dallara, persino Quentin Tarantino, e altri ancora.

E altri seguiranno nelle prossime puntate, Luca e Paolo, Massimo Boldi, e così via.

 

untraditional fabio volo recensione  “Salame nel corridoio”

 

[DA QUI IN POI: SPOILER ALERT]

Partiamo da questo, prima di tutto il resto. Si ride. Non sempre, ma ogni tanto si ride. La comicità è di quelle di grana grossa eh: è la comicità da dito nel culo, fuor di metafora. Ma si ride – anche se la gag come ricorda bene il nostro Marco Villa, è a esser generosi un omaggio a Louis C.K. – e si ride anche se è una comicità da caserma, inattesa e proprio per questo a sprazzi divertente. Far ridere è sempre una bella vittoria. Volgare? Di sicuro. Ma il fine – ridere – giustifica i mezzi.

Si parla tanto di sesso, sempre come fossimo al bar: e anche lì, non si va per il sottile. Bravo l’attore che interpreta l’agente di Fabio – Marco Mazzi, uno che nella vita fa tutt’altro, ma che ha vestito benissimo i panni dell’agente di Volo – che a un certo punto spiega a Fabio come mai eviti di uscire con donne che hanno avuto figli: sì, per evitare, cito dai dialoghi, il famigerato effetto “salame nel corridoio”, e per questo motivo si nega così a un’insistente Selvaggia Lucarelli, proprio perché madre. Cambia idea non appena Fabio lo avverte: Selvaggia ha fatto il cesareo.

 

untraditional fabio volo recensione  Tutto vero

 

Appare Giuliano Sangiorgi: passeggia con Fabio al Parco Sempione di Milano, mentre sta per andare a farsi una vasectomia e invita Fabio ad accompagnarlo. Ritroveremo Sangiorgi alla fine dell’episodio a cantare al piano dopo l’intervento, ma con vocina da castrato: mentre Volo e la sua compagna – l’autentica compagna anche nella vita, Johanna Hauksdottir – commentano sorridenti: “Vasectomia!“. Qualche minuto e appare anche Tony Dallara vasectomizzato, e si lamenterà – con vocina da palloncino all’elio – di un croissant sgradito in un bar in fondo a corso Sempione. E via con i titoli di coda.

 

untraditional fabio volo recensione  Giuliano Sangiorgi poco prima della trasformazione in Chipmunk

 

Comicità da scuola media? A esser generosi: ma funziona. Speriamo però per Volo che non sia così per tutti gli episodi: perché una volta fa ridere – la scena al centro medico in cui a Volo viene praticato l’esame alla prostata – dieci volte, probabilmente no. Ma è anche il modello di comicità su cui si è fondato il successo di Christian De Sica e dei cinepanettoni per decenni, pellicole che a breve rivaluteremo, come del resto abbiamo già fatto con qualunque altra cosa. Non è che potrebbe funzionare: ha già funzionato, e funzionerà ancora.

Passando ad altro: Fabio Volo non è da tempo più un ragazzino, se n’è accorto, meno male, e ci gioca con intelligenza. Nota stonata: product placement sfacciati, ma alla fine tutti dobbiamo campare.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >