untraditional fabio volo recensione

Abbiamo visto Untraditional: Fabio Volo è il Christian De Sica degli anni ’10

Comicità a metà strada tra una scuola media e un bar, ma ogni tanto si ride: tra un esame alla prostata, un “salame nel corridoio” e una vasectomia

untraditional fabio volo recensione  Controllino alla prostata

 

Untraditional, la serie di Fabio Volo per Discovery Italia è già online da qualche giorno, ma andrà in onda domani, il 9 novembre alle 21.15 su Nove.

Ma che succede in Untraditional?

Succede che Fabio Volo interpreta se stesso: nella prima puntata lo vediamo mentre cerca di vendere ad alcuni network una sua improbabile e melensa serie girata a New York, e mentre cerca di piazzarla tramite il suo agente succedono cose. Succede la vita, il lavoro, l’amore, eccetera, succede il fabiovolismo.

Le cose che succedono vogliono dire anche ospiti e amici vari che fanno da comprimari nella fabiovoleide in formato seriale: nella prima puntata come guest appare praticamente chiunque: a memoria ricordo Selvaggia Lucarelli, Stefania Rocca, Paola Iezzi, Silvio Orlando, Giuliano Sangiorgi dei Negramaro, Tony Dallara, persino Quentin Tarantino, e altri ancora.

E altri seguiranno nelle prossime puntate, Luca e Paolo, Massimo Boldi, e così via.

 

untraditional fabio volo recensione  “Salame nel corridoio”

 

[DA QUI IN POI: SPOILER ALERT]

Partiamo da questo, prima di tutto il resto. Si ride. Non sempre, ma ogni tanto si ride. La comicità è di quelle di grana grossa eh: è la comicità da dito nel culo, fuor di metafora. Ma si ride – anche se la gag come ricorda bene il nostro Marco Villa, è a esser generosi un omaggio a Louis C.K. – e si ride anche se è una comicità da caserma, inattesa e proprio per questo a sprazzi divertente. Far ridere è sempre una bella vittoria. Volgare? Di sicuro. Ma il fine – ridere – giustifica i mezzi.

Si parla tanto di sesso, sempre come fossimo al bar: e anche lì, non si va per il sottile. Bravo l’attore che interpreta l’agente di Fabio – Marco Mazzi, uno che nella vita fa tutt’altro, ma che ha vestito benissimo i panni dell’agente di Volo – che a un certo punto spiega a Fabio come mai eviti di uscire con donne che hanno avuto figli: sì, per evitare, cito dai dialoghi, il famigerato effetto “salame nel corridoio”, e per questo motivo si nega così a un’insistente Selvaggia Lucarelli, proprio perché madre. Cambia idea non appena Fabio lo avverte: Selvaggia ha fatto il cesareo.

 

untraditional fabio volo recensione  Tutto vero

 

Appare Giuliano Sangiorgi: passeggia con Fabio al Parco Sempione di Milano, mentre sta per andare a farsi una vasectomia e invita Fabio ad accompagnarlo. Ritroveremo Sangiorgi alla fine dell’episodio a cantare al piano dopo l’intervento, ma con vocina da castrato: mentre Volo e la sua compagna – l’autentica compagna anche nella vita, Johanna Hauksdottir – commentano sorridenti: “Vasectomia!“. Qualche minuto e appare anche Tony Dallara vasectomizzato, e si lamenterà – con vocina da palloncino all’elio – di un croissant sgradito in un bar in fondo a corso Sempione. E via con i titoli di coda.

 

untraditional fabio volo recensione  Giuliano Sangiorgi poco prima della trasformazione in Chipmunk

 

Comicità da scuola media? A esser generosi: ma funziona. Speriamo però per Volo che non sia così per tutti gli episodi: perché una volta fa ridere – la scena al centro medico in cui a Volo viene praticato l’esame alla prostata – dieci volte, probabilmente no. Ma è anche il modello di comicità su cui si è fondato il successo di Christian De Sica e dei cinepanettoni per decenni, pellicole che a breve rivaluteremo, come del resto abbiamo già fatto con qualunque altra cosa. Non è che potrebbe funzionare: ha già funzionato, e funzionerà ancora.

Passando ad altro: Fabio Volo non è da tempo più un ragazzino, se n’è accorto, meno male, e ci gioca con intelligenza. Nota stonata: product placement sfacciati, ma alla fine tutti dobbiamo campare.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >