untraditional fabio volo recensione

Abbiamo visto Untraditional: Fabio Volo è il Christian De Sica degli anni ’10

Comicità a metà strada tra una scuola media e un bar, ma ogni tanto si ride: tra un esame alla prostata, un “salame nel corridoio” e una vasectomia

untraditional fabio volo recensione  Controllino alla prostata

 

Untraditional, la serie di Fabio Volo per Discovery Italia è già online da qualche giorno, ma andrà in onda domani, il 9 novembre alle 21.15 su Nove.

Ma che succede in Untraditional?

Succede che Fabio Volo interpreta se stesso: nella prima puntata lo vediamo mentre cerca di vendere ad alcuni network una sua improbabile e melensa serie girata a New York, e mentre cerca di piazzarla tramite il suo agente succedono cose. Succede la vita, il lavoro, l’amore, eccetera, succede il fabiovolismo.

Le cose che succedono vogliono dire anche ospiti e amici vari che fanno da comprimari nella fabiovoleide in formato seriale: nella prima puntata come guest appare praticamente chiunque: a memoria ricordo Selvaggia Lucarelli, Stefania Rocca, Paola Iezzi, Silvio Orlando, Giuliano Sangiorgi dei Negramaro, Tony Dallara, persino Quentin Tarantino, e altri ancora.

E altri seguiranno nelle prossime puntate, Luca e Paolo, Massimo Boldi, e così via.

 

untraditional fabio volo recensione  “Salame nel corridoio”

 

[DA QUI IN POI: SPOILER ALERT]

Partiamo da questo, prima di tutto il resto. Si ride. Non sempre, ma ogni tanto si ride. La comicità è di quelle di grana grossa eh: è la comicità da dito nel culo, fuor di metafora. Ma si ride – anche se la gag come ricorda bene il nostro Marco Villa, è a esser generosi un omaggio a Louis C.K. – e si ride anche se è una comicità da caserma, inattesa e proprio per questo a sprazzi divertente. Far ridere è sempre una bella vittoria. Volgare? Di sicuro. Ma il fine – ridere – giustifica i mezzi.

Si parla tanto di sesso, sempre come fossimo al bar: e anche lì, non si va per il sottile. Bravo l’attore che interpreta l’agente di Fabio – Marco Mazzi, uno che nella vita fa tutt’altro, ma che ha vestito benissimo i panni dell’agente di Volo – che a un certo punto spiega a Fabio come mai eviti di uscire con donne che hanno avuto figli: sì, per evitare, cito dai dialoghi, il famigerato effetto “salame nel corridoio”, e per questo motivo si nega così a un’insistente Selvaggia Lucarelli, proprio perché madre. Cambia idea non appena Fabio lo avverte: Selvaggia ha fatto il cesareo.

 

untraditional fabio volo recensione  Tutto vero

 

Appare Giuliano Sangiorgi: passeggia con Fabio al Parco Sempione di Milano, mentre sta per andare a farsi una vasectomia e invita Fabio ad accompagnarlo. Ritroveremo Sangiorgi alla fine dell’episodio a cantare al piano dopo l’intervento, ma con vocina da castrato: mentre Volo e la sua compagna – l’autentica compagna anche nella vita, Johanna Hauksdottir – commentano sorridenti: “Vasectomia!“. Qualche minuto e appare anche Tony Dallara vasectomizzato, e si lamenterà – con vocina da palloncino all’elio – di un croissant sgradito in un bar in fondo a corso Sempione. E via con i titoli di coda.

 

untraditional fabio volo recensione  Giuliano Sangiorgi poco prima della trasformazione in Chipmunk

 

Comicità da scuola media? A esser generosi: ma funziona. Speriamo però per Volo che non sia così per tutti gli episodi: perché una volta fa ridere – la scena al centro medico in cui a Volo viene praticato l’esame alla prostata – dieci volte, probabilmente no. Ma è anche il modello di comicità su cui si è fondato il successo di Christian De Sica e dei cinepanettoni per decenni, pellicole che a breve rivaluteremo, come del resto abbiamo già fatto con qualunque altra cosa. Non è che potrebbe funzionare: ha già funzionato, e funzionerà ancora.

Passando ad altro: Fabio Volo non è da tempo più un ragazzino, se n’è accorto, meno male, e ci gioca con intelligenza. Nota stonata: product placement sfacciati, ma alla fine tutti dobbiamo campare.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >