TV e Cinema
di Marco Villa 6 Dicembre 2016

Westworld è la serie tv più bella del 2016

È finita la prima stagione di Westworld, che ha cambiato per sempre il mondo delle serie tv

westworld-2

 

La serie dell’anno, poco da dire. Rimandata più volte, presentata con aspettative altissime, Westworld ha compiuto un mezzo miracolo: non solo non ha deluso, ma ha pienamente soddisfatto le attese. HBO, il network statunitense che l’ha prodotta, voleva proporre una serie tv di livello altissimo, che potesse alzare l’asticella e che fosse potenzialmente in grado di prendere il posto di Game of Thrones al centro del mondo seriale al termine della serie fantasy tratta da George Martin. Tutti obiettivi centrati, perché Westworld non è solo la miglior serie dell’anno, ma anche un titolo che cambia tutto il panorama televisivo.

A livello base, Westworld è una serie ambientata in un parco a tema western “dove tutto è concesso”, come recita il sottotitolo scelto da Sky Atlantic HD, canale che ha trasmesso in Italia la prima stagione in contemporanea con gli Stati Uniti. All’interno del parco si trovano infatti dei robot programmati per seguire in loop degli archi narrativi che si intrecciano con l’esperienza dei visitatori: ogni turista può disporre nel modo che preferisce delle attrazioni, dando sfogo alla propria parte oscura e più violenta, spingendosi fino a stupri e omicidi.

 

westworld-1

 

Un’ambientazione molto forte, che acquista ulteriore potenza nel momento in cui i robot iniziano a prendere coscienza di sé e della propria (non) esistenza. Loop dopo loop, qualcosa cambia, qualcosa inizia a incrinarsi nel perfetto funzionamento del parco, aprendo la strada a una storia avvincente, tutta concentrata sul labilissimo confine tra umano e meccanico, mischiando in continuazione le carte. Westworld non è una serie semplice da seguire: personaggi (umani e non) che cambiano costantemente e spesso vengono del tutto ribaltati in quanto a psicologia e intenzioni, una cronologia che fa di tutto per essere poco intelligibile. A fronte di questo sforzo, però ripaga con un’intensità rara e con colpi di scena continui, sostenuti da una sceneggiatura di millimetrica precisione e da un cast all star, in cui spiccano Anthony Hopkins nei panni del creatore del parco e Thandie Newton, che interpreta uno dei robot.

 

westworld-3

 

Tema e struttura della serie sono molto stimolanti, ma l’aspetto in cui Westworld eccelle rispetto al resto delle serie è il modo in cui cerca di coinvolgere lo spettatore, che non è più un semplice spettatore. A cominciare dai siti ufficiali DiscoverWestworld.com e Delos (che in Italia reindirizza malauguratamente al sito di Sky), dove gli utenti sono stati spinti a curiosare e trovare contenuti aggiuntivi e alternativi a ciò che accadeva nelle puntate, passando per la partecipazione diretta del creatore Jonathan Nolan alle mille teorie interpretative elaborate dai fan su Reddit e in vari gruppi Facebook (se ne cercate uno italiano, eccolo, ma ovviamente occhio agli spoiler), Westworld ha portato a un nuovo livello la partecipazione dello spettatore. L’unico precedente di questa portata è proprio Game of Thrones, dove i fan hanno sviscerato ogni inquadratura delle puntate come mai prima, ma con Westworld l’approccio degli spettatori è stato ancora più appassionato e, in un certo senso, aggressivo, come se il vero piacere non fosse seguire le puntate, ma provare ad anticiparle.

Se da anni le serie tv hanno fatto un salto di qualità innegabile e senza precedenti, con Westworld abbiamo assistito a un cambio di paradigma radicale, che apre la strada a un nuovo tipo di esperienza televisiva. E siamo solo all’inizio.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >