The Wicker Man, il film cult che ha ispirato l’ultimo video dei Radiohead

Esoterismo e sacrifici umani sono al centro di questo film bello (ma quasi dimenticato) del 1973

the wicker man  The Wicker Man

I Radiohead hanno pubblicato ieri il video di Burn The Witch, il loro primo clip da cinque anni a questa parte. L’uscita del singolo segue una originale strategia di promozione online durante la quale la band aveva cancellato tutti i contenuti postati in passato nei propri account nei social network: Facebook e Twitter.

Il clip è stato girato dal videomaker inglese Chris Hopewell che aveva già lavorato con la band in passato per il video di There There e che ha animato una storia utilizzando delle figure di plastilina. La storia raccontata nel video di Burn The Witch è quella di un burocrate che arriva in un villaggio di campagna che all’apparenza sembra idilliaco ma che progressivamente si dimostra avere degli aspetti inquietanti.

 

 

Proprio questa storia somiglia in maniera impressionante a quella del film cult inglese The Wicker Man. Nella pellicola del 1973 diretta da Robin Hardy. Un poliziotto in cerca di una ragazza scomparsa arriva nell’isola di Summerisle scoprendo che gli abitanti hanno abbracciato un misterioso culto pagano. Inizialmente sospettoso imparerà a conoscere le bizzarre usanze locali fino al crescendo e tragico finale. Una trama praticamente identica a quella della nuova clip dei Radiohead.

 

 

Pur se relativamente oscuro, The Wicker Man ha saputo ricavarsi un seguito di affezionati estimatori nel corso degli anni proprio per la bizzarra costruzione della trama, le atmosfere vagamente esoteriche della storia e soprattutto la componente musicale del film. Proprio le musiche scritte dal compositore Paul Giovanni sono state più volte citate, omaggiate e riprese da diversi musicisti nel corso degli anni. Di uno dei temi principali del film, Willow Song, è stata fatta una cover da parte della band trip-hop Sneaker Pimps, Gli Iron Maiden hanno intitolato una canzone proprio The Wicker Man nel loro disco Brave New World.

 

 

Tra i protagonisti del film c’è Christopher Lee, perfetto nel suo ruolo di enigmatico cattivo di cui non riusciamo a comprendere la reale natura fino al termine della storia. Ancora oggi l’attore indica The Wicker Man come il migliore dei suoi film e al tempo partecipò alle riprese accontentandosi di essere pagato con un ingaggio minimo. Lo stesso Lee parla anche di una versione inedita del film che sembra essersi perduta nel tempo con molte scene mai viste: “Credo che ci sia da qualche parte, dentro qualche scatola senza nome” dichiara Lee “Eppure nessuno lo ha più visto così non si è potuto farne un altro taglio, un altro edit che è ciò che volevamo fare. Sarebbe stato almeno 10 volte più bello“.

Il culto di The Wicker Man è stato recentemente portato alla vita con un bistrattatissimo remake diretto da Neil LaBute e con Nicolas Cage come protagonista. Come spesso accade cercando di ripetere la fortuna di un film oscuro ma apprezzato, i fan della prima versione del film sono stati spietati con l’interpretazione istrionica di Cage e in generale con la riuscita del film realizzando una serie di spietati video montaggi su YouTube. Ugualmente questa nuova versione del film ha una terribile valutazione di 15% su Rotten Tomatoes, una delle più basse mai viste.

 

 

Non è chiaro cosa i Radiohead abbiano voluto comunicare scegliendo di ripescare l’immaginario di questa pellicola per il loro ritorno sulle scene. La rivista musicale americana Pitchfork ha parlato di una critica politica nei confronti del candidato repubblicano alle elezioni americane Donald Trump (si erano già espressi sulla politica americana dopo l’elezione di George W. Bush intitolando un loro disco Hail To The Thief), più in generale il tema della stregoneria e dell’esoterismo era stato anticipato dall’invio di alcune cartoline con su scritto Burn The Witch ai propri fan negli scorsi giorni.

Sappiamo da tempo che la band di Thom Yorke si diverte a creare complessi puzzle per l’uscita di ogni loro nuovo album, oltre ogni possibile teoria di marketing speriamo solo che il nuovo album sia musicalmente esplosivo come molti episodi passati della loro carriera.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >