The Wicker Man, il film cult che ha ispirato l’ultimo video dei Radiohead

Esoterismo e sacrifici umani sono al centro di questo film bello (ma quasi dimenticato) del 1973

the wicker man  The Wicker Man

I Radiohead hanno pubblicato ieri il video di Burn The Witch, il loro primo clip da cinque anni a questa parte. L’uscita del singolo segue una originale strategia di promozione online durante la quale la band aveva cancellato tutti i contenuti postati in passato nei propri account nei social network: Facebook e Twitter.

Il clip è stato girato dal videomaker inglese Chris Hopewell che aveva già lavorato con la band in passato per il video di There There e che ha animato una storia utilizzando delle figure di plastilina. La storia raccontata nel video di Burn The Witch è quella di un burocrate che arriva in un villaggio di campagna che all’apparenza sembra idilliaco ma che progressivamente si dimostra avere degli aspetti inquietanti.

 

 

Proprio questa storia somiglia in maniera impressionante a quella del film cult inglese The Wicker Man. Nella pellicola del 1973 diretta da Robin Hardy. Un poliziotto in cerca di una ragazza scomparsa arriva nell’isola di Summerisle scoprendo che gli abitanti hanno abbracciato un misterioso culto pagano. Inizialmente sospettoso imparerà a conoscere le bizzarre usanze locali fino al crescendo e tragico finale. Una trama praticamente identica a quella della nuova clip dei Radiohead.

 

 

Pur se relativamente oscuro, The Wicker Man ha saputo ricavarsi un seguito di affezionati estimatori nel corso degli anni proprio per la bizzarra costruzione della trama, le atmosfere vagamente esoteriche della storia e soprattutto la componente musicale del film. Proprio le musiche scritte dal compositore Paul Giovanni sono state più volte citate, omaggiate e riprese da diversi musicisti nel corso degli anni. Di uno dei temi principali del film, Willow Song, è stata fatta una cover da parte della band trip-hop Sneaker Pimps, Gli Iron Maiden hanno intitolato una canzone proprio The Wicker Man nel loro disco Brave New World.

 

 

Tra i protagonisti del film c’è Christopher Lee, perfetto nel suo ruolo di enigmatico cattivo di cui non riusciamo a comprendere la reale natura fino al termine della storia. Ancora oggi l’attore indica The Wicker Man come il migliore dei suoi film e al tempo partecipò alle riprese accontentandosi di essere pagato con un ingaggio minimo. Lo stesso Lee parla anche di una versione inedita del film che sembra essersi perduta nel tempo con molte scene mai viste: “Credo che ci sia da qualche parte, dentro qualche scatola senza nome” dichiara Lee “Eppure nessuno lo ha più visto così non si è potuto farne un altro taglio, un altro edit che è ciò che volevamo fare. Sarebbe stato almeno 10 volte più bello“.

Il culto di The Wicker Man è stato recentemente portato alla vita con un bistrattatissimo remake diretto da Neil LaBute e con Nicolas Cage come protagonista. Come spesso accade cercando di ripetere la fortuna di un film oscuro ma apprezzato, i fan della prima versione del film sono stati spietati con l’interpretazione istrionica di Cage e in generale con la riuscita del film realizzando una serie di spietati video montaggi su YouTube. Ugualmente questa nuova versione del film ha una terribile valutazione di 15% su Rotten Tomatoes, una delle più basse mai viste.

 

 

Non è chiaro cosa i Radiohead abbiano voluto comunicare scegliendo di ripescare l’immaginario di questa pellicola per il loro ritorno sulle scene. La rivista musicale americana Pitchfork ha parlato di una critica politica nei confronti del candidato repubblicano alle elezioni americane Donald Trump (si erano già espressi sulla politica americana dopo l’elezione di George W. Bush intitolando un loro disco Hail To The Thief), più in generale il tema della stregoneria e dell’esoterismo era stato anticipato dall’invio di alcune cartoline con su scritto Burn The Witch ai propri fan negli scorsi giorni.

Sappiamo da tempo che la band di Thom Yorke si diverte a creare complessi puzzle per l’uscita di ogni loro nuovo album, oltre ogni possibile teoria di marketing speriamo solo che il nuovo album sia musicalmente esplosivo come molti episodi passati della loro carriera.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >