TV e Cinema
di Simone Stefanini 8 Settembre 2016

Willy, il principe di Bel-Air: quando Will Smith ci ha insegnato a essere cool

Questa è la maxistoria di come la mia vita cambiata, capovolta, sottosopra sia finita

fresh-prince pintrest

 

Bastano poche parole e tutti sanno continuare: se diciamo “Questa è la maxistoria”, sappiamo già che chi legge starà continuando a cantare in testa “di come la mia vita sia cambiata”, perché Willy, il Principe di Bel Air l’abbiamo visto tutti. Tutti.

The Fresh Prince of Bel-Air è un telefilm andato in onda da settembre 1990 fino al 20 marzo 1996. Nell’arco di questi 6 anni ci ha insegnato il vero significato delle parole fresh e cool, mostrandoci l’inserimento del tipo da ghetto di Philadelphia, un tale chiamato Will Smith, nella società borghese del quartiere di Bel-Air a Los Angeles, dove abitano i suoi zii.

Manco a dirlo, Will porterà tutti i vizi della periferia in un contesto socialmente molto diverso, pervertendo le cugine Ashley e Hilary e tentando di portare alla perdizione anche il più inquadrato cugino Carlton.

La sigla, dicevamo: probabilmente il primo pezzo rap imparato a memoria dagli italiani.

Non a caso la musica è stata composta da Quincy Jones, solo quello che ha prodotto l’album più venduto della storia della musica, Thriller di Michael Jackson.

 

Non è certo l’unico aspetto musicale importante: ogni puntata trasuda tutto lo spirito degli anni ’90, rivisitato in chiave hip hop, grazie anche a Dj Jazzy Jeff, che con Will formava un duo rap giustissimo, poi esportato con fortuna nel vero mercato musicale.

 

Oltre alla sigla, cosa ricordate a memoria del telefilm? Così, senza guardare le repliche o andare su Wikipedia. La prima cosa che mi viene in mente è il guilty pleasure di Carlton, il suo ballo proibito che esegue quando nessuno è in casa: mette su It’s not unusual di Tom Jones e si lancia in un gioco d’anca che fa invidia alla miglior Lorella Cuccarini.

carlton-dance2

 

E cosa dire del maggiordomo Geoffrey, tutto impostato col suo fare da nobile decaduto, ormai nichilista e sempre vessato e scherzato a fin di bene dalla simpatica canaglia Willy? Personaggio preferito forever.

tumblr_n0twqpp9zb1trtn0no1_250

 

La puntata più emozionante è invece quella in cui il padre di Willy, un fantasma nella vita del ragazzo, torna a fargli visita dopo 14 anni. Willy è così contento che non si aspetta proprio di vederlo ripartire, con una scusa, per abbandonarlo di nuovo. Allora si lancia in un monologo drammatico con lo zio Phil, che ormai gli fa da vero padre. Che botta allo stomaco, ragazzi.

 

Una botta simile a quella di due anni fa, quand è morto James Avery, l’attore impersonava lo zio Phil, l’unico vero riferimento paterno di Willy. Quando si è diffusa la notizia, ci siamo un po’ sentiti come se da qualche parte nel mondo fosse mancato un lontano parente.

tumblr_nk4gmixafh1qdxd3qo1_500 tumblr

 

Willy prende spunto dalle sit-com con attori afro americani delle decadi precedenti, su tutte I Jefferson e I Robinson. Come negli altri telefilm, anche in questo, tra una risata e l’altra si parla del sociale, del self made man che viene dalla povertà, del riscatto dei neri e in più di una puntata si fa riferimento al mito di Bill Cosby, che negli anni ’90 non era ancora diventato un pericolo pubblico al pari di Terminator.

tumblr_mn9fnfz8361s1bdg8o1_500-1 tumblr

 

I 90s stanno andando forte anche oggi, e le case di produzione si lanciano nei  seguiti di X Files e Twin Peaks. Notizie contrastanti davano prima Will Smith in procinto di produrre un remake del Principe di Bel Air, per poi fare retrofront e smentire tutto. A voi piacerebbe un nuovo Fresh Prince? Da parte nostra saremo anche curiosi di vedere cosa ne potrebbe uscire fuori, ma per ora ci godiamo il mito.

tumblr_nhbojzxq7b1rsgs6ho1_1280 jaramontez.com

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >