TV e Cinema
di Simone Stefanini 11 Febbraio 2016

10 motivi per cui Zoolander è un film bello bello in modo assurdo

Sarà molto difficile per il secondo episodio bissare le risate del primo. Non ve lo ricordate? Ci siamo qui noi a rinfrescarvi la memoria

ghjsjkjs via

 

Oggi esce il secondo capitolo di Zoolander, a 15 anni di distanza dal primo, che nel frattempo è diventato un classico della comicità. Per presentarlo, Ben Stiller e Owen Wilson hanno fatto un bel po’ di cose matte, tipo sfilare per Valentino.

Anche il trailer del secondo episodio conferma che si tratterà di un film tutto da ridere, ma sarà molto difficile riuscire a bissare scene surreali e incredibilmente divertenti tipo quella del modello manista interpretato da David Duchovny o quella della pubblicità del sirenetto mentre Derek Zoolander fa il minatore. Perché non si era mai visto un film sui modelli maschi e una commedia intelligente sul mondo della moda in generale.

Lo avete imparato a memoria vero? Se così non fosse, ecco le 10 ragioni per cui Zoolander è un film bello bello in modo assurdo.

 

1) C’è Ben Stiller

giphy-55 via

Ben è un genio e senza la sua fisicità non ci sarebbe potuto essere nessun Derek Zoolander. Il modo in cui cammina, la sua stupidità che lo fa sembrare parente stretto di Simple Jack, il suo personaggio in Tropic Thunder. Poi il fatto che non sappia girare a sinistra quando sfila, un colpo da maestro. Un eroe dal cuore buono e dalla mente un po’ naif. Ma il personaggio da solo non sarebbe bastato per reggere un film intero e allora Ben si è servito della sua famiglia. Letteralmente.

 

2) Jerry Stiller è il vero padre di Ben

Film-Really-Family-Affair via

Maury Ballstein è un agente di modelli un po’ attempato ma sempre fashion, che ragiona un po’ come i vecchietti al bar. Ad interpretarlo, il vero padre di Ben Stiller, Jerry, un attore comico di razza, già in Seinfeld e in The King of Queens. Sapevatelo.

 

3) Christine Taylor è la vera moglie di Ben

Matilda-Jeffries-Confused-Look-Zoolander via

La giornalista Matilda Jeffries è la biondina di cui s’innamora Zoolander e che aiuterà i due modelli Derek e Hansel a sconfiggere il piano criminoso di Mugatu. La interpreta Christine Taylor, vera moglie di Ben Stiller e madre dei suoi due figli. Più in famiglia di così.

 

4) Owen Wilson nei panni di Hansel è loco

giphy-56 via

Vi ricordate un ruolo in cui Owen Wilson non sia totalmente pazzo? Chi meglio di lui poteva interpretare Hansel, il modello del duemila, non più quello ingessato degli 80’s/90’s. Un po’ buddista, un po’ selvaggio, un po’ scemo, vive la vita al massimo e spodesta Derek dal trono di miglior modello, salvo poi collaborare con lui alla disfatta di Mugatu.

 

5) Mugatu è il personaggio più divertente di Will Ferrell

6f6e7836-a815-46b6-8b45-d754746866e7 via

Uno spettacolo puro, dall’acconciatura agli outfit. Una roba tipo Jean Paul Gaultier elevato all’ennesima potenza. È lo stilista più famoso al mondo, quello che ha inventato la cravatta a forma di tastiera, ma in realtà nasconde un’anima di malfattore. Ha una sospetta relazione con il suo segretario particolare Todd e i loro sguardi sono indimenticabili. Will Ferrell in una delle sue migliori interpretazioni.

 

6) Pino Insegno doppia Mugatu in modo perfetto

Di solito non ci piacciono i film doppiati e siamo tra quelli che vi ripeteranno fino alla nausea di guardarli in lingua originale. Però Pino Insegno dà il meglio di sé creando una voce per Mugatu un po’ diversa dall’originale. Ne esaspera l’ambiguità sessuale e i toni striduli, facendolo diventare una sorta di Renato Zero sull’orlo di una crisi di nervi e le sue battute sono una più totale dell’altra.

 

7) David Bowie.

tumblr_nl1kjw2iEC1qezg9io1_500 via

Giù il cappello. Tra i vari cameo di attori, musicisti e vip di turno (Lenny Kravitz e Fred Durst dei Limp Bizkit, per dirne due), svetta alto nel cielo David Bowie, che si toglie gli occhiali e lascia tutti a bocca aperta. Interpreta il giudice della sfilata a due tra Derek e Hansel, che è una sorta di duello per vedere chi è il modello più figo. Derek proverà la mossa dello sciamano (togliersi le mutande con indosso i pantaloni) ma si farà male e sarà squalificato proprio da Bowie. 

 

8) C’è anche Justin Theroux

Zoolander via

Il personaggio qui sopra appare per pochi minuti. È il dj che mette Relax dei Frankie Goes To Hollywood alla festa, il pezzo in cui Derek dovrà impazzire e uccidere il primo ministro della Malesia, il paese in cui vengono sfruttati i bambini nelle industrie tessili. Bene, l’attore è Justin Theroux, uno degli uomini più invidiati del mondo perché sta con Jennifer Aniston, perché è il nuovo attore feticcio di David Lynch e perché, oltre a essere bravo, ha pure un fisico perfetto che si può ammirare nel ruolo di Kevin Garvey nella serie tv Leftovers. Se questo non bastasse, è uno sceneggiatore comico, ha scritto Tropic Thunder e pure il secondo episodio di Zoolander.  È proprio vero: a chi troppo, a chi nulla.

 

9) Le espressioni facciali sono tutte uguali

tumblr_inline_mh2dcnAg0U1ro2d43 via

Si chiamano Ferrari, Le Tigre, Blue Steel e Magnum. Sono le espressioni di Derek Zoolander, veri cavalli di battaglia della sua carriera di super modello. Si tratta di fare la duckface e di alzare un po’ il sopracciglio, mantenendo lo sguardo penetrante e ebete allo stesso tempo. La cosa particolare è che queste espressioni ad occhio di profano sono tutte uguali, ma la Magnum, quella definitiva, è quasi un superpotere grazie al quale salva il primo ministro della Malesia e diventa un eroe.

 

10) La scena dal benzinaio con gli Wham in sottofondo

Volete convincere qualcuno a guardare Zoolander? Fategli vedere la scena qui sopra. Se non va subito a vederlo, cancellatelo pure dagli amici, altrimenti riguardatelo insieme a lui. Si tratta del momento epico in cui Derek e i suoi compagni di stanza/modelli stupidi vanno a prendere un orange moka frappuccino e poi si mettono a schizzarsi con la benzina dal benzinaio. Così, per gioco. Come finisce potete immaginarlo. Il tutto con la colonna sonora degli Wham di George Michael. Un momento bello bello in modo assurdo. 

Lo riguardiamo stasera?

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >