Viaggi
di Simone Stefanini 25 Maggio 2016

Arcosanti, la città sperimentale in Arizona che ha ispirato Star Wars

Un progetto incompiuto e futuristico nel deserto, creato da un architetto italiano

 

Molto tempo fa, in una galassia totalmente simile alla nostra, un giovane George Lucas visitò la città sperimentale di Arcosanti, in Arizona, negli Stati Uniti La notizia potrebbe non avere niente di speciale, se non che l’inventore della saga di fantascienza più seguita di tutti i tempi, Star Wars, prese spunto proprio da alcuni degli edifici di questo luogo fantastico per disegnare il suo mondo, specialmente Tatooine, in cui nacquero Anakin e Luke Skywalker.

 

 

Ma cos’è nel dettaglio questa città sperimentale? È stata ideata dall’architetto italiano Paolo Soleri, che dopo aver progettato il palazzo Solimene a Vietri sul Mare, si stabilì negli Stati Uniti, in Arizona. Vicino al deserto di Sonora e a 70 miglia da Phoenix, nel 1970, diede vita alla città di Arcosanti, alla quale ha lavorato fino al 2013, data della sua morte.

 

 

La particolarità di questo luogo sono gli edifici totalmente autosostenibili e la loro forma. Si tratta infatti di una città compatta, un concetto che viene definito arcology, un mix tra architettura ed ecologia.

I suoi edifici, rimasti purtroppo incompiuti sono fatti di linee curve, che si sposano perfettamente col territorio e che sembrano le case degli Hobbit (nonché degli Ewok, e si ritorna a Star Wars).

 

Una foto pubblicata da Pavel Bendov (@archexplorer) in data:

 

Purtroppo, il suo progetto è stato messo in atto solo al 5%, ma gli abitanti della comunità che vi risiede stanno mettendo in pratica i suoi insegnamenti, grazie a workshop di agricoltura e di design tenuti nelle sale delle sue costruzioni.

 

 wired.it

 

La residenza primaria di Arcosanti ha degli interni perfettamente in linea con gli esterni. Grandi finestre rotonde e un’architettura basica, che si integra col territorio.

 

 wired.com

 

Il progetto originario di Arcosanti prevedeva una serie di edifici sempre più enormi, come per diventare una megalopoli futuristica. Un tempio nel deserto che farebbe la felicità di Mad Max e della sua gente. Qui sotto potete vedere l’idea finale che Paolo Soleri aveva in mente.

 

 wired.com

 

L’edificio più caratteristico è sicuramente il Duomo di Arcosanti, una costruzione polifunzionale che sembra una cappella vaticana sezionata a metà, una sorta di anfiteatro scaldato dal sole in cui poter fare mostre, concerti e riunioni.

 

Una foto pubblicata da Dinny Ngoran (@dinnyui) in data:

 

Manco a dirlo, gli abitanti e i visitatori di Arcosanti cercano al suo interno un’esperienza quasi mistica e si trovano lì per happening o per vivere alcuni momenti magici, abbellendo il luogo con festival, installazioni e colori che sia fondono con il tramonto nel deserto. Se passate da quelle parti, una visita è assolutamente dovuta.

 

Una foto pubblicata da Alex Trujillo (@_alex_trujillo_) in data:

FONTE | designboomwired

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >