Viaggi
di Gabriele Ferraresi 20 Gennaio 2020

L’Isola Boschina, il chicco di terra nel Po dove passò Maria Callas

Una riserva naturale popolata da animali di ogni genere, sorta nei secoli nel bel mezzo del fiume: a seconda delle stagioni ci si arriva anche a piedi

L’estate scorsa vi avevamo raccontato delle isole più belle e meno note d’Italia, ma quelle erano isole in mezzo al mare: le isole però ci sono anche nei laghi e nei fiumi, così oggi vogliamo raccontarvi una storia perfetta per la nostra serie Italia Nascosta; la storia dell’Isola Boschina. Come al solito però, prima di tutto: dove siamo?

Siamo in provincia di Mantova, nel comune di Ostiglia, e siamo nel bel mezzo del fiume Po, a un paio d’ore da Milano. L’Isola Boschina è piccola in assoluto, ma è grande per le dimensioni delle terre emerse dall’alveo di un fiume, copre una superficie di 39 ettari: conosciuta da secoli, dovrebbe essersi formata per accumuli di materiali sabbiosi e detriti nel fiume. Sul quando, non v’è certezza.

Il sito che promuove il turismo a Mantova spiega che “Le isole di nuova formazione, in questo tratto di Po, venivano comprese tra le proprietà della Mensa Vescovile di Mantova, in base ad una millenaria concessione imperiale” e che “L’isola Boschina risulta appartenere nel ‘600 a questa istituzione ecclesiastica, che a partire dalla fine di quel secolo la affidò in “feudo onorifico” a diverse famiglie nobili mantovane, tra le quali i Gonzaga di Vescovato, i Mainoldi ed infine i Nonio, che successivamente ne acquisirono la proprietà“.

Ma, precisa il sito del Sistema Parchi dell’Oltrepo Mantovano, “Questa ipotesi contrasta tuttavia con il ritrovamento, avvenuto nel 1880, dello scheletro di un Megaceros, cervide quaternario ora estinto, sepolto tra i sedimenti dell’isola da migliaia d’anni“. Qualunque sia l’età dell’Isola Boschina, quel che conta per noi contemporanei è che da qualche tempo è tornata visitabile: ed è un luogo che oltre a offrire a noi una natura rigogliosa in cui rilassarci, è anche un prezioso habitat e un fondamentale rifugio per molte specie animali autoctone.

Sull’Isola Boschina infatti vivono ricci, lepri, volpi, donnole, faine, e sostano volatili quali picchi, aironi, e anche il nibbio. Sull’isola c’è anche una villa ottocentesca, un tempo abbandonata a depredata ma da qualche anno tornata a nuova vita. Però, quando visitare l’Isola Boschina, qual è il momento migliore?

Per arrivarci a piedi, senza imbarcazione, è più semplice in inverno, quando “Il fiume è in magra e la spiaggia ricompare unendo l’isola alla terraferma, gli aironi cacciano nelle acque basse della lanca, e si ode malinconico in lontananza il gracchiare della cornacchiao d’estate, quando “Il fiume è in magra e la spiaggia ricompare unendo l’isola alla terraferma, gli aironi cacciano nelle acque basse della lanca, in cielo volteggia il nibbio bruno e nel bosco risuonano i canti della cinciallegra, della capinera e del rigogolo, il ticchettio del picchio rosso e la “risata” del picchio verde“.

In autunno e in primavera il fiume si riprende la terra, e dovrete prendere una barca. C’è poi una storia nella storia, in questo piccolo paradiso in mezzo al Po: la storia di Gian Battista Meneghini, l’imprenditore che la donò all’amatissima – ormai ex – moglie Maria Callas negli anni settanta.

L’Isola Boschina merita una gita in giornata: e poi siete a due passi da Mantova, che è meravigliosa e si mangia bene. Da queste parti era passato qualche anno fa anche Paolo Rumiz, che su Repubblica – e in un libro, Morimondo – scriveva “Stiamo sfiorando isole magnifiche e dimenticate. Rodi, Mafalda, e poi la mitica isola Boschina, dove soggiornò Maria Callas. Da Boretto in poi la barca è diventata un torpedone, con passeggeri che mutano continuamente (…) All’ imbarcadero di Revere Valerio ci racconta una storia tremenda di un tipo di Viadana che nel Ventennio era stato oltraggiato da un fascista di soprannome Barbisin e si era salvato per miracolo dalla morte. «Scappò in America e scomparve per quarant’anni. Poi tornò, e subito chiese del Barbisin. La gente, senza capire, gli diede l’ indirizzo. Lui ci andò, trovò il Barbisin e lo stese con una picconata in testa, poi andò dai Carabinieri a denunciarsi. Perché l’hai fatto, chiesero gli uomini in divisa, sono passati quarant’anni. E l’ uomo rispose: “Perché prima volevo vivere”».

Cerca ristoranti a Ostiglia

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >