Viaggi
di Simone Stefanini 8 Febbraio 2018

L’Italia senza gli esseri umani: il Vallone dei Mulini a Sorrento

Uno squarcio avvenuto nel Paleolitico ha dato vita al Vallone dei Mulini, uno dei luoghi abbandonati più fotografati del mondo

Immaginate l’Italia non cento, non mille ma trentacinquemila anni fa. Si parla del Paleolitico, della comparsa del primo Homo Sapiens, ben prima dei primi insediamenti stabili degli uomini sul pianeta Terra, prima della nascita della civiltà, molto dopo l’estinzione dei dinosauri (avvenuta 66 milioni di anni fa). Il Paleolitico, dicevamo, un periodo di intense eruzioni vulcaniche e di natura selvaggia, con i primi uomini che cacciavano orsi e mammut con le lance di fortuna. Un tempo sterminatamente lontano, eppure proprio in quel periodo si è originato il Vallone dei Mulini a Sorrento, a causa di una violenta eruzione dei Campi Flegrei. I due ruscelli Caserlano e Sant’Antonino (ma al tempo semplicemente non si chiamavano), si unirono all’inizio della valle e scavarono una gola profonda e stretta che cercava sbocco verso il mare.

 

https://www.instagram.com/p/BdVJdi5DwEP/?hl=it&tagged=vallonedeimulini

Il Vallone dei Mulini prende questo nome dal mulino che venne costruito intorno al 1600 per sfruttare le acque del torrente e macinare il grano, per far funzionare una segheria e un lavatoio pubblico. Era un importante punto di ritrovo per la popolazione ed è stato chiuso all’inizio del Novecento. Le grotte di tufo al tempo vennero utilizzate come pozzi per la raccolta dell’acqua. Sorrento e il resto della costiera erano unite da un ponte molto stretto, buttato giù nel 1866 e sostituito con la realizzazione di Piazza Tasso.

 

vallone dei mulini positanonews

 

Oggi il Vallone dei Mulini è uno dei luoghi abbandonati più fotografato del mondo e se si osserva dall’alto, presso la ringhiera di Via Fioritura sembra di vedere un profondo solco che attraversa la montagna, sospeso nel tempo. Un insieme di ruderi privi della presenza umana, su cui la natura ha reclamato il proprio potere.

 

vallone dei mulini wikipedia - Foto storica

 

Tutto il Vallone dei Mulini è proprietà privata e non è accessibile ai visitatori. Spesso subisce frane del tutto naturali ed è famoso in tutto il mondo, come fosse uno squarcio temporale da cui si può vedere il passato, non a caso Buzzfeed l’ha inserito nella lista dei 30 luoghi più affascinanti del pianeta Terra. Se passate da quelle parti dovete assolutamente guardarci dentro, per un’emozione unica.

 

Sorrento era originariamente attraversata da tre valli, unite tra loro in epoca romana; oltre al cosiddetto Vallone dei Mulini, che rappresentava il fulcro di questo sistema, era presente anche una valle che terminava a Marina Grande ed un'altra, coltivata ad alberi di agrumi, si inoltrava verso l'interno, sulle colline della città: queste ultime due valli sono in parte scomparse, ricolmate, per far spazio a strade ed edifici. Il Vallone dei Mulini si è originato circa trentacinquemila anni fa, quando una violenta eruzione dei Campi Flegrei. • • • #sorrento #vallonedeimulini #costierasorrentina #coasttocoast #vesuvio #campania #costieraamalfitana #city #architecture #sud #southitaly #suditalia #volgosalerno #volgocampania #vivosalerno #italy #yallerscampania #volgocampania #volgosalerno #travel #travelgram #like4like #photooftheday #photography #memories #contrast #incanto #storia #instagram

A post shared by chiara_clic (@chiara_clic) on

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >