Via https://s-media-cache-ak0.pinimg.com
Viaggi
di Mattia Nesto 3 Maggio 2017

Perché il Trionfo della Morte a Pisa è uno degli affreschi più inquietanti della storia

La natura dell’affresco di Buffalmacco custodito nel Camposanto Monumentale pisano è grottesca, horror, inquietante e potrebbe rappresentare un prototipo di moderna graphic novel

Via http://oltreilguardo.altervista.org  Via http://oltreilguardo.altervista.org

 

Una fa presto a dire Pisa: Piazza dei Miracoli, il Duomo con le colonne bianco e nere, il Battistero dai portoni immensi e, naturalmente, la Torre Pendente, simbolo stesso della città toscana (a cui The Zen Circus, con una buona dose di ironia, hanno dedicato una canzone proprio nel loro ultimo album). Eppure, sempre in Campo dei Miracoli, c’è anche un quarto punto di interesse che è sempre un po’ sfigato e meno gettonato dai flussi del turismo di massa. Stiamo parlando del Camposanto Monumentale, la cui edificazione risale al 1278. All’interno di questo cimitero davvero bellissimo e pieno di scorci che meritano più di una visita, è conservato uno degli affreschi in assoluto più inquietante di tutti i tempi, ovvero il cosiddetto Trionfo della Morte attribuito al grande artista fiorentino Buonamico di Martino detto Buffalmacco.

 

Via https://i2.wp.com/www.tuttomondonews.it  Via https://i2.wp.com/www.tuttomondonews.it

 

Forse qualcuno di voi, a meno che non sia un dottarando o un ricercatore di storia dell’Arte,  di Lettere e affini, può avere già sentito il nome di Buffalmacco da qualche parte e più precisamente  all’interno del Decamerone di Boccaccio. Buffalmacco infatti è uno dei protagonisti delle tante storie di quell’incredibile e molto divertente libro. Il fiorentino fino a relativamente poco tempo fa era considerato soltanto come un personaggio letterario, eppure, proprio grazie alle scoperte effettuate sull’affresco del Camposanto di Pisa, gli è stata tributata una reale esistenza e il giusto onore.

Il ciclo del Trionfo della Morte è un affresco pazzesco: innanzi tutto è completamente differente da qualsiasi affresco di Giotto e dei suoi allievi. Se Giotto infatti geometrico, preciso e realizzava opere ordinatissime, lo spazio di Buffalmacco è disorganizzato, vulcanico, un gran casino di corpi di dannati, cavalieri senza macchia che combattono orride bestie, diavolocci che rubano anime di candidi bambini e angeli dalle ali policrome che solcano il cielo.

 

Via https://upload.wikimedia.org  Via https://upload.wikimedia.org

 

La cosa che impressiona nell’opera di Buffalmacco è il suo carattere da un lato estremamente realistico e ricco di dettagli e, dall’altro, anche una certa natura un po’ scanzonata, sicuramente grottesca e fumettistica. Come non dare del fumettistico ad una scena come quella che occupa la parte inferiore sinistra, nella quale si possono osservare un gruppo di cavalieri che, incuranti del monito del monaco di turno, vanno a vedere che diamine sta succedendo in questo giorno dell’Apocalisse.

I cavalieri, tutti quanti descritti con dovizia di particolari, di fronte ad una tomba scoperchiata ed ad un, più o meno allegro, cadavere/scheletro che se ne esce fuori cosa fanno? Si portano il fazzoletto al naso, a significare l’olezzo di putrefazione e la puzza di morte che doveva emanare lo scheletro sopra citato. Una vignetta degna di una grande graphic-novel non trovate?

 

Via https://blogcamminarenellastoria.files.wordpress.com  Via https://blogcamminarenellastoria.files.wordpress.com

 

Come scrive in un libro fondamentale Luciano Bellosi, il Trionfo della Morte pisano rappresenta l’altra faccia del Rinascimento, molto distante dall’immagine un po’ idealizzata e un po’ perfettina che la scuola ci ha consegnato. In realtà molti artisti, se non tutti, erano uomini estremamente calati nel proprio tempo, con vivide e urticanti passioni e pulsioni che poi trasmettevano nelle proprie opere. Insomma andare a visitare il Camposanto Monumentale di Pisa (oltre la somiglianza dell’edificio toscano, da un punto di vista cromatico e architettonico, con la Minas Tirith descritta dal regista Peter Jackson ne Il Signore degli Anelli) vuol dire fare letteralmente un salto nel celeberrimo corto del 1929 di Topolino, intitolato Haunted House, meglio noto come “La ballata degli scheletri”. E non dite che anche da voi da piccoli non siete rimasti traumatizzati (oppure vi siete innamorati al primo colpo) da quel ballo tanto spaventoso.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >