Viaggi
di Matteo Scotini 29 Marzo 2018

A San Marcello Pistoiese il ponte sospeso che nel 1990 conquistò il Guinness dei primati

Il ponte sospeso di San Marcello Pistoiese è un luogo poco conosciuto che merita una sosta, è tra i ponti sospesi più lunghi d’Italia.

Se vi trovate nei pressi di Pistoia, vi consigliamo caldamente di passare dal piccolo comune di San Marcello Pistoiese. Questa piccola località offre ai suoi visitatori l’occasione di vivere un’esperienza difficilmente replicabile altrove: un percorso di 227 metri  sospeso a circa 36 metri dal suolo che connette i due versanti opposti  del torrente Lima attraverso il ponte delle Ferriere (anche detto ponte di San Marcellino Pistoiese).

Il ponte che collega i due versanti della valle del torrente Giulio Pons - Il ponte che collega i due versanti della valle del torrente

Il ponte non fu progettato come un’attrazione turistica, la storia di questa imponente opera architettonica è legata indissolubilmente a quella della Società Metallurgica Italiana (attualmente KME), che a partire dai primi anni del XX secolo possedeva una serie di stabilimenti metallurgici in giro per l’Italia. Uno dei più importanti di questi stabilimenti era il laminatoio di Mammiano Basso nei pressi di San Marcello Pistoiese.

Molti degli operai che lavoravano presso il laminatoio venivano dal vicino paesino di Popiglio situato sul versante opposto del torrente. In quegli anni passare da una sponda all’altra del corso d’acqua non era affatto semplice: d’estate gli operai del laminatoio erano costretti a guadare il fiume passando sopra una serie di pietre semovibili con l’unico ausilio di alcune funi che fungevano da rudimentale corrimano. Nelle stagioni più fredde e piovose la situazione si complicava ulteriormente: il torrente era solito ingrossarsi rendendo impossibile il guado, l’unico modo per arrivare dall’altra parte era una deviazione di ben sei chilometri attorno alla valle.

Per questo motivo nel 192o Vincenzo Douglas Scotti, il direttore del laminatoio, commissionò la costruzione di un ponte sospeso che collegasse i due paesini, circa due anni dopo la costruzione era giunta a termine e a partire dal 1923 gli operai del laminatoio iniziarono a usare questa via preferenziale che permetteva di  raggiungere il posto di lavoro in totale sicurezza e senza troppa fatica.  La storia di questa intraprendente opera architettonica è andata avanti negli anni e il ponte è rimasto aperto anche dopo la chiusura definitiva dello stabilimento di Mammiano del Basso e nel corso degli anni ha subito diverse opere di restauro con lo scopo di mantenere il passaggio sicuro.

Il ponte sospeso di San Marcello Pistoiese Giulio Pons - Il ponte sospeso di San Marcello Pistoiese

Il ponte delle Ferriere nel 1990 ha conquistato il Guinness World Record per il ponte sospeso più lungo del mondo e ha mantenuto questo titolo fino al 2006 quando il record è passato al Kokonoe Yume Bridge in Giappone, resta in ogni caso uno dei più lunghi al mondo e sicuramente tra i più lunghi in Italia (superato forse  solo dal recentissimo ponte tibetano costruito a Sasso di Castalda in provincia di Potenza).

Panorama sul torrente Lima dal ponte sospeso di San Marcello Pistoiese Giulio Pons - Panorama sul torrente Lima dal ponte sospeso di San Marcello Pistoiese

Attraversare questo storico ponte lungo 227 metri e largo solo 80 centimetri a 36 metri circa d’altezza è un’esperienza incredibile che merita una sosta, il senso di avventura e sospensione è qualcosa a cui non ci si abitua facilmente. Se non soffrite di vertigini e siete nei pressi di Pistoia sappiate che il ponte è aperto al pubblico (gratuitamente) tutti i giorni e che a partire dal 2014 è stata inaugurata l’illuminazione notturna di questo passaggio sospeso.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >