vacanze italiane torri benaco
Viaggi
di Zeno Tomiolo 12 Agosto 2016

Vacanze Italiane: il doppio e il contrario a Torri del Benaco

La nostra rubrica dell’estate: dove siamo stati in vacanza fino ai 18 anni?

torri_benaco_zeno_giffona  Gif di Gabriele Ferraresi

 

Continua Vacanze Italiane la rubrica dove raccontiamo i posti dove tutti noi siamo stati in vacanza fino ai 18 anni. È il nostro tema libero sull’estate, visto che ormai siamo in periodo di compiti per la vacanze: se volete mandare la vostra vacanza italiana, scrivete a info@dailybest.it. 

Qualcuno diceva che villeggiatura fosse una di quelle parole desuete che stanno a indicare una condizione sempre più rara, inaccessibile a chi, oggi ultra-trentenne, deve inseguire il lavoro quotidiano nella Capitale del Male (l’espressione è di Enrico Sola).

Oggi di villeggiatura se ne parla e se ne fa poca: sono cambiati i tempi, solo pochi possono permettersela, oppure pensiamo che sia sempre meno diffusa perché è un concetto uscito dal nostro perimetro, vai a sapere. Eppure c’è stato un tempo legato all’adolescenza in cui era un termine non solo conosciuto ma anche messo in pratica e, per chi scrive, un concetto indissolubilmente legato a un luogo, il Lago di Garda, e a una stagione, l’estate.

Da piccolo ero uno di quei fortunati che poteva godersi due-tre mesi di vacanza in una villa isolata, in mezzo al bosco. Quella casa era all’inizio un rudere fatto costruire da qualcuno che voleva andarci a vivere con l’amante, almeno secondo quel che insisteva a spiegarci un pittoresco agente immobiliare veneziano, proprietario di una Ferrari 308 – rossa, alla Magnum P.I. – e dalla brillantina su un capo senza capelli.

L’obiettivo dei miei genitori – gente che a un certo punto della loro vita si trasferisce da Parigi a Pavia e poco dopo scappata dall’Italia per i ridenti lidi della Somalia, del Pakistan e della Thailandia – era quella di trasformarla nella magione estiva di famiglia, dopo tanto girovagare e aver fondamentalmente cominciato a sentire la mancanza di radici. Tale era la volontà di farla diventare la casa della vita che fatto il rogito ci si fionda dentro nel pieno di un’estate già esplosa, quella del 1990.

Allora il mondo doveva affrontare l’invasione del Kuwait da parte di Saddam Hussein, mentre io nel mio piccolo i coetanei che avrei incontrato al paese e che sarebbero stati compagni di nuove esperienze da lì agli anni a venire. La casa era ancora un cantiere, non c’erano neanche gli infissi alle finestre, di fatto era come andare al campeggio e per questo era la cosa più bella del mondo: una villa con decine di stanze, due livelli, diversi ettari di terreno ma all’interno assi di legno che fungevano da cucina, brandine pieghevoli, un cane che andava nel bosco e si perdeva per ore.

Ma eravamo una famiglia e questo bastava per cominciare un rito che si sarebbe ripetuto fino ai miei 20 anni, circa: le estati al lago, mesi che passavo a Torri del Benaco, in provincia di Verona, dove il lago di Garda comincia a restringersi e a diventare una meta meno di massa e più suggestiva. Si cominciava a giugno, si finiva nel weekend di Miss Italia a settembre, l’evento nazional-popolare che sanciva l’inizio dell’autunno, più delle piogge.

Fin da piccolo, il “Lago” – così era familiarmente chiamata quella casa – era un luogo importante per le nostre dinamiche: lontano da Milano, vicinissimo a Verona dove c’erano diversi parenti, abbastanza isolato per un po’ di privacy. Per raggiungere il paese c’erano lunghe discese in bici di 6-7 km fino al centro velico di Torri del Benaco per seguirne i corsi o per le oziose partite a carte al Lido, che diventavano il teatro delle relazioni e portavano dinamismo a quei momenti immobili. Così ci si faceva un po’ di amici.

Il bello di quel periodo era, infatti, che per conoscere qualcuno – a dispetto di una latente timidezza tipica dell’età – bastava poco: uno”street fighter” ai videogiochi, un tuffo in acqua, una lezione di vela.

Chissà quando è arrivato il momento in cui per conoscere qualcuno abbiamo cominciato a farci quelle menate, invece di restare leggeri. Le comunità presenti erano molteplici: c’erano i veronesi di città, a loro volta suddivisi tra fighetti e persone normali, tutti loro trasferivano al lago le amicizie cittadine e viceversa; poi c’erano i lacustri che, fossi ancora lì, oggi chiamerei “The Others”, delle entità quasi mitologiche con cui non c’erano rapporti e vivevano male l’invasione annuale, la loro unica botta di vita; infine, c’erano quelli come me, avulsi da qualsiasi contesto geografico e che si ritrovavano lì quasi per caso ogni anno.Nonostante il corollario di infinite combinazioni che ai piselli di Gregor Mendel si fa un baffo, credo che il bello della villeggiatura fosse proprio quell’aura di famigliarità dei soliti volti.

Quando si frequenta un luogo, nel mio caso si aveva accesso a mondi e persone che in città, in linea generale, era difficile anche solo incrociare. Come dimenticare le famiglie tra industria e Opus Dei con 8 figli, i figli dei benzinai ovvero i petrolieri, così si diceva. La villeggiatura livellava le classi. Generalmente, in tutto questo marasma, ho quasi sempre avuto la fortuna di essere il piccolo della compagnia di amici, spesso di qualche anno più grandi, ed essere un po’ ben voluto da tutti, nonostante i limiti di età ed estrazione, oltre che cognitivi.

Quello che mi fa piacere ricordare come episodio è quando incontrai quello che identificai il mio doppio.

Ho sempre vissuto in contesti dove il mio nome, Zeno, era considerato particolare, oltre che soggetto a battute di una sfiga totale sulla “coscienza”, e così essere catapultato in quella zona dove gli Zeno non erano una rarità – grazie al patrono di Verona o del paese di San Zeno di Montagna – portava a farmi sentire meno speciale da quel punto di vista.

Una vera e propria lezione di vita ci fu quando per la prima volta, a 14 anni circa se ben ricordo, incontrai un ragazzo, un locale, con il mio stesso nome. A parte il colpo – necessario – all’autostima, la cosa curiosa fu intavolare un discorso con il mio omonimo e averne in tutta risposta un monologo sui “negri e la necessità di Hitler”. Sapere che in questi giorni c’è stato un festival neonazi proprio a Torri del Benaco mi fa sorridere e mi porta a pensare a quel ragazzo che non amava né i Beatles né i Rolling Stones.

E soprattutto alla scoperta algebrica del proprio uguale e contrario, come l’ho ripensata per molti anni, qualcosa che fa parte del processo inevitabile che prima o poi ci porta lì, dal considerarci unici, a essere uno dei tanti.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >