mangiare banane in cina
Web
di Marcello Farno 10 Maggio 2016

Mangiare banane in Cina è vietato, almeno su internet

Il frutto, sulle piattaforme di live streaming, diventa una chiara allusione erotica. E al governo non va giù.

mangiare banane in cina Dazed Digital

Sembra che gli eccentrici gusti virtuali del popolo cinese inizino a essere mal sopportati ai piani alti della nazione. Così tanto che, come riporta CCTV News, il governo ha vietato ufficialmente la trasmissione di video in cui la gente viene ripresa mentre mangia, con evidente allusione erotica, una banana. Insomma: in un certo senso è vietato mangiare banane in Cina. 

Sì, perché in Cina, nella giungla di siti e servizi di live streaming dedicati alla conoscenza e all’esplorazione reciproca del proprio piacere, è sempre più difficile secondo le autorità stabilire dei limiti di accettabilità e decenza.

Il presidente Xi Jinping sta attuando così delle riforme che aiutino a ristabilire la cyber-ecologia nel paese. Definendo ad esempio delle linee guida che tutti i servizi di host, nel futuro prossimo, saranno obbligati a seguire. E di siti e servizi streaming “di genere” in Cina ce ne sono veramente tanti, da Douyu a Panda.tv, da Zhanqui TV a YY e Huya.

 

 

Per capire la mole di utenza coinvolta, vi basti dare un occhio alle statistiche di YY: secondo il Nasdaq il sito ha un bacino di 120 milioni di utenti attivi, e lo scorso anno ha visto un aumento del 60% delle proprie entrate, per un totale di 5,9 miliardi di yuan, che tradotto in cifre a noi più consone significa poco meno di 1 miliardo di euro.

Questi siti sono appunto accusati dal governo di ospitare contenuti troppo volgari, violenti e esplicitamente sessuali. Di conseguenza d’ora in avanti dovranno maggiormente monitorare ed eventualmente filtrare il contenuto dei propri video prima che essi vengano pubblicati.

Sulla base di cosa? Non esiste ancora uno standard fissato in maniera chiara, e questo è probabilmente il punto debole dell’intero provvedimento, che rischia di apparire come una misura di salvaguardia repressiva di una morale pubblica che, visti i numeri raccolti dai siti, sembra anche già “attivamente” coinvolta e partecipe nella faccenda.

Uno dei migliori commenti a margine raccolti sul web è quello che recita: “Dick is dick (sic), banana is banana“. E, pensandoci, non ha poi tutti i torti.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >