Web
di Marco Villa 20 Dicembre 2016

Mark Zuckerberg presenta Jarvis, l’intelligenza artificiale di Facebook: il suo futuro da sogno è il nostro incubo

Mark Zuckerberg ci porta a casa sua, un posto freddo e inospitale

 

Jarvis. Fino a pochi giorni fa era semplicemente il nome del cantante dei Pulp Jarvis Cocker o dell’assistente personale di Tony Stark, meglio noto come Iron Man. Da oggi, invece, Jarvis è il nome del terrore.

Con un video pubblicato su Facebook, Mark Zuckerberg ha infatti spiegato di aver chiamato Jarvis un nuovo progetto di intelligenza artificiale destinato a controllare tutto ciò che accade all’interno di un’abitazione. Si parla di luci che si accendono e si spengono, di tostapane che sputano il pane proprio al momento giusto, di televisori che si accendono senza telecomando.

 

 

Fin qui tutto ok: dalla domotica al controllo degli elettrodomestici attravero le app, il passaggio è già in corso. È il famoso internet delle cose, quello che riesce ad agire direttamente nel mondo reale e non solo online.

Il problema è che il video di Mark Zuckerberg è incredibilmente inquietante. Creepy, direbbero gli anglofoni. Innanzitutto a livello stilistico: pur essendo girato in quella che si suppone essere la casa del fondatore di Facebook, la fotografia è freddissima. Casa Zuckerberg, insomma, non è un posto accogliente e caldo, magari da invidiare. No, casa Zuckerberg potrebbe essere il set di una puntata di Black Mirror o una delle case finte costruite nel parco di Westworld.

 

 

Il motivo è presto spiegato: quella non è la casa di Zuckerberg, ma la casa di Jarvis, l’intelligenza artificiale sviluppata dagli ingegneri di Facebook. Nel video, infatti, ci viene spiegato come il software possa non solo aiutare a gestire le cose di tutti i giorni nella nostra abitazione, ma come possa direttamente sostituirsi a noi. È lui a riconoscere i genitori di Mark quando citofonano, è lui a decidere che è il momento di mangiare un toast. Davvero: creepy.

Lo so, il rischio è quello di sembrare reazionari e restii al cambiamento. Magari tra qualche anno questa sarà la norma, ma le grandi rivoluzioni spaventano sempre e nel momento in cui iniziano possono sembrare sbagliate. Quello che senz’altro ci sembra sbagliato o quantomeno strano è il modo in cui Zuckerberg coinvolge la propria famiglia. All’interno dello spot di Jarvis c’è la cerchia più stretta dei suoi affetti: moglie, figlia e genitori, tutti parte di questo mondo glaciale in cui la presenza umana è solo la giustificazione dell’esistenza di un software. Certo, l’assenza di qualsiasi scioltezza e disinvoltura da parte del CEO non aiuta.

In questi pochi minuti, Mark Zuckerberg ci ha portato nel suo futuro, nel futuro che lui sogna. Quello che a noi al momento sembra un incubo. Ma è colpa nostra, non abbiamo dubbi.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >