Web
di Marco Beltramelli 27 Agosto 2021

OnlyFans vieta il porno. O forse no.

A poco più di una settimana dalla discussa decisione, la più importante piattaforma di porno amatoriale ha già fatto dietro front

Priscilla Salerno, una delle più note pornostar italiane del momento, si è candidata nella lista del PSI del suo paese dopo che, a causa del suo lavoro, era stata “rifiutata” dalle coalizione del centro destra. Potreste pensare che il rapporto ambivalente con il mondo dell’eros sia una prerogativa tutta italiana, determinata dai retaggi storici cattolici ma in realtà, ampliando lo sguardo, si può constatare che il detto “mal comune mezzo gaudio”, in fondo, riguardi il nostro continente quanto il mondo intero. Basti pensare al recente caso di  Alexander De Croo messo alla gogna a causa di un “carteggio virtuale” con l’arcinota diva Eveline Dellai. Certo, la vicenda del primo ministro belga verte più intorno al concetto di infedeltà che ad un vera e propria reticenza verso la pornografia, e tutto questo preambolo è servito solamente per introdurre una delle questioni più calde dell’ultima settimana.

Da quanto comunicato ufficialmente qualche giorno fa, a partire dal primo ottobre, OnlyFans vieterà la diffusione di materiale pornografico, oltre a procedere alla rimozione di quello già presente sul sito. E già qui si apre un dibattito fervente: come si valuta il livello di pornografia di un’immagine, in base alla nudità degli interpreti, del grado di allusione? Una persona che mangia un Calippo può essere considerata una scena vietata ai minori? Probabilmente dipenderà dal modo in cui verrà attuata l’operazione. La selezione avverrà manualmente o attraverso un algoritmo? Un po’ come nella VAR rimarrà un cono d’ombra che solamente l’interpretazione personale potrà valutare, e in quanto tale, il consenso non sarà mai unanime.

Perché si è arrivati a questa decisione? Perché i circuiti di pagamento più importanti a livello globale ( Visa e Mastercard) hanno deciso di discostarsi da ogni piattaforma che proponesse contenuti espliciti dopo lo scandalo di Pornhub dovuto alla pubblicazione di alcuni video che trascendevano ogni limite della decenza,  non giustificabili con nessun feticismo. Ma chiudere Pornhub per la diffusione di materiali pedopornografici sarebbe come chiudere facebook perché diversi utenti riportano fake news. Sicuramente alla più grande piattaforma del mondo si può imputare un poco rigore nei controlli, ma la battaglia da combattere è un’altra, e demonizzare il porno in toto è un atteggiamento che non serve a nulla.

Il fenomeno OnlyFans è esploso durante la pandemia, determinato proprio dalla condizioni di isolamento del primo lockdown mondiale. La reclusione in casa ha (presumibilmente) invogliato la gente a masturbarsi con più frequenza, ma ha forse spinto a cercare con i creatori di contenuti un possibile contatto, seppure filtrato da un abbonamento a pagamento. Insomma, OnlyFans non ha avuto successo solamente perché ha fornito l’opportunità di vedere quella o questa persona che seguivamo su Instagram in abiti che non ci saremmo mai sognati, ma anche perché ha permesso di instaurare una sorta di intimità (magari solo apparente) con essa. Ha portato il porno ad un altro livello rendendolo comune, ma non nel senso di fruibile a tutti – come nel caso di Pornhub -, ma coinvolgendo le “persone normali”. Questo ha contribuito alla creazione di centinaia di posti di lavoro e ha dato vita a una nuova branchia del sex work.

OnlyFans ha umanizzato anche influencer e dive dell’hard che inevitabilmente si sono riversate sulla piattaforma. La sua nascita è avvenuta non solo per venir incontro alle richieste sempre più particolari degli utenti, ma soprattutto per tutelare diritti, soldi e immagini di creator e clienti, spingendoli a spendere i perché tutelati da un circuito sicuro e lontano dalla possibilità di truffe ricatti. Il mercato del porno, che un po’ come quello delle droghe era più assimilabile ad un mercato nero, non poteva che trarre vantaggi da una regolarizzazione. E inoltre la creazione di questa sorta di hub d’elite fatta di abbonamenti è servita anche a discostare un buon numero di ragazzini. Insomma dai, le sigarette nuociono veramente alla saluta, un porno non hai mai ucciso nessuno. Pagare un abbonamento a OnlyFans equivale a pagarlo a Netflix per suguirsi una serie o a Dazn per una partita. Che si stia acquistando un tosaerba o un video furry, se entrambe le parti sono consenzienti e l’operazione avviene in un circuito sicuro con una transizione tassata, quali sono i problemi?

Con un metodo di verifica dei creator una piattaforma privata difficilmente avrebbe condiviso materiale pedopornografico, violento e di revenge porn. Le opinioni delle creator si dividono tra chi sente minacciato il proprio lavoro, chi pensa in fondo non cambierà nulla e troverà il modo per aggirare il nuovo regolamento, chi sta già provvedendo a trovare altri canali. Il rapper Tyga ha colto la palla al balzo per lanciare myystar, una piattaforma alternativa ad OF che permetterà la condivisione di materiali pornografici. E di sicuro nasceranno decine di altri siti che sfrutteranno Paypal, le cripto valute e altri metodi pagamento altrettanto sicuri. Nelle ultime ore tuttavia sul profilo Twitter di OnlyFans è comparso un nuovo annuncio, che dichiara annullato il cambio di policy sui contenuti porno, sostenendo la necessità della piattaforma di essere una casa per i creator. Che sia una marcia indietro solo apparente messa in atto solo per mettere a tacere le tante voci che hanno protestato in questi giorni, non lo possiamo sapere. Nei prossimi giorni arriveranno – si spera – altre comunicazioni.

A prescindere da come finirà questa vicenda, quel che è certo è che come nella prostituzione e nelle sostanze stupefacenti, anche nel mondo del porno ristagna un’ipocrisia di fondo che è dominata da un unico denominatore, il denaro, spesso più volgare di tante scene di gang bang. Il porno invece a volte può essere anche arte, ve lo ricordiamo qui.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >