La leggenda di Iceman: Kimi Raikkonen si ritira

A 41 anni Iceman ha deciso di ritirarsi da un mondo che in realtà non ha mai sopportato. Un pilota che avrebbe sicuramente potuto trionfare di più ma è diventato ugualmente uno dei più grandi personaggi nella storia della F.1.

A me piace il calcio, a mio padre la Formula 1. Mio padre in pratica seguiva la Ferrari come io seguo la mia squadra del cuore. Ma la Ferrari è un orgoglio nazionale, la seguono tutti, anche chi non s’interessa a questo sport. In un’epoca in cui non esistevano ancora i social e la mitologia era ancora veicolata dalle televisioni, rimanere ammaliati dalle figure dei grandi personaggi di ogni disciplina era quasi obbligatorio. Mike Tyson, Micheal Jordan, Pantani, Schumacher. Ecco sì, mio padre credo venerasse più il pilota tedesco che la scuderia emiliana, ogni due settimane, per inevitabili motivi, ero costretto a sorbirmi noiosissime gare di oltre due ore mentre pranzavo da nonna. Non ne capivo nulla, come non ne capisco nulla ora, ma forse per trovare un senso a quel “disagio televisivo”iniziai a tifare Raikkonen.

Tifare è un parolone, semplicemente ho scelto il pilota che preferivo, fosse arrivato primo o ultimo poco importava. Tutto ciò che mi tediava erano le premiazioni che spesso si prolungavano oltre le 15,00 impedendomi di guardare l’inizio delle partite (che allora si svolgevano quasi tutte in contemporanea la domenica pomeriggio). Ma Kimi mi piaceva davvero, forse perché, pur dimostrandosi un vincente, è sempre stato un underdog, l’ultimo barlume di passione per mio padre, uomo d’altri tempi, che nella sua virilità glaciale aveva riposto l’eredita umana di Michael, ma anche di molti tifosi Ferraristi: il finlandese è stato l’ultimo pilota capace di vincere il campionato mondiale col cavallino nell’ormai lontano 2007. Segnando, difatti, il declino, il canto del cigno della casa di Maranello che, nonostante Alonso, Vettel e Massa, non è mai più riuscita ad imporsi a quei livelli.

Kimi Raikkonen è uno dei 5 piloti ad avere superato i 100 podi in carriera, è il pilota con più gare nella storia della F1 ed ha un mondiale all’attivo, ciò nonostante, avrebbe probabilmente potuto vincere di più. Come molti sportivi che ho amato (qui ad esempio un articolo su Borja Valero) Kimi ha anteposto la sua figura umana a quella di sportivo, e la simpatia che ne è scaturita è la naturale reazione a un ragazzo che non si è mai sforzato per trasformarsi in un personaggio ma lo è diventato semplicemente essendo sempre se stesso. Questa estate anche Valentino Rossi ha annunciato il suo addio, a 41 anni proprio come il pilota finlandese, ma le differenze a mio avviso sono molto evidenti. Valentino Rossi nel mondo del Moto Gp ha sempre sguazzato come uno squalo, la sua decisione è figlia della frustrazione di non riuscire più a competere con i nuovi centauri. A Kimi invece non interessava vincere, interessava correre, motivo per il quale già nel 2010 si era ritirato dalla F.1. per dedicarsi al rally, salvo poi tornare un paio di anni più tardi. A Kimi piaceva correre ma non sopportava tutto il resto del mondo della Formula 1, ed è per questo che vogliamo celebrarlo non con una classifica dei suoi sorpassi più sorprendenti (tutti sanno che è stato un grande pilota) ma ricordando i suoi momenti più iconici e divertenti

L’indifferenza a Nicole Kidman:

Iceman è un soprannome che va meritato: perché vieni dalla glaciale Finlandia, per la freddezza che dimostrai in gara o perché puoi permetterti di ignorare una delle attrici più famose e affascinanti del mondo venuta appositamente a trovarti nel box della Ferrari. Magari Kimi, semplicemente, non ha mai visto un film di Nicole Kidman, in ogni caso, interrogato da un giornalista sull’accaduto, si giustificherà così “Perché dovrei parlare con una persona solamente perché è famosa?”.

Le interviste:

Kimi proveniva da una famiglia di meccanici, passò anni a correre nelle gare amatoriali costruendo e riparando il proprio kart autonomamente. Molto plausibilmente, odiava tutti gli altri piloti, considerati, nella maggior parte dei casi, “dei ragazzini viziati figli di coglioni con i soldi”. Kimi Raikkonen, proprio come il già citato Borja Valero col calcio, odiava tutto il contorno della F.1. -il business e la sua lenta trasformazione da sport a show- e questo rancore che trovava la sua massima espressione nelle interviste. Su YouTube potete trovare intere compilation di risposte a monosillabi, noterete che, ogni volta che gli veniva posta una domanda, il pilota iniziava involontariamente a grattarsi. La sua avversione ai giornalisti era fisica, una vera e propria orticaria.

La fuga nello yacht:

Montecarlo 2006, uno dei gran premi più prestigiosi del mondiale, unico circuito cittadino dei tempi. Il motore della sua Mc Laren si fonde e Kimi non può fare a meno che abbandonare gara e vettura. Dovrebbe rientrare mesto ai box come ogni pilota, invece scavalca le transenne e si dirige, con tanto di casco e tutta ancora addosso, verso il suo yacht. Dopo essersi cambiato, si gusta la fine del gran premio bevendosi una birra sulla sua lussuosa imbarcazione. Eroe.

Le comunicazioni radio:

La natura proletaria del pilota finlandese si è tramutata in una sorte di snobbismo non solo verso gli altri piloti ma anche verso i meccanici (che Kimi spesso trattatava come degli incompetenti). Il pilota finlandese ha ammesso che gli sarebbe piaciuto gareggiare in incognito così da poter stare finalmente solo sulla sua vettura, difatti, le comunicazioni radio sono al secondo posto nella sua classifica dell’odio, dietro solamente alle interviste. Ma ci hanno regalato momenti inarrivabili.

L’ebrezza:

Ahimè, Kimi Raikkonen verrà spesso ricordato nella memoria popolare per le sue imprese alcoliche più che sportive. Non che l’una non potesse andare di pari passo con l’altra, nel 2012, ad esempio, si presentò al Gran premio di Barcellona dopo 16 giorni da ubriaco ed arrivò terzo. I suoi amici e collaboratori più stretti ammettono che, nel privato, Kimi è una persona molto più espansiva e simpatica di come sembra. Le sue apparizioni da ubriaco lo confermano, sicuramente ci passerei volentieri una serata.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >