La leggenda di Iceman: Kimi Raikkonen si ritira

A 41 anni Iceman ha deciso di ritirarsi da un mondo che in realtà non ha mai sopportato. Un pilota che avrebbe sicuramente potuto trionfare di più ma è diventato ugualmente uno dei più grandi personaggi nella storia della F.1.

A me piace il calcio, a mio padre la Formula 1. Mio padre in pratica seguiva la Ferrari come io seguo la mia squadra del cuore. Ma la Ferrari è un orgoglio nazionale, la seguono tutti, anche chi non s’interessa a questo sport. In un’epoca in cui non esistevano ancora i social e la mitologia era ancora veicolata dalle televisioni, rimanere ammaliati dalle figure dei grandi personaggi di ogni disciplina era quasi obbligatorio. Mike Tyson, Micheal Jordan, Pantani, Schumacher. Ecco sì, mio padre credo venerasse più il pilota tedesco che la scuderia emiliana, ogni due settimane, per inevitabili motivi, ero costretto a sorbirmi noiosissime gare di oltre due ore mentre pranzavo da nonna. Non ne capivo nulla, come non ne capisco nulla ora, ma forse per trovare un senso a quel “disagio televisivo”iniziai a tifare Raikkonen.

Tifare è un parolone, semplicemente ho scelto il pilota che preferivo, fosse arrivato primo o ultimo poco importava. Tutto ciò che mi tediava erano le premiazioni che spesso si prolungavano oltre le 15,00 impedendomi di guardare l’inizio delle partite (che allora si svolgevano quasi tutte in contemporanea la domenica pomeriggio). Ma Kimi mi piaceva davvero, forse perché, pur dimostrandosi un vincente, è sempre stato un underdog, l’ultimo barlume di passione per mio padre, uomo d’altri tempi, che nella sua virilità glaciale aveva riposto l’eredita umana di Michael, ma anche di molti tifosi Ferraristi: il finlandese è stato l’ultimo pilota capace di vincere il campionato mondiale col cavallino nell’ormai lontano 2007. Segnando, difatti, il declino, il canto del cigno della casa di Maranello che, nonostante Alonso, Vettel e Massa, non è mai più riuscita ad imporsi a quei livelli.

Kimi Raikkonen è uno dei 5 piloti ad avere superato i 100 podi in carriera, è il pilota con più gare nella storia della F1 ed ha un mondiale all’attivo, ciò nonostante, avrebbe probabilmente potuto vincere di più. Come molti sportivi che ho amato (qui ad esempio un articolo su Borja Valero) Kimi ha anteposto la sua figura umana a quella di sportivo, e la simpatia che ne è scaturita è la naturale reazione a un ragazzo che non si è mai sforzato per trasformarsi in un personaggio ma lo è diventato semplicemente essendo sempre se stesso. Questa estate anche Valentino Rossi ha annunciato il suo addio, a 41 anni proprio come il pilota finlandese, ma le differenze a mio avviso sono molto evidenti. Valentino Rossi nel mondo del Moto Gp ha sempre sguazzato come uno squalo, la sua decisione è figlia della frustrazione di non riuscire più a competere con i nuovi centauri. A Kimi invece non interessava vincere, interessava correre, motivo per il quale già nel 2010 si era ritirato dalla F.1. per dedicarsi al rally, salvo poi tornare un paio di anni più tardi. A Kimi piaceva correre ma non sopportava tutto il resto del mondo della Formula 1, ed è per questo che vogliamo celebrarlo non con una classifica dei suoi sorpassi più sorprendenti (tutti sanno che è stato un grande pilota) ma ricordando i suoi momenti più iconici e divertenti

L’indifferenza a Nicole Kidman:

Iceman è un soprannome che va meritato: perché vieni dalla glaciale Finlandia, per la freddezza che dimostrai in gara o perché puoi permetterti di ignorare una delle attrici più famose e affascinanti del mondo venuta appositamente a trovarti nel box della Ferrari. Magari Kimi, semplicemente, non ha mai visto un film di Nicole Kidman, in ogni caso, interrogato da un giornalista sull’accaduto, si giustificherà così “Perché dovrei parlare con una persona solamente perché è famosa?”.

Le interviste:

Kimi proveniva da una famiglia di meccanici, passò anni a correre nelle gare amatoriali costruendo e riparando il proprio kart autonomamente. Molto plausibilmente, odiava tutti gli altri piloti, considerati, nella maggior parte dei casi, “dei ragazzini viziati figli di coglioni con i soldi”. Kimi Raikkonen, proprio come il già citato Borja Valero col calcio, odiava tutto il contorno della F.1. -il business e la sua lenta trasformazione da sport a show- e questo rancore che trovava la sua massima espressione nelle interviste. Su YouTube potete trovare intere compilation di risposte a monosillabi, noterete che, ogni volta che gli veniva posta una domanda, il pilota iniziava involontariamente a grattarsi. La sua avversione ai giornalisti era fisica, una vera e propria orticaria.

La fuga nello yacht:

Montecarlo 2006, uno dei gran premi più prestigiosi del mondiale, unico circuito cittadino dei tempi. Il motore della sua Mc Laren si fonde e Kimi non può fare a meno che abbandonare gara e vettura. Dovrebbe rientrare mesto ai box come ogni pilota, invece scavalca le transenne e si dirige, con tanto di casco e tutta ancora addosso, verso il suo yacht. Dopo essersi cambiato, si gusta la fine del gran premio bevendosi una birra sulla sua lussuosa imbarcazione. Eroe.

Le comunicazioni radio:

La natura proletaria del pilota finlandese si è tramutata in una sorte di snobbismo non solo verso gli altri piloti ma anche verso i meccanici (che Kimi spesso trattatava come degli incompetenti). Il pilota finlandese ha ammesso che gli sarebbe piaciuto gareggiare in incognito così da poter stare finalmente solo sulla sua vettura, difatti, le comunicazioni radio sono al secondo posto nella sua classifica dell’odio, dietro solamente alle interviste. Ma ci hanno regalato momenti inarrivabili.

L’ebrezza:

Ahimè, Kimi Raikkonen verrà spesso ricordato nella memoria popolare per le sue imprese alcoliche più che sportive. Non che l’una non potesse andare di pari passo con l’altra, nel 2012, ad esempio, si presentò al Gran premio di Barcellona dopo 16 giorni da ubriaco ed arrivò terzo. I suoi amici e collaboratori più stretti ammettono che, nel privato, Kimi è una persona molto più espansiva e simpatica di come sembra. Le sue apparizioni da ubriaco lo confermano, sicuramente ci passerei volentieri una serata.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >