Cominciano le riprese di “Trainspotting 2”, ecco cosa sappiamo del film

E per Begbie – ovvero l’attore Robert Carlyle – “È uno dei cazzo di migliori copioni che abbia mai letto”. Si comincia bene

Cinema
di Gabriele Ferraresi facebook 31 marzo 2016 14:39
Cominciano le riprese di “Trainspotting 2”, ecco cosa sappiamo del film

Il poster originale di Trainspotting  Il poster originale di Trainspotting (1996)

 

Ne scrivevamo poche settimane fa, di come Trainspotting – il primo, quello di Danny Boyle, quello che ci ha fatto conoscere Renton, Sick Boy, Spud, Begbie e compagnia  – fosse l’ultimo grande film generazionale.

Forse però sarà il penultimo, perché è in arrivo il seguito, Trainspotting 2 – un sequel di cui si parla almeno dal 2009 – ma adesso si sa qualcosa di più, le prime riprese sembra siano già partite, lo ha confermato il regista Danny Boyle su Facebook, ma la data di maggio 2016 è quella ancora presentata come ufficiale per il primo ciak. Per cui, praticamente domani. Uscita nei cinema? Più avanti, sicuramente nel 2017 ma non sono ancora note date ufficiali.

Che cosa sappiamo del secondo episodio della saga dei nostri eroinomani scozzesi preferiti, quelli di cui abbiamo consumato il VHS? Per ora buone notizie, nel senso che la squadra del primo film, del 1996, ci sarà al gran completo. Confermati quindi i protagonisti Ewan McGregor, Jonny Lee Miller, Ewen Bremner e Robert Carlyle, così come alla regia Danny Boyle, e confermato anche l’autore dello script John Hodge.

 

“We’re up in Scotland filming Trainspotting 2 just now. I think what I love most about what I do is the variety, and…

Posted by Humans of Edinburgh on Wednesday, March 9, 2016

 

Irvine Welsh, l’uomo che ha fondato il mito Trainspotting con l’omonimo romanzo, uscito nel 1993, ha confermato che le riprese avverranno in Scozia, a Edinburgo e Glasgow – per chi vuole approfondire, intervista completa su Glasgowist – mentre per quel che riguarda la sceneggiatura, sarà probabilmente ispirata a Porno, il secondo capitolo della saga letteraria. Digital Spy ci ha giocato qualche mese fa, immaginando in un poster gli stessi protagonisti del Trainspotting originale, riproposti oggi.

 

 

No, non sarà così. Però fa un certo effetto comunque  No, non sarà così. Però fa un certo effetto comunque

 

Che altro sappiamo? Ewan McGregor ha spiegato a Collider che la sceneggiatura lo convince – finalmente – e che “È davvero, davvero, davvero buona. Penso che se non lo fosse stata nessuno di noi avrebbe partecipato. Siamo molto protettivi nei confronti di quello che ‘Trainspotting’ vuol dire per le persone, e anche per quel che vuol dire per noi. Nessuno vuole fare un sequel fatto male“. Il vecchio Begbie invece – ovvero l’attore Robert Carlyle – ha già detto la sua, ha letto lo script e ha spiegato a NME che “È uno dei cazzo di migliori copioni che abbia mai letto“. Sintetico. Crediamogli.

Speriamo che il suo entusiasmo sia onesto, e non una bella frase da pr buona per farci un titolo (e comunque lo è, grazie Robert, grazie pr). Anche perché la carriera è la sua, ma al cinema ci andiamo noi e Trainspotting non potrà che essere cambiato, come sono cambiati i suoi protagonisti – e, figuriamoci, anche noi – ormai più di vent’anni dopo.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)