Geek
di Mattia Nesto 3 Dicembre 2019

25 anni di PlayStation, la console che ha cambiato il mondo dei videogiochi per sempre

Il 3 dicembre 1994 usciva la console Sony che ha marchiato a fuoco una generazione

Se perfino Alessandro Baricco nel suo The Game ha scritto che l’uscita della prima PlayStation (che, lo ricordiamo per aiutare gli editor boomer, si scrive tutto attaccato) è stato un evento storico fondante e fondativo della nostra epoca digitale, qualche merito la console grigio-topoqualche merito l’avrà pure avuto no? Scherzi a parte venticinque anni fa usciva la “la stazione per i giochi elettronici” e niente sarebbe stato più come prima. In questo pezzo vi diamo cinque motivi per cui questo anniversario andrebbe segnato con il pennarello rosso sul calendario.

Massa e potere

E dire che la storia sarebbe potuto andare in maniera molto diversa, neppure fossimo nella linea temporale di Watchmen. Già perché almeno fino al 1992 la possibilità di avere come home-console la fantomatica console che univa Nintendo e Sony era molto più che una sparata ma un vero e proprio progetto industriale. Dopo che infatti il Super Nintendo aveva, di fatto, vinto la console-war con Sega la casa giapponese cercava nuovi alleati per fare il definitivo balzo in avanti e diventare “l’unica e sola” console da avere per i videgiocatori di tutto il mondo. Ecco allora che la casa di Super Mario aveva messo gli occhi proprio su Sony che, all’epoca, non aveva mai flirtato con il mondo del gaming. Dopo anni e anni di progetti, piani industriali e, addirittura, quasi duecento esemplari della misteriosa, e introvabile, console ibrida, non se ne è fatto più nulla. Da un lato infatti Sony partirà in solitaria con la PlayStation mentre Nintendo presenterà, di lì a poco, il bellissimo (e potentissimo) Nintendo 64.

 

Marketing e creatività

Se siete grandi abbastanza da ricordarvi gli spot che passavano in televisione o che finivano sulle riviste del settore potrete convenire come, almeno in quel periodo, l’ufficio stampa e marketing di Sony fosse popolato da veri e propri geni del settore. L’idea infatti di presentare la console come una vero e proprio step evolutivo del genere umano, con tanto di spot che occhieggiava agli esperimenti scientifici è stato un grande colpo di classe così come, del resto, le tambureggianti pubblicità che finivano con riviste e che erano contraddistinte da un linguaggio e da un modo comunicativo del tutto innovativo per l’epoca.

Come, non sempre ma spesso, accade insomma la “concorrenza ha fatto bene al mercato”. Almeno al mercato degli uffici stampa ecco.

Una console per domarli

Nonostante, ad oggi, la console che registra il maggior venduto sia ancora la PlayStation 2, la prima Play è stata rivoluzionaria anche per la capillarità con cui è entrata nelle nostre case. Già perché se venticinque anni fa per poterla acquistare, oltre a doversi rivolgere ad un negozio aduso al mercato di importazione, bisognava sborsare quasi 800 euro (che, all’epoca, equivalevano al famoso “un milione e mezzo” di lire, ovvero un signor stipendio) ben presto il prezzo medio si attesta su un giusto-compromesso tra le quattrocento e le cinquecento mila lire. Certo un costo considerevole ma sicuramente inferiore ai pc e che ti permetteva di giocare a titoli superbi tra cui, per esempio, Final Fantasy VII, il primo della serie a non essere uscito per Nintendo. Quel “gran tradimento” di Squaresoft è stato, va anche detto, uno dei motivi trainanti per cui, tra il 1997 e il 1998 molti di noi hanno capito la potenzialità del “microcredito” risparmiando fino all’ultima paghetta settimanale.

Il controller migliore del mondo

Ora magari il nostro giudizio è dettato un po’ dal ricordo distorto però vi ricordate i controller “che giravano” prima di quello della PlayStation. Al di là della forme che ricordavano quelle delle tavolette ittite, se uno non era Gianni Morandi aveva, certamente, una qual difficoltà a pigiare i tasti con semplicità, visto che si ragionava tutto sul’ampiezza dei controller e anche quelli del Sega Mega Drive, fatti a croissant, non è che brillassero per bellezza. Invece con PlayStation, con il controller a doppio becco ricurvo e dalle dimensioni “giuste” finalmente giocare non era più una roba frustrante e con il rischio di beccarsi una tendinite immediata. Si poteva giocare, per delle ore, senza troppi rischi. Ecco perché chi ha iniziato a videogiocare seriamente resistendo alle torture di Revolver Ocelot in Metal Gear Solid 1 oggi ha “i diti de fero”.

Pop-culture

È vero che già nel 1994 “Nintendo” “era” Nintendo  e anche le varie console di casa Sega aveva riscosso un grande successo. Eppure dire “PlayStation”, a livello di pop-culture, dal 1994 in poi voleva dire e per certi aspetti ancora vuol dire per antonomasia “videogioco”. Infatti la console di Sony è diventata una vera e propria icona culturale che, come giustamente canta Niccolò Contessa in “Non finirà”: “Riportiamo le filosofie in cantina con le religioni e la PlayStation 2” (ok è la seconda PlayStation ma facciamo finta di nulla e quel pad è del Super Nintendo).

In attesa quindi che venga esposta al museo a fianco, per dire, di un foglio di papiro o di un libro pergamenato (ma in qualche museo in giro del mondo già la si può beccare) non possiamo che, nella sua versione originale o nella più recente versione “mini”, salutare con grande affetto quel parallelepipedo grigino che ci occhieggia di fianco al televisore.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >