Geek
di Mattia Nesto 20 Luglio 2021

Beyond the Clouds: il manga ispirato da Final Fantasy

Il risultato della somma tra gli immaginari di Final Fantasy e dello Studio Ghibli. J-Pop porta in Italia un manga che ha avuto un successo clamoroso in Francia e Giappone. Spoiler: è bellissimo

Alle volte basta letteralmente una frase per farti innamorare di un’opera ancora prima di averne letto una singola riga, una determina vignetta. “Adoro il pezzo A Fleeting Dream di Final Fantasy X. Non ci ho mai giocato, quindi non so a che parte della storia corrisponda, ma mi ha ispirato l’immaginario dell’universo di Beyond the Clouds“. Ecco, è esattamente quel che è successo quando Nicke, la simpaticissima autrice di questo fumetto, è stata intervistata dalle ragazze e dai ragazzi di J-Pop, editori della storia.

La mangaka, che già all’epoca era un’autrice di culto in Francia e in Giappone, ha spiegato con disarmante sincerità sia le ispirazioni della sua opera che le varie tappe del lavoro necessarie per comporla, a partire dal concept fino alla costruzione dei personaggi. Ecco, adesso che finalmente il manga è uscito anche da noi ve lo posso dire: prendete l’orizzonte di FF (soprattutto del nono capitolo) e mischiatelo con Made in Abyss, in una versione leggermente più dolce e meno dolorosa. Ecco, avrete Beyond the Clouds, il risultato della somma tra gli immaginari di Final Fantasy e dello Studio Ghibli. Mica cotica, vero?

Beyond the Clouds è quello che si può definire un manga classico abilmente containato dal moderno. La storia inizia con un incipit talmente riconoscibile che basta scorgere per la prima volta Theo, il protagonista del racconto insieme a Mia, per sentirsi di nuovo a casa. Siamo infatti in un mondo steampunk in cui la tecnologia meccanica si fonde con un cosmo fatto di magia e creature fantastiche di cui però, ormai, nella città gialla, si è persa ogni traccia. La memoria di quest’altra “parte del mondo” è contenuta appunto nei libri, libri che Theo, sin dalla tenera età divora prima di andare a dormire. Poi la vita, il lavoro e gli affanni quotidiani, il sogno di Theo, fare “l’avventuriero”, pare essere tramontato da tempo.

Quest’opera parla del piacere e della vitalità che si prova nel leggere, nell’avere a che fare con storie, nello scoprire nuove avventure. Se fossimo in un’aula di università potremmo benissimo definire il racconto “picaresco”, la narrazione non fa attendere il lettore. Bastano poche vignette, in cui Nicke fonda il set della storia, per entrare subito nel vivo. Proprio dal cielo, mentre Theo sta cercando rottami in discarica, “cade” una creatura misteriosa, metà ragazza e metà angelo. Mia, lo capiamo immediatamente, non fa parte “del mondo abituale”. Theo non si stupisce, da avido lettore conosce perfettamente questo tipo di creature, in fondo, anche nella stessa città gialla coesistono esseri umani con animali antropomorfi. Eppure individui come Mia, seppur conosciuti, erano praticamente considerati scomparsi. Mia ha un’ala rotta, il nostro protagonista, homo faber per eccellenza, si mette subito al lavoro per ripararla. La “tecnologia” che si fonde alla magia è un altro aspetto caratteristico di Final Fantasy.

Ma gli elementi à la Final Fatasy non finiscono qui, e l’ultimo è anche il più importante: l’avventura in viaggio. Per una serie più o meno sfortunata di eventi che non voglio rivelarvi i due dovranno ben presto mettersi in cammino. L’ambientazione cambierà di continuo e, neppure fossimo in Trials of Mana (guarda casa sempre di casa Square Enix), avremo anche a che fare con foreste e scenari misteriosi. Anche se non avete mai giocato a Final Fantasy, io mi sono innamorato di questo manga per le sue atmosfere fiabesche, i suoi personaggi deliziosi e il tratto, certamente zuccheroso ma anche poetico e leggiadro di Nicke.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >